Vai al contenuto

Cosa è la destra cosa è la sinistra

13 settembre 2021

Guardate questo video del buon cavaliere Silvio Berlusconi

Questo è il commento di Pier Luigi Alba che copio paro paro

Nel 2006 (centro destra regnante) Berlusconi, accerchiato giudiziariamente (in modo più che sospetto) da alcune procure, da mandato alla Carfagna, Ministro per le Pari Opportunità, di commissionare alla femministissima Linda Laura Sabbadini (direttrice del dipartimento ISTAT preposto) la famigerata Indagine conoscitiva sulla violenza maschile.Per ricostruirsi l’immagine di leader legalitario-securitario agli occhi dell’opinione pubblica (soprattutto femminile) bombardata mediaticamente dal braccaggio giudiziario, Berlusconi (quindi il centro-destra, data la sua essenza di leader maximo) butta nell’altare sacrificale gli uomini.Che da quella indagine escono rappresentati peggio degli ebrei nei Savi di Sion.Da quel momento è un crescendo.Che ci ha portati fino alla situazione attuale, in un clima da crociata.La prova di ciò che affermo, sta nello spostamento di Mediaset nel campo del progressismo-culturale a trazione femminista, pur continuando ad essere un punto di riferimento politico del centro destra (basta ascoltare i suoi TG).Da allora in poi le deputate del CDX costituiscono un coordinamento parlamentare permanente con quelle del CSX per, appoggiare ogni provvedimento legislativo in favore delle donne o che penalizzi gli uomini.Salvini candida la ultrafemminista Giulia Bongiorno, prima in parlamento e poi la propone come ministro.In questo quadro desolante, sta la candidatura di Fabrizio Marchi (come indipendente) in un partito marxista.Ognuno tragga le sue considerazioni.

Niente altro da aggiungere, no anzi 92 minuti di applausi

One Comment leave one →
  1. 17 settembre 2021 11:18

    Caro Mauro, oltre a ringraziarti per la citazione, mi preme contestualizzarla per renderla più comprensibile, dato che ho espresso quel contenuto all’interno di un gruppo chiuso che si occupa di tematiche maschili (CromosomaY) e che vede al suo interno moltissimi utenti, credo la stragrande maggioranza, con orientamento politico diverso ed opposto a quello di Fabrizio Marchi.
    In modo più che legittimo naturalmente, dato che la QM, penso da sempre, è caratterizzata dalla compresenza di soggetti con diverso credo politico e culturale.
    Un “problema” che però si è rivelato essere, questo la mia visione, una sua straordinaria forza.
    Una coabitazione coatta che, se nel tempo ha spinto fuori qualcuno, ha costretto tanti…tantissimi a rivedere le proprie rigidità e le proprie certezze, accettando “buongrado-malgrado” la prospettiva dell’altro.
    Ha obbligato moltissimi di noi a doversi sintonizzare.
    In una dinamica da trincea, s’è creato un frontismo di necessità determinato dalla natura (ideologica) dell’attacco, che nonostante l’evoluzione del MoMas, prosegue ancora oggi.
    Una disomogeneità irrisolvibile, dati cause, che però…senza dover traguardare troppo lontano, è proprio ciò che ha permesso la rapida (in termini storici) e vittoriosa propagazione del femminismo in occidente.

    Quel video e quel commento erano un “pro-memoria” all’interno di una franca discussione (come sempre avviene in quella pagina) in cui si dibatteva dell’appoggio elettorale a Fabrizio Marchi per le elezioni amministrative prossime a Roma, che alcuni utenti, me e te compresi, da varie settimane caldeggiano.
    Era una risposta a chi, ponendo la questione di una insuperabile pregiudiziale, la corroborava affermando che il CDX politico-partitico fosse più idoneo ed efficace al contrasto di quella che veniva rappresentata come una “deriva femminista” attribuibile alla “sinistra”.
    Quel documento, per certi versi impressionante, smentisce clamorosamente quella tesi.
    Come, per convesso, la smentisce la produzione industriale dei contributi di Marchi, la maggior parte dei quali reperibili in rete.
    Sul tema quindi…”Se Atene piange, Sparta non ride”.
    Sarebbe il caso, come ha scritto di recente qualcuno molto più titolato di me, e non per la prima volta, di accantonare questi inutili, inoperosi e fallimentari distinguo in circostanze come questa.
    Non avvedersene è una cecità imperdonabile.
    Dato che “Serse”, col suo esercito imperiale, è di nuovo dall’altra parte delle mura che preme.
    E non possiamo più rimanere in 300.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: