Vai al contenuto

Girls girls girls

25 settembre 2018

 

Questi due  video sono praticamente  contemporanei ,vengono fuori alla  fine  degli anni 80, li ho messi perchè ,nel primo c’è il fischio per  strada e  il secondo le  molestie  per  strada … mi domando se, al giorno d’oggi video del genere  potrebbero ancora  essere  trasmessi in onda, comunque  sia  questo preambolo perchè ho letto questa  testimonianza  …..

Mia sorella ha 12 anni, una bella parlantina e anche una gran testa dura. È sincera, leale e speciale, ma io probabilmente sono di parte. Mia sorella ha una particolarità che la contraddistingue, di cui è sempre andata fiera: i suoi lunghi e bellissimi capelli biondi. Mia sorella, però ha anche un grosso problema: è nata femmina. Questa sera a mia sorella è arrivata la prima molestia da parte di un uomo, anzi un verme, e tutto è avvenuto sotto i miei occhi. Una scena che tutte noi purtroppo conosciamo, una routine a cui siamo abituate, tutte, dalla prima all’ultima, un modus vivendi assodato nella nostra società: un uomo, fermo con le quattro frecce lungo la strada le ha urlato “Ma guardate che bella bionda”. Riportata così la frase pare quasi un complimento, ci potrà essere chi penserà che stia facendo un monologo per nulla, purtroppo il tono non lo posso riprodurre tramite delle parole scritte, ma io lo conosco bene, è quello lascivo a cui tutte noi, almeno una volta nella vita, qualcuno si è rivolto, perché magari quel giorno avevi deciso di metterti la gonna che ti piaceva tanto, oppure perché la tua altezza ti fa spiccare rispetto alle altre persone, o magari semplicemente il perché non lo comprendi. Fatto sta che il mio istinto da pit-bull è fuori uscito prorompente, e mi sono voltata nella direzione dell’uomo, pronta a rifilargli un secco “ma che cazzo vuoi pervertito di merda!”. Ma nulla di tutto ciò è uscito dalla mia bocca, perché anche io ho un grosso problema: anche io sono una femmina. Ho notato subito che non era da solo, ma si accompagnava ad altri quattro uomini che ridacchiavano, come se a 40 anni l’importunare una bambina (perché mia sorella non ha minimamente il corpo da donna ed è ancora una bambina) fosse il massimo. In quel momento mi sono sentita impotente, inutile e assolutamente fragile. Nella mia testa ho scartato l’opzione di rispondergli a tono perché avevo paura, per me ma ancora di più per mia sorella, loro erano in quattro, se fossero scesi dalla macchina cosa avrei potuto fare? E allora sono stata zitta, ho ingoiato un rospo più amaro del solito, perché questa volta non se l’erano presi con me, ma addirittura con la mia sorellina che ha ben dieci anni in meno rispetto a me. Però il mio orgoglio non mi ha evitato lo sguardo carico di disprezzo nella loro direzione. E la cosa aberrante è che quel verme ha avuto l’acume di commentare “Cos’ha quella? È gelosa forse?”. In quel momento l’unico mio pensiero è stato “se qua al mio posto ci fosse stato mio fratello non si sarebbero permessi, e se lo avessero fatto io avrei reagito, perché sarei stata un uomo”.
Tutto questo per dire che viviamo in una società davvero marcia, senza nessun valore, senza nessun rispetto, ma sembra che vada bene così a tutti. Parliamo tanto di femminismo e di parità dei diritti, ci battiamo per poter avere uno stipendio equo a quello di un uomo, fatichiamo tanto e poi mia sorella inizia a chiedersi se si debba tagliare i capelli, perché attirano troppo l’attenzione. Che società è questa, che porta una bambina a sentirsi sbagliata solo perché ha una particolarità. La verità è che non basta più essere impegnate, essere audaci e farsi valere: c’è bisogno che agli uomini venga insegnato il rispetto, e questo deve partire dalle famiglie, affiancate dalla scuola.
Noi tutte, sono sicura che non ce n’è una fra di noi, se dobbiamo tornare a casa da sole a piedi di sera abbia paura. Paura di imbatterci nello squilibrato di turno che ti fa il commento su quanto sei bella, del vecchio che ti palpa il sedere mentre sali sul bus, del coglione che fa commenti sul tuo culo mentre fai jogging, del deficiente che si permette di commentare le tue tette perché hai una maglia leggermente scollata e un bel seno, e poi magari si indigna se vede una mamma che allatta. Io esigo per tutte noi il diritto di sentirci sicure, anche alle 5 del mattino, quando siamo alla fermata del bus per andare al lavoro o per tornare a casa dopo la discoteca, anche alle 7 30 di sera, magari in pieno inverno quando è già buio, mentre alla stazione aspettiamo il treno per tornare a casa dopo una giornata in università, senza avere l’ansia di essere aggredite verbalmente o/e fisicamente. È forse chiedere troppo la stessa sicurezza che ha un ragazzo? È forse tanto non voler avere sempre la sensazione di averla scampata, almeno per questa volta?
Abbiamo raggiunto tanti, anzi tantissimi grandi traguardi, dal suffragio universale al divorzio, dall’aborto all’abolizione dell’omicidio d’onore e del matrimonio riparatore, ma io voglio di più, esigo di più! Per me, per mia sorella, per mia madre, per mia cugina, per mia nonna, per tutte le donne che si sentono sempre insicure da sole, perché non è giusto avere paura di camminare per strada, non è giusto che quando veniamo stuprate il processo venga fatto alla donna: incominciamo a chiederci perché gli uomini sono così, che cosa possiamo fare per cambiare questo pensiero misogino e maschilista che ancora impregna questa società? Forse la risposta è ancora una volta nelle nostre mani, forse starà a noi donne ferite da questa società cambiarla, educando, da mamme o da insegnanti, le future generazioni al rispetto, che sia esso di genere, di credo politico o religioso, di etnia, di cultura e inculcarlo una volta per tutte come principale valore sopra ogni altro. Allora forse ci sarà un mondo in cui mia sorella non si dovrà preoccupare dei suoi bellissimi e magnifici capelli biondi, non li nasconderà più sotto alla giacca, ma li sfoggerà fiera e felice, come dovrebbe essere. Forse è solo una mia utopia, ma in fondo sognare ci è ancora concesso.

Lascio l’anonimato e  tralascia  la  pagina  facebook dove  ho letto questa  testimonianza, anche  se  è tutto alla  luce del sole

Partiamo subito che, un gruppo di uomini (lei ha  detto sulla  quarantina) ,non veda  che  è una  bambina  di 12  anni e  gli fanno pure  delle “avance”, sono dei coglioni totali ,e  la testimonianza  poteva  finire in quattro righe,  cioè dei coglioni hanno fatto delle  avance  a  mia  sorella  che  ha  12 anni ,purtroppo di coglioni ne  è pieno il mondo (anche  dalla  parte  femminile) ,invece  no ,la  nostra  amata  femminista  universitaria  (credo che  le  fanno con lo stampino) ha  voluto rincarare  la  dose, e  da  questi 4 coglioni ne  è scaturita  la  solita risposta, cioè   che  bisogna  cambiare  gli uomini

Si parla  della  paura  delle  strade alle  ore  buie (davvero gli uomini sono immuni ?) e  di altre  situazioni dove  le  donne  sono in pericolo ( ma  se gli omicidi, anche  se  in calo, colpiscono più gli uomini ) di pericoli di stupro e  cosi via

Posso portare  la  mia testimonianza  che,  circa  l’eta  della  bambina, durante  una gita  scolastica  c’era  una  che  rompeva  le  palle (senza  che  io avessi provato in nessun modo )  a  deridermi che  ero bello (ed è vero il tono di voce  non lo si può scrivere)  forse  non era  una  molestia, ma  una  rottura  di palle  quello si ,eppure  ero un maschio

Comunque  il punto fondamentale  è uno solo ,questa  sinistra al caviale  crede  che  sia  progressista voler  cambiare  gli uomini (non nel senso di umanità, ma  proprio nel senso di maschi)  come  se  i maschi si comportassero tutti allo stesso modo, circa  è lo stesso pensiero di chi vuole  cambiare  le  etnie  o espellerle

Il femminismo sarà anche  per  la  parità, ma intanto non fa  altro che  parlare  male  dei maschi (chiara  la  sua  natura  misandrica)

Mi si dirà , voi parlate  male  delle  donne ,non so in altri posti ,ma  in uomini beta e, spero vivamente, in questo spazio, si cerca  di sconfiggere  un pensiero che, per  noi è sbagliato ,uomo o donna  che  lo porta  avanti ? Non fa  la  differenza

10 commenti leave one →
  1. Paolo. permalink
    26 settembre 2018 19:30

    “Si parla della paura delle strade alle ore buie (davvero gli uomini sono immuni ?)”

    quanti uomini conosci che camminado per strada di notte hanno paura di essere aggrediti da una donna e stuprati? Non ho detto “derubati”, ninho detto “picchiati”. Attenzione

  2. plarchitetto permalink
    27 settembre 2018 00:29

    Queste scellerate non hanno ancora capito che stanno condannando le altre donne ad una vita da paranoiche.
    Da sociopatiche.
    Dico le “altre” donne, poiché è chiaro e lampante, dato che anche noi frequentiamo questo pianeta, che si tratta d’una furbesca rappresentazione d’una realtà inesistente costruita da queste cretine a bella posta per veicolare in modalità “drama” il verbo femminista.
    Peccato per loro che la nostra personale esperienza (varrà almeno quanto la loro?) ci portino a dedurre una realtà diametralmente opposta.
    Ragazze giovani e giovanissime, adolescenti, signore di mezza età e a volte pure in età avanzata, che puoi osservare ad occhio nudo adottare comportamenti sociali che…più liberi,…più autonomi,…più estroversi, non ne puoi immaginare.
    E a tutte le ore del giorno e della sera…e pure della notte.
    Quindi?…menzogne. E’ più che ovvio.
    .
    Verrebbe da ribaltare il loro teorema: queste “infelici”…andrebbero educate loro.
    E dalle altre donne di buon senso,…a difesa della propria incolumità psichica.
    Spero solo che ne siano rimaste in numero sufficiente per questo duro e poderoso lavoro di manutenzione.

    • Paolo. permalink
      27 settembre 2018 00:55

      “Ragazze giovani e giovanissime, adolescenti, signore di mezza età e a volte pure in età avanzata, che puoi osservare ad occhio nudo adottare comportamenti sociali che…più liberi,…più autonomi,…più estroversi, non ne puoi immaginare”

      se è vero allora è meraviglioso. Che c’è da rieducare?

      • plarchitetto permalink
        27 settembre 2018 09:13

        Paol*…ho preso l’abitudine di non rispondere ai troll.
        .
        E piantala di scaccolarti il naso,…che fai ribrezzo!

      • Lucy permalink
        11 ottobre 2018 15:28

        Il bello è che si contraddicono pure, i maschilisti.

        prima si lagnano che “le donne non la danno mai!” all’occorrenza però credono a legioni di donne stupratrici che li aggrediscono.

        sì, nei loro sogni… 😀

  3. 8 novembre 2018 19:27

    questa storia dimostra chiaramente che le vere violente sono le donne sono violente dentro e non vedono l’ora di sfogare la loro enorme misandria e per sfogare la loro violenza prendono una scusa ridicola, tantè che un evidente complimento lo trasformano in molestia e simile, questa è la vera realta’ altro che uomo violento…..e questo dimostra anche che se una donna non riesce a connettere, distorcendo la realtà che le si pone di fronte agli occhi (e lo dimostra tutta questa esageratissima descrizione di un piccolissimo fatto di alcun conto come un semplice complimento trasformandolo assurdamente in chissà cosa) tutto ciò dimostra che le donne non sono in grado di andare in giro da sole e stare in società normalmente come fanno gli uomini, questo è comportamento antisociale e chi si comporta così non dovrebbe andare in giri libera e tranquilla, ma al massimo essere accompagnata…..sarà forse questi i motivi perchè in certi paesi le donne non possono andare in giro senza uomini???? ps: che poi una descrizione del genere la dovrebbe fare un uomo che magari si sente insultato per un complimento…..è tutto un’assurdo le realtà che si fanno le donne!!!!

  4. Daniele permalink
    8 novembre 2018 19:55

    Personalmente non credo a una parola di quella tizia e aggiungo che oggi, ciò che un tempo era considerato corteggiamento, è diventato molestia.
    Anzi, “violenza sessuale”.
    Tra l’altro a me non capita mai di assistere a certe scene, anche perché a differenza degli anni Ottanta, cui faceva cenno Mauro, non si usa più fischiare alle donne, tantomeno provarci per strada.
    Questa è roba che appartiene al passato e forse è meglio così.
    Che senso avrebbe provarci con le donne, come si usava fare un tempo, quando dall’altra parte c’è solo fastidio, schifo, disprezzo e derisione?

  5. Daniele permalink
    8 novembre 2018 20:46

    Mauro, oggi sarebbero impensabili anche trasmissioni come questa.

    https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/colpogrosso/tre-ragazze-al-secondo-colpo_FAFU000000399915

    che andarono in onda tra il 1987 e il 1992.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: