Vai al contenuto

Basta che sia maschio

16 Maggio 2022

https://www.la7.it/nonelarena/rivedila7/non-e-larena-puntata-del-1552022-16-05-2022-438404

Mi sono dovuto sorbire un ora di “non è l’arena” con tanto collegamento con “una di meno” (metto la puntata intera e inizia il tutto dopo le due ore)

Naturalmente l’argomento erano gli alpini e le loro molestie

Chiariamo subito che io non ho fatto il militare, quindi tanto meno l’alpino(volevo fare l’aviatore se fossi stato fatto “abile”) e quindi di difendere la categoria mi importa assai poco, ma voglio portare l’argomento su un ‘altra “dimensione”

Nella sala c’erano si Una di meno, ma anche la Santache, oltre a Saverio Tommasi e altre due donne che hanno raccontato la loro vicenda

Dico subito che non ho nessuna difficoltà a credere a loro il perché è molto semplice e ve lo spiego con un esempio

8 Marzo di ormai tanti anni fa, mio padre mi racconta che un gruppo di donne, visibilmente ubriache, passano per Piazza dei Signori (che a Vicenza è il centro nevralgico) e vedono passare un ragazzo dalla pelle nera, come si sono comportate? Si sono messe correre dietro al ragazzo che si è rifugiato dentro a un bar e le donne fuori che gridavano “C’è lo fai vedere, dai bel “moreto”

Chiaro che l’alcool sia da benzina a certi gesti (altro che cultura patriarcale e maschilista), solo che, il caso da me raccontato fa sorridere, mentre qui si è scatenato un caso nazionale

Ma ritorniamo alla Santache che ha messo il punto sui fatti di capodanno fatti da giovani extracomunitari e il silenzio di “non una di meno e non una di meno invece si è mossa contro gli alpini

il comun denominatore” Erano uomini “

Ecco perché anche la pagina del redpillatore che, in molte occasioni, ha ragione da vendere e fa dei post molto arguti ,anche lui si è spinto in modo politico, visto che la Santache ha criticato non una di meno, la si deve osannare mentre, anche lei ha detto che i maschi sono dei bastardi (naturalmente non ha usato queste parole ma lo ha fatto capire)

Quando i gruppi maschili faranno il tifo anche per personaggi che vedono gli uomini sempre come colpevoli stupratori non faremmo mai un passo avanti

Nota a margine… Hanno intervistato anche il molestatore della giornalista e ha detto che, dopo il fatto è stato raggiunto da minacce di morte sia a lui che alla famiglia, strano in mondo a misura d’uomo dove a lui tutto e concesso

5 commenti leave one →
  1. Andrea permalink
    16 Maggio 2022 23:31

    Mauro Recher

    @@
    8 Marzo di ormai tanti anni fa, mio padre mi racconta che un gruppo di donne, visibilmente ubriache, passano per Piazza dei Signori (che a Vicenza è il centro nevralgico) e vedono passare un ragazzo dalla pelle nera, come si sono comportate? Si sono messe correre dietro al ragazzo che si è rifugiato dentro a un bar e le donne fuori che gridavano “C’è lo fai vedere, dai bel “moreto”
    @@

    Nel 2006, quando dalle Marche mi trasferii in provincia di Perugia per motivi di lavoro, ricordo che una sera, insieme a due amici, mi recai in un locale di lap dance denominato “Le streghe” e situato nei pressi di Trevi.
    Bene, per farla corta, poco dopo esser entrato nel locale, una ragazza (gnocca) dell’Est (ungherese per l’esattezza), che con i tacchi arrivava a un metro e 85 (io sono 1,90) mi mise una mano sul cazzo guardandomi negli occhi…
    Non c’è dubbio che lo fece perché ci trovavamo in un contesto dove lei “si sentiva autorizzata a farlo” (altrove non lo avrebbe mai fatto), ma il punto è: avrei dovuto denunciarla ?
    Avrei dovuto picchiarla ?
    Magari avrei dovuto spezzarle un braccio praticandole un Ude Garami ?
    Oppure avrei dovuto soffocarla con un Hadaka Jime ?
    Essendo cintura nera di judo mi ci sarebbe voluto ben poco…
    Ovviamente non feci nulla di tutto ciò.
    Anzi, mi venne da sorridere e quella “tastata” mi eccitò di brutto, tanto è vero che successivamente la portai a cena e me la scopai più volte, per alcuni mesi.

    Per quanto riguarda il resto, credo bisognerebbe iniziare a prendere atto del fatto che alle donne gli uomini piacciono MOLTO MENO di quanto a quest’ ultimi piacciono le suddette.
    Tutto il resto è consequenziale.
    Gli uomini che attraggono veramente le femmine son solo una ristretta minoranza.
    Con gli altri le appartenenti al sesso femminile ci stanno insieme e li sposano per motivi che hanno ben poco a che fare con una reale attrazione verso i medesimi.
    Anzi, ti dirò di più: in molti casi le femmine son realmente schifate dagli uomini.
    Basta osservare i loro comportamenti e ascoltare attentamente quel che dicono ogni giorno.
    Per me questo è un fatto che ai ragazzi andrebbe insegnato anche a scuola.

    • 17 Maggio 2022 11:47

      Azz, mi hai fatto aprire un cassetto della memoria, non amo molto andare nei locali di lap dance ,dopo 2 ore mi annoio e mi rompo il cazzo ,comunque sia ,vado dentro e mi siedo su un divano ,dopo un poco mi arriva una che si butta a capofitto sui genitali (sono malato di reni e in quel periodo non stavo benissimo),ovviamente era u trucco per portarti nel privè, nella stessa serata ,mi siedo ancora sul divano, e una con delle tette esagerate me li strofina nella faccia ,ovviamente ho reagito come hai fatto te, con un sorriso ,tutto questo posta che hai ragione anche nel finale, molte donne schifano gli uomini e accettano una esigua minoranza,se no ,non si spiegherebbe questo caso degli alpini

      • Andrea permalink
        19 Maggio 2022 00:59

        Calcola che una di queste femminucce molestate (?) ha dichiarato quanto segue:
        “Mi hanno detto che ho belle gambe, mi sono sentita stuprata”

        Dico, ma ci rendiamo conto del livello di follia alla quale sono arrivate queste donnicciole moderne ?
        Un apprezzamento del genere, paragonato a un vero stupro..
        E’ da mandarle affanculo all’ istante, perché un conto è una vera molestia e una vera violenza, così come è criticabile un atteggiamento e un linguaggio da cafoni, e un conto è un uomo (o più uomini) che fanno un apprezzamento del genere, che anzi, dovrebbe essere gradito.
        E vabbe’, non a caso nel forum sulla questione maschile ero solito definirle delle ammoscia cazzi.
        Ma il fatto ancor più divertente è quello di cui parlavano già in passato alcuni pionieri della QM, come Silver, Strider, Reduan, etc, e cioè che secondo la propaganda mediatica che ammorba l’Occidente da decenni, i ruoli si sarebbero invertiti (?) ormai da tempo, per cui gli uomini sarebbero impauriti da questa stratosferica iniziativa e aggressività (sessuale e non) femminile…
        Quando leggo merdate del genere, non so se incazzarmi o ridere, considerando che se un uomo medio aspetta l’iniziativa femminile, arriva a 50 anni vergine.

        Mauro
        @@
        tutto questo posta che hai ragione anche nel finale, molte donne schifano gli uomini e accettano una esigua minoranza,se no ,non si spiegherebbe questo caso degli alpini
        @@

        Di questo ne sono assolutamente convinto: l’uomo medio non scatena assolutamente nulla nella femmina media.
        Basta dire che ila prostituzione maschile è rivolta quasi esclusivamente ad altri uomini, al contrario di quella femminile che è rivolta agli uomini e non alle donne…
        Non parliamo poi del fenomeno dei cosiddetti incel, che in una presunta società libera, non dovrebbero nemmeno esistere.

  2. 20 Maggio 2022 00:36

    Quando frequentavo il liceo, se perdevo il treno delle 7,30 mi toccava prendere quello successivo alle 8,30.
    Sul tragitto casa-stazione dovevo passare davanti ad un istituto tecnico femminile (segretarie d’azienda) che a quel’ora era stracolmo di ragazze sia alle finestre che in capannelli sul portone d’ingresso.
    Ogni volta erano fischi ed apprezzamenti ad alta voce.
    Eh si…le donne, quando si trovano “in branco” si spalleggiano e spesso sfoggiano la stessa verve goliardica degli uomini.
    Devo ammettere che provavo un po’ di imbarazzo (misto però a compiacimento)…ma mai ho risposto o accennato ad una reazione.
    Sorridevo e tiravo dritto.
    Più volte m’è capitato invece di essere strombazzato o apostrofato da gruppi di ragazze/donne in macchina.
    Medesima mia reazione.
    Quando lo racconto pubblicamente, alcune…per sostenere la loro tesi da barricata, mi dicono che all’epoca avrei dovuto “reagire” e oggi “denunciare”.
    Altre, abilmente, azzardano che le mie esperienze sono eccezionali e che in quanto tali non fanno testo.
    Altre ancora affermano che in realtà quelle donne mimavano, più o meno consciamente, oscenità maschili.
    Quasi tutte loro sostengono più o meno velatamente che in realtà le “molestie femminili” in fondo siano piacevoli all’uomo…ma non viceversa.

    Penso che tutto ciò si spieghi per la sostanziale inesistenza del racconto pubblico (mediatico) del vissuto maschile su temi di questa natura (affidato ad essi stessi) .
    Un’assenza che, le poche volte che accade, finisce per renderlo incredibile, eccezione che conferma la regola.
    Abbonda di contro una sua ricostruzione operata dall’esterno.
    Una rappresentazione falsificata, di parte, grottesca, faziosa, strumentale.
    Animata da pregiudizio.
    A cui, bisogna ammetterlo, non partecipa solo il mondo femminile ma anche una numerosa quota di uomini.
    La campagna mediatica sui fatti di Rimini, messa in atto da NUDM, è tutta dentro questo filone narrativo.

    • 20 Maggio 2022 00:51

      “…non andiamo a cercare un singolo colpevole ma stiamo facendo un discorso sistemico.
      A questo, infatti, si stanno aggiungendo tantissime altre testimonianze di violenze sessuali che numerose donne in Italia – conclude l’associazione – in contesti di grandi eventi e non solo, stanno subendo”

      Dal comunicato di NUDM-Rimini
      .

      E’ la conferma di ciò che affermo.
      Lo scopo è la colpevolizzazione collettiva degli uomini.
      Le denunce penali divengono dettagli insignificanti, indifferente che si concludano con condanne o assoluzioni.
      Sono solo un contorno…
      Verranno buone per un secondo tempo (giudiziario) di la da venire.
      Una seconda mèsse di raccolto, in cui anche le eventuali assoluzioni verranno utilizzate per confermare il racconto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: