Vai al contenuto

Per Paolo

6 luglio 2020

Per Paolo Scatolini

Lo so potrebbe essere  un post un pochino strano ,ma  ho una  domanda  da  fargli

Penso che  avrai visto (è diventato virale  in pochi minuti) il video del gatto cucinato dall’extracomunitario

Vorrei sapere  una  tua  opinione  che  ho in mente  poi di scrivere  qualcosa  a tal proposito

Per  gli altri ,potete  commentare (ovvio)   ,ma  mi interessa  il pensiero di Paolo Scatolini

78 commenti leave one →
  1. 6 luglio 2020 18:21

    Non ho visto il video e non voglio vederlo

    • 6 luglio 2020 19:16

      Infatti non l’ho messo perchè il sottoscritto ama particolarmente i gatti (ne ho sempre avuto uno), ma il mio scopo era un altro

      • Er Breasaola permalink
        7 luglio 2020 19:06

        tu ancora non hai capito che discutere con chi ti ( ci ) considera un fascista a priori è inutile.

      • 7 luglio 2020 22:45

        La battuta sarà banale (e qui anche fuori luogo) ma sentire un vicentino che ama i gatti mi fa sospettare che …gli piacciano…

  2. Paolo permalink
    6 luglio 2020 21:10

    vuoi dire il video usato dalla Lega per fare propaganda per le regionali in Toscana? Non l’ho visto. Ritengo molto più grave un padre che ammazza i suoi figli per odio verso la ex moglie che un tizio affamato che arrostisce un gatto (è grave che non abbia altro da mangiare).

    e con tutto l’amore per il povero gatto piango molto di più per l’ennesima donna uccisa da chi mentendo diceva di amarla

    https://bari.repubblica.it/cronaca/2020/07/05/news/foggia_donna_uccisa-261042934/?fbclid=IwAR2O9cc5HrDhdMeC6TQFAx3-tekwRRlUCMlwm7Zl_I8ymjQmDKvv8b4T_Yk

    • 6 luglio 2020 23:36

      Questo è molto peggio: non solo ha ammazzato le tre figlie ma le hanno dato la semilibertà
      https://www.lettoquotidiano.it/strage-di-lecco-uccide-tre-figlie/18408/

      • 7 luglio 2020 11:46

        eh ma era malataaah!!!! aveva depressione post partum!!!!! è stata sopraffatta dal dolore di una mamma lasciata solaaah!!!!! e le cavalletteeeh!!!! non opprimetelaaah oppressoriiiih!!!!! è vittima della violenza badriargaleeeeeehhh!!!!

      • 7 luglio 2020 12:43

        Esatto 🙂
        E pure quella che a dicembre scorso ha ammazzato i figli con iniezione letale per far dispetto al marito.

      • 7 luglio 2020 12:48

        azz, di quella non avevo letto…
        …e la cosa non mi stupisce visto che il femminismo comanda i media.
        link?

      • 7 luglio 2020 13:06

        “Mi hai spento il sorriso, ora soffri tu”
        https://m.huffingtonpost.it/2018/11/17/il-piano-con-cui-linfermiera-ha-ucciso-i-due-figli-a-aosta-mi-hai-spento-il-sorriso-ora-soffri-tu_a_23592185/

        A margine dell’articolo su Il Fatto Quotidiano mi sa che c’è anche quella merda di Paolo che commenta come Vlad 1984 facendo il moderato/semi-comprensivo.
        Eppure questo caso è IDENTICO a quello che lui depreca tanto, con il padre che uccide i due figli per paura che lei glieli portasse via.
        Anzi no, perché il padre lo ha fatto per terrore di non vederli più, non per vendicarsi della moglie.

      • Paolo permalink
        7 luglio 2020 16:25

        la moglie del padre assassino non aveva alcuna intenzione di portarglieli via.

        e io non ho comprensione per chiunque, uomo o donna, ammazzi i suoi figli

      • 7 luglio 2020 16:55

        Tipico del femminismo e’ lanegazione della realta’.

        “La moglie non aveva intenzione di portar via i figli al padre”.
        La tipica ipocrisia femminista. Far vedere i figli 1 volta al mese con i servizi femministi sociali a seguito… e’ come non vederli piu’.

        Ma a te chettefrega. Non hai figli e non ne avrai mai.

      • Paolo permalink
        7 luglio 2020 17:18

        guarda che i figli erano in vacanza con lui quando sono morti altrimenti non avrebbe potuto ammazzarli.

        non hai rispetto neanche per una madre condannata a vivere senza i suoi bambini per volontà di un ripugnante, disgustoso essere indegno di essere chiamato uomo, per colpa di un verme che se l’inferno esiste ora sta meritoriamente bruciando e soffrendo per l’eternità

        Glieli faceva vedere eccome, e nel caso specifico dei servizi sociali c’era bisogno eccome anche se spesso non servono neanche quelli: hai mai sentito palare del piccolo Federico Barakat ucciso dal pare durante un incontro “protetto”? Parla con Antonella Penati.

        ma forse dirai che la colpa è di lei che ha fatto un figlio con l’uomo sbagliato

      • 7 luglio 2020 17:25

        Io ho detto che tu sei una merda perché non hai usato le medesime parole in questo caso:
        https://www.lettoquotidiano.it/strage-di-lecco-uccide-tre-figlie/18408/
        e neppure in quello di Aosta.

  3. Paolo permalink
    6 luglio 2020 21:10

    vuoi dire il video usato dalla Lega per fare propaganda per le regionali in Toscana? Non l’ho visto. Ritengo molto più grave un padre che ammazza i suoi figli per odio verso la ex moglie che un tizio affamato che arrostisce un gatto (è grave che non abbia altro da mangiare)..

    e con tutto l’amore per il povero gatto piango molto di più per l’ennesima donna uccisa da chi mentendo diceva di amarla

    https://bari.repubblica.it/cronaca/2020/07/05/news/foggia_donna_uccisa-261042934/?fbclid=IwAR2O9cc5HrDhdMeC6TQFAx3-tekwRRlUCMlwm7Zl_I8ymjQmDKvv8b4T_Yk

    • Andrea permalink
      6 luglio 2020 21:15

      Ripeto: definirti un coglione da prendere a calci in culo è poco.

  4. Andrea permalink
    6 luglio 2020 21:19

    paoletto
    @@
    un tizio affamato che arrostisce un gatto (è grave che non abbia altro da mangiare).
    @@

    Se un italiano facesse qualcosa di simile in un altro paese, tu scriveresti ben altro, idiota del menga.
    Il punto è che, condivisibili o meno, esistono delle leggi, che chi viene a vivere in Italia deve rispettare.
    E non ha senso star lì ad obiettare che “gli italiani ammazzano questo e quell’altro animale”, vanno a caccia, mettono le polpette avvelenate, ecc, innanzitutto perché non è quello il punto, poi perché in altri paesi accade MOLTO di peggio.

    • 6 luglio 2020 21:32

      Andrea, mi immaginavo una risposta del genere, leggermente diversa, ma siamo li da parte di Paolo …. domani scrivo qualcosina su questo

    • 6 luglio 2020 23:40

      Se hai i cinghiali che ti devastano l’orto una buona idea è mettere delle mele tagliate a metà con dentro dell’esplosivo. Oltretutto sentendo il colpo prendi subito la carcassa, non c’è il rischio che marcisca.
      E’ anche molto funzionale se l’orto è fatto in modo che esseri umani e cani non possano entrare (e comunque i cani non tirano molto alle mele), i gatti ovviamente passano ma stanno lontani dalle mele che non li attirano.

      • Andrea permalink
        7 luglio 2020 00:45

        Ma dai ericlauder, che non c’è bisogno di portare questo genere di esempi.

      • 7 luglio 2020 12:57

        Io sono anti-animalista. Considero gli animali inferiori all’uomo ed a nostra disposizione. Poi va da sé che da un grande potere deriva una grande responsabilità e si deve evitare di far estinguere delle specie. Però prendi ad esempio il megaprogetto australiano bloccato per via delle lucertole del deserto: col cavolo che si bloccava se era per me. Si fa una riserva di qualche km quadrato con dentro le lucertole, in modo che non si estinguano, ma per il resto il progetto deve procedere.
        Parlo di questo
        https://www.dailyo.in/business/gautam-adani-australia-great-barrier-reef-carmichael-coal-mine-yakka-skink/story/1/5523.html
        Tra l’altro l’articolo parla di “carbone” ma il grosso non lo dice: lago artificiale, migliaia di nuovi ettari coltivabili, e miniera di Scandio. La Cina ha quasi il monopolio dello Scandio, poi c’è la Russia. E’ un progetto strategico per l’occidente quindi. Ma lo hanno bloccato.

      • Andrea permalink
        7 luglio 2020 21:21

        ericlauder
        @@
        Io sono anti-animalista.
        @@

        Va be’, ma cosa significa “anti-animalista” ?
        Per quanto mi riguarda odio i serpenti, gli scorpioni, i ragni, ecc, ma, ad esempio, non ho nulla contro i gatti, perciò dal mio punto di vista definirsi anti-animalisti significa tutto e niente.

      • 7 luglio 2020 23:52

        Mi piacciono gli animali e non ho fobie verso alcuna specie, non vado neanche a caccia (tranne col fucile subacqueo, ma quella non è vera caccia). Però sono contrario a limitare gli esseri umani per favorire gli animali.

      • Tommaso permalink
        16 luglio 2020 02:59

        @ Eric: “Io sono anti-animalista. Considero gli animali inferiori all’uomo ed a nostra disposizione.”

        anche un leone, una tigre, una leonessa ecc. ti considerano inferiore e a loro disposizione, se sei nel loro territorio, sprovvisto di fucile. Ai loro occhi sei un delizioso spuntino, forse più prelibato di una gazzella.

        Come vedi, è questione di situazioni e punti di vista. Un ragno e un serpente sono molto più piccoli di te, eppure basta un loro morsetto e tu finisci al Creatore nel giro di pochi minuti.

        L’essere umano è l’unico animale predatore, in cima alla catena alimentare unicamente perché rispetto a tigri e gorilla ha inventato le armi che gli permettono di essere più potente di tigri e gorilla (pur non avendo la loro velocità e la loro forza fisica…), ma talmente idiota da distruggere persino l’ambiente nel quale vive, avvelenandolo e causando la propria morte.

        A lungo andare, comunque, ci estingueremo, non per il femminismo o il capitalismo imperante, ma perché non ci sarà più acqua potabile o aria respirabile, si arriverà presto a qualche guerra nucleare.
        Allora la Terra sarà dominata dagli scarafaggi e da altri insetti immuni alle radiazioni.

      • 16 luglio 2020 16:42

        Lo so bene che anche leoni, tigri, eccetera, ci considerano così.
        Non credo che ci estingueremo, può essere ma lo credo poco probabile: c’è una bella differenza tra scarsità di risorse / inquinamento che diminuiscono la popolazione ed estinzione totale.

    • Paolo permalink
      7 luglio 2020 02:10

      ripeto: spiace per il gatto ma ciò che mi scandalizza è che un essere umano (bianco, nero,giallo non importa) non abbia nient’altro da mangiare che un gatto. Ed è questo che credo dovrebbe scandalizzare, più del mancato rispetto della legge. Un essere umano in occidente costretto ad arrostire un gatto per mangiare. Tra l’altro voi dite di difendere gli uomini sofferenti e poveri che le femministe ignorano o disprezzano. Ebbene quello era un uomo povero e sofferente. Dovreste stare dalla sua parte

      • 7 luglio 2020 12:15

        la tua superficialità è sbalorditiva.
        l’africano ammazza il gatto pestandolo più volte sul selciato. e già questo è indicativo. neanche lo ha preso e lo ha sgozzato. no, lo ha spatasciato sul cemento più volte.
        poi, ha il pacchetto delle sigarette ma non ha i soldi per il cibo???? quindi le siga risce ad ottenerle ma il cibo no????? che patetico furbetto.
        che tra le altre cose s’atteggia da mafiosotto quando si accorge di essere ripreso…
        come al solito t’arrampichi sugli specchi.

        che poi, come tutte le infami femministe, riveli il marcio etico che è in te.
        mentre voi cancerosi femminist* difendete le femmine A PRESCINDERE… chi vi è contro… difende chi subisce ed è vittima.
        questo africano di vittima non ha NULLA.
        come TU non hai NULLA di perspicacia.
        non mi stupisci mai, come non mi stupisce quella macelleria etica chiamata femminismo.

      • Fabrizio permalink
        7 luglio 2020 15:42

        Paolo, in Italia ci sono parecchie associazioni che assistono gli indigenti. Non risolveranno tutto, ma dubitofortemente che qualcuno possa morire di fame, basta rivolgersi alla Caritas o, in sua mancanza, a qualsiasi parrocchia (e ribadisco che non sono cristiano). Il problema è principalmente l’alloggio, e poi le spese accessorie, ma non il cibo o i vestiti.
        Se uno sceglie di ammazzare un gatto piuttosto che rivolgersi a queste realtà, io non lo compatisco.

      • Paolo permalink
        7 luglio 2020 16:34

        se non lo ha fatto per fame allora ha una malattia mentale . non mi vengono in mente altri motivi per i quali si dovrebbe uccidere un gatto in quel modo. a meno che non stiate suggerendo che gli africani uccidono i gatti per sport ma non state suggerendo questo, vero?

      • 7 luglio 2020 16:43

        Una donna o un immigrato ammazza… e subito i femministoidi (cloache del sub intelletto) escono con l’evergreen “ma era malat*!!!!!”
        Un lui ammazza… e subito partela litania “maschi violenti assassini oppressori privilegiatiiih”

        Che schifo fate voi femminist*

      • Andrea permalink
        7 luglio 2020 21:07

        Scrive l’anti italiano paoletto, che però seguita a vivere in Italia…
        @@
        a meno che non stiate suggerendo che gli africani uccidono i gatti per sport ma non state suggerendo questo, vero?
        @@

        Ipotizziamo che qualcuno “suggerisca” questo, dove sarebbe il problema, coglione che non sei altro ?
        Tra l’altro, se è per questo, in Africa accade molto di peggio.
        https://www.rightsreporter.org/sudan-reintrodotta-la-legge-islamica-del-taglio-delle-mani-e-dei-piedi-un-abominio/

        Mettere sullo stesso piano la società italiana-occidentale e quella africana, è semplicemente ridicolo, perché da questo punto di vista la nostra civiltà è realmente più evoluta.
        Non lo dico io, lo dice la Storia.
        Punto.

        @@

        ps: quand’è che ti trasferisci in Somalia, ovvero il paese più corrotto al mondo ?

      • Andrea permalink
        7 luglio 2020 21:15

        27esimamisoginia
        @@
        l’africano ammazza il gatto pestandolo più volte sul selciato. e già questo è indicativo. neanche lo ha preso e lo ha sgozzato. no, lo ha spatasciato sul cemento più volte.
        poi, ha il pacchetto delle sigarette ma non ha i soldi per il cibo???? quindi le siga risce ad ottenerle ma il cibo no????? che patetico furbetto.
        @@

        Anni fa, di fronte ad un bar dove son solito far colazione, c’era un africano ben vestito e con il celulare in mano che chiedeva continuamente soldi a chiunque entrasse nel summenzionato bar.
        Allorché una mattina gli chiedo:
        “Scusa, ma i soldi per comprare le ricariche del celulare dove li prendi ?
        E perché non ci compri da mangiare ?”
        Non mi rispose… mi guardò e se ne andò.

        Me ne ricordo un altro che a Perugia si era improvvisato “parcheggiatore” in un parcheggio libero e quindi non a pagamento…
        Telefonai alla polizia e al poliziotto che mi rispose chiesi:
        “Ci pensate voi, oppure ci devo pensare io ?”
        … poco dopo ci pensarono loro.
        E di storie del genere potrei raccontarne a bizzeffe.

      • Paolo permalink
        8 luglio 2020 01:09

        come se non ci fossero italiani che fanno i parcheggiatori abusivi

      • Paolo permalink
        8 luglio 2020 01:13

        no, la somalia non è my cup of tea dal punto di vista culturale e politico.

        (proprio perchè è un paese corrotto, violento, uno stato fallito l’europa dovrebbe accogliere chi vuole fuggire da quel posto)

      • Andrea permalink
        8 luglio 2020 01:28

        paoletto l’ esterofilo scrive,

        @@
        come se non ci fossero italiani che fanno i parcheggiatori abusivi
        @@

        Avevo previsto questa risposta da demente.
        Sì, ci sono, ma NON dove vivo io.
        Dove vivo io ci sono solo ed esclusivamente parcheggiatori abusivi STRANIERI.*
        Ed inoltre il fatto che ci siano italiani che fanno altrettanto, non autorizza affatto questi signori provenienti da migliaia di chilometri di distanza a frantumare i coglioni agli autoctoni, chiaro ?
        A situazione invertita cosa diresti, sottospecie di ritardato ?
        Cosa diresti di un italiano che, per ipotesi, va a fare il parcheggiatore abusivo in un altro paese ?

        @@

        * Per tua informazione: la “mia” regione d’adozione, cioè l’Umbria, è PRIVA di una criminalità autoctona.
        Esistono tentavi di infiltrazioni mafiose dal sud Italia e da paesi stranieri, così come in percentuale sono le persone straniere a delinquere di più.
        Un esempio: già nel 2006 erano gli albanesi quelli che commettevano più reati.
        Albanesi che poi son stati scalzati da rumeni, marocchini, tunisini, ecc.

      • Paolo permalink
        8 luglio 2020 01:41

        Cosa diresti di un italiano che, per ipotesi, va a fare il parcheggiatore abusivo in un altro paese ?

        direi che negli altri paesi gli italiani hanno fatto anche di peggio che i parcheggiatori abusivi. vedi Al Capone, Lucky Luciano e tanti altri.

        (tra l’altro Hollywood ci ha fatto una fortuna coi film sugli italo-americani delinquenti film spesso diretti da italo-americani da Coppola a Scorsese ma è un’altra storia)

        Ciò non toglie che ci fossero un sacco di immigrati italiani onesti che hanno contribuito ad arricchire l’America. E oggi gli italo-americani di successo non si contano

        nell’immigrazione italiana oltreoceano c’erano un sacco di delinquenti e un sacco di persone perbene proprio come nell’immigrazione attuale. E anche da noi gli immigrati di prima e seconda generazione che contribuiscono alla ricchezza del Paese ci sono, Ricchezza anche culturale vedi la scrittrice italiana di origine somala Igiaba Scego

      • Andrea permalink
        8 luglio 2020 19:10

        paoletto il ritardato scrive
        @@
        direi che negli altri paesi gli italiani hanno fatto anche di peggio che i parcheggiatori abusivi. vedi Al Capone, Lucky Luciano e tanti altri.
        @@

        Tipica risposta da tipico italiano medio, ritardato, esterofilo e autorazzista.

        @@
        E anche da noi gli immigrati di prima e seconda generazione che contribuiscono alla ricchezza del Paese ci sono
        @@

        Il paragone con gli italiani del passato non regge nemmeno un po’, soprattutto se si parla di africani.
        Ma fammi il piacere, ridicolo ometto.

  5. Er Breasaola permalink
    7 luglio 2020 00:33

    se fosse stato bianco avrebbe invocato ,lo sterminio di tutta l’etnia bianca per vendicare il povero gatto, o forse gatta, sarebbe stato ancora meglio

  6. Paolo permalink
    7 luglio 2020 02:15

    e a proposito di povertà e indigenza, non ci sono solo i padri separati, quanto pare

    https://m.famigliacristiana.it/articolo/l-emergenza-poverta-e-donna-lo-dice-anche-l-istat.htm?fbclid=IwAR3N6H54Am42BIe-vbgWSMbJrfQrcOy8HpPTWg2zPi-BKBAYSCP0Y6Fbxuw

    la fonte è Famiglia Cristiana, giornale notoriamente femminista che fa riferimento a quella nota organizzazione femminista che è la Chiesa Cattolica dove nei posti di potere ci sono solo donne, vero?

    (sono sarcastico, ovviamente)

    • Enrico permalink
      7 luglio 2020 17:42

      Avvenire e Famiglia Cristiana sono giornali femministi/progressisti da più di un decennio ormai. Infiltrati e cooptati. Quanto di più lontano vi può essere dallo spirito religioso Cristiano.

    • 8 luglio 2020 00:04

      Dice anche:

      “La cura dei figli è stata la principale preoccupazione per l’ 85,9 per cento della popolazione”

      “Due italiani su cinque hanno pregato almeno una volta a settimana e uno su cinque ha pregato tutti i santi giorni”

      Quindi, se è affidabile come dici tu, vuol dire che:

      * Si sono fatti più figli, tanti di più, visto che gli italiani senza figli sono diminuiti improvvisamente dal 23% al 14,1%.

      * I praticanti sono balzati dal 10% al 20%: è un risveglio della fede cristiana enorme.

  7. 7 luglio 2020 12:02

    leggendo l’articolo, l’africano ha ammazzato il gatto per farlo alla brace… ma quello che cambia molto le cose è che l’africano aveva con se le sigarette.
    ed a ‘sto punto l’ironia è evidente nella notizia: hai fame che ti spinge ad ammazzare un gatto… MA hai le sigarette? ed allora non pigliamoci per il culo… dai.
    è uno dei tanti che vive di “furbizia” di cui non gliene fotte un beneamato cazzo… ed una volta pescato in flagrante ha pure inveito a chi lo filmava di farsi li cazzi sua. da bravo mafiosotto.
    ed i fascio “progressisti” ipocriti eccoteli subito ad accampare scusanti patetiche… perchè tanto loro vivono nelle casette di marzapane tra unicorni e sotto un arcobaleno e della vita VERA non sanno un cazzo. il massimo che sanno della vita è ottenuta da il corriere e repubblica.

  8. 7 luglio 2020 23:55

    A Yulin in Cina ogni anno fanno il festival della carne di cane, ma fanno anche il gatto.
    Si vede che l’immigrato non poteva permettersi di andare a Yulin.

    • Tommaso permalink
      16 luglio 2020 02:50

      infatti, nel mio commento facevo notare che “quale animale mangiare” e quale animale “proteggere e coccolare” è un fattore culturale che varia da paese a paese

  9. Paolo permalink
    8 luglio 2020 02:01

    “Cosa diresti di un italiano che, per ipotesi, va a fare il parcheggiatore abusivo in un altro paese ?”

    direi che si è comportato meglio degli italiani che nel 2007 andarono in un altro paese a fare una strage

    https://it.wikipedia.org/wiki/Strage_di_Duisburg

    • Paolo permalink
      8 luglio 2020 02:11

      e lo sapevi che un anarchico italiano emigrato negli USA (e in seguito spia fascista) è considerato l’inventore dell’autobomba?

      https://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Buda

    • Andrea permalink
      8 luglio 2020 19:32

      Ritardato, quei mafiosi uccisero altri italiani (del sud).
      E tu invece lo sai chi ha ucciso questa ragazza ?
      https://www.fanpage.it/attualita/pamela-mastropietro-storia-dellomicidio-che-ha-ferito-il-paese/

      Comunque, paoletto “caro”, te lo dico molto chiaramente: è una fortuna (per me e per te, sebbene per motivi molto diversi…) che noi due non ci incontreremo mai.
      Dal punto di vista morale sei un essere ignobile e schifoso, che andrebbe sbattuto fuori dall’ Italia a calci in culo.

      • Paolo permalink
        8 luglio 2020 20:25

        ricordo che per “vendicare” Pamela, un italianissimo maschio bianco fesso di estrema destra tal Luca Traini si mise a sparare a caso contro persone colpevoli di avere la pelle dello stesso colore degli assassinio di Pamela

        nessun Traini però ha vendicato Jessica Faoro, stessa età di Pamela Mastropietro, uccisa a coltellate perchè si era rifiutata di avere rapporti sessuali col suo assassino. Lo sai chi ha ucciso Jessica Faoro? Era un tramviere, italianissimo e bianco come il latte, e quindi (per fortuna) nessuno ha pensato di vendicarla sparando alla gente.

        https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_maggio_27/jessica-valentina-faoro-uccisa-omicidio-confermato-appello-ergastolo-tranviere-alessandro-garlaschi-84e79c20-a022-11ea-8f7d-66830a0d6de9.shtml

      • Paolo permalink
        8 luglio 2020 20:27

        perchè senti il bisogno di specificare che erano italiani del sud? Li consideri meno italiani degli altri?

        comunque l’assassino di Jessica Faoro era un italiano del nord

      • Andrea permalink
        9 luglio 2020 00:37

        @@
        perchè senti il bisogno di specificare che erano italiani del sud?
        @@

        Perché erano italiani del sud, provenienti dalla Calabria.
        Quindi ?
        Non bisogna specificarlo, se no “si rischia” di passare per “razzisti” ?

        @@
        comunque l’assassino di Jessica Faoro era un italiano del nord
        @@

        Eh, e allora ?
        Da italiano originario del nord, pensi che la faccenda “mi sfiori” ?
        Te l’ho già detto e te lo ripeto: cercati un buon psichiatra, ed anche un lavoro, così avrai meno tempo per farti le seghe mentali.

  10. HenatiGaymes permalink
    9 luglio 2020 12:55

    Paolo Scatolini è il commentatore troll dei siti maschili?

    Beh questo articolo è praticamente una ammissione del fatto che lui è un buon troll.

    Sul sito di Eric Lauder io già dicevo che Paolo ha delle buone skill da troll, ed ecco che qua viene nominato per esprimere opinioni, scrivete articoli per lui.

    Ottimo lavoro Paolo, sei un troll migliore di quanto io pensassi. Qua hai trollato bene.

    • Paolo permalink
      9 luglio 2020 18:30

      ti ringrazio

    • Andrea permalink
      9 luglio 2020 19:44

      Qualcuno direbbe “se le cantano e se le suonano”.
      Non è che ci voglia molto a capire che è tutto “organizzato”…
      Ma fatela finita, ridicoli che non siete altro.

      @@
      scrivete articoli per lui.
      @@

      “scrivete” chi ?

      • HenatiGaymes permalink
        9 luglio 2020 22:22

        Sei la vittima traumatizzata di Paolo. Ti ha trollato bene vedo.

      • Andrea permalink
        10 luglio 2020 00:32

        HenatiGaymes
        Qui l’unico traumatizzato sei tu, coglione.
        Peraltro certe stronzate puoi scriverle solo sul web, perché a quattr’occhi nemmeno fiateresti, coglione.

    • Er Breasaola permalink
      10 luglio 2020 10:32

      come troll paol* ha vinto e raggiunto totalmente il suo obiettivo. Ha monopolizzato l’attenzione dell’intero blog ed impedito qualsiasi forma di dialogo e discussione costruttiva.
      Ad uno che viene per la prima volta qua sopra sembra di leggere un branco di frustrati che se la prende con un invertito. Ha affossato il blog ma la colpa non è sua, dato che un troll fa il troll.

      • Mauro permalink
        10 luglio 2020 13:23

        Ok in linea di principio è come dici tu Bresaola. Poi dipende dal grado di intelligenza dei nuovi visitatori, se uno ha un minimo di sale in testa capisce come stanno realmente le cose. E chi capita qui 90-95 volte su 100 è dalla nostra parte senza ritenerci un branco di frustrati, tutt’altro.

      • Er Breasaola permalink
        10 luglio 2020 13:25

        rimane il fatto che un intero blog è stato sabotato, lo avesse fatto un intellettuale che argomenta potrei pure starci, ma questo è un troll del cazzo sgamabile da km di distanza.

  11. 10 luglio 2020 18:17

    Ma qui ho ragione a Mauro e non perchè ha il mio stesso nome :), uno legge e giudica , vero, si dice di non dare il cibo ai troll ,ma Scatolini non lo giudico troll ,semplicemente è un bastian contrario , concedetemi un pochino di retorica, dovrebbe lavorare 8 ore sotto al sole come muratore o in una fabbrica con il sole che ti picchia sulla schiena e vedrete che , dopo un pochino di tempo , i suoi pensieri saranno diversi , il post l’ho dedicato a lui perchè ormai la sinistra fucsia e fighetta la incarna alla perfezione, i gay diventano meglio degli etero, le donne diventano meglio degli uomini, i neri sono meglio dei bianchi ,ma non si dice più che i ricchi stanno meglio dei poveri

    • Paolo permalink
      11 luglio 2020 00:56

      che i ricchi stanno meglio dei poveri lo dico anch’io. Sono gli anti-femministi che vogliono far credere che una donna povera sta meglio di un uomo della sua stessa classe sociale, o che mentre gli uomini andavano in guerra le donne facevano la bella vita senza che nessuno torcesse loro un capello (cosa falsa)

      • Paolo permalink
        11 luglio 2020 01:01

        a leggere gli anti-femministi le donne o sono attiviste femministe misandriche o sono ricche ex mogli piene di amanti, che fanno la bella vita tra aperitivi e vacanze ai caraibi coi soldi del povero ex marito che dorme in macchina.

        Non esistono donne operaie, donne che faticano, donne povere, lavoratrici precarie nel mondo degli anti-femministi

    • Er Breasaola permalink
      11 luglio 2020 10:34

      quelli che fanno i bastian contrari non apportano nulla alla discussione.

      • Andrea permalink
        11 luglio 2020 14:04

        Infatti i tipi come paolo non apportano alcun contributo.
        Anzi, spaccano solo i maroni, al pari di certi suoi “amichetti” tipo “jaro”, ecc.

  12. Andrea permalink
    11 luglio 2020 01:02

    Che rottura di cazzo.
    Mauro, fallo sparire.

  13. Tommaso permalink
    16 luglio 2020 02:48

    però vi sfugge una cosa: ogni giorno, maiali, pulcini, polli, agnelli, conigli vengono sgozzati nei mattatoi.
    Ci sono diversi filmati (molto crudi) che testimoniano violenze e maltrattamenti crudeli su questi animali, trattamenti crudeli non necessari, come pestaggi, mutilazioni e simili, e che causano anche problemi di salute agli animali in questione, che sviluppano tumori e altre malattie che possono recare danno a chi poi mangia la loro carne, che viene imbottita di ormoni e coloranti.

    Il punto è: per un gatto arrostito (sembra che fosse già morto, l’immigrato lo ha solo cucinato) si scandalizzano tutti, ma la grandissima maggioranza di tutti questi italiani scandalizzati sono carnivori che mangiano maiali, agnelli, conigli… scannati, in maniera molto più cruenta, nei macelli.

    Su certi animali “non graditi” come maiali e polli la violenza è permessa e accettata,
    su altri, cioè i privilegiati cani e gatti no, è considerata un crimine. Insomma, gli esseri umani hanno selezionato quali animali sono degni e quali sono indegni: li abbiamo messi in due gruppi distinti, quelli degni di vita e affetto sono cani e gatti, quelli indegni di vita e affetto sono quelli brutti (ragni, scarafaggi ecc.) e quelli gustosi per la loro carne: agnelli, maiali…

    Un maiale (mutilato e infine sgozzato), un pulcino maschio (triturato vivo), una mucca macellata, un coniglio e un visone spellato ecc. non sono animali privilegiati come cani e gatti, unicamente perché in questa parte di mondo la maggioranza di persone ama cani e gatti (in Cina e altrove se li mangiano). Quali animali mangiare (e quindi maltrattare e uccidere per il nostro piacere) è quindi un “fattore culturale”.

    Detto ciò, trovo ipocrita chi si scandalizza per la morte di un gatto, ma poi è carnivoro e non rinuncia alla bistecca e al prosciutto: come a dire che “la bistecca e il prosciutto” non erano, una volta, animali, vivi e vegeti quanto un gatto…

    • Andrea permalink
      16 luglio 2020 20:59

      Tommaso
      @@
      però vi sfugge una cosa: ogni giorno, maiali, pulcini, polli, agnelli, conigli vengono sgozzati nei mattatoi.
      @@

      Per quanto mi riguarda non mi sfugge nulla, ed infatti son d’accordo con te, dato che uccidere un gatto è uguale a uccidere un pollo o un maiale.
      Il punto è un altro e cioè che nel nostro Paese esistono delle leggi (discutibili o meno) che proibiscono ciò; leggi che anche gli stranieri son tenuti a rispettare.
      Perciò non ha senso dire “eh!, ma gli italiani vanno a caccia, mettono le polpette avvelenate”, ecc, innanzitutto perché non è quello il punto, poi perché altrove accade molto di peggio…
      Inoltre se io vado in un paese straniero e violo le loro leggi, cosa mi succede…?
      Credo tu conosca bene la risposta.

      • Tommaso permalink
        18 luglio 2020 01:08

        indubbiamente Andrea, in un paese islamico sappiamo cosa succede a chi “viola certe regole”… cose tipo la lapidazione per chi non è vergine, le frustate agli adulteri e il taglio della mano per chi ruba (anche spinto da motivi legati alla fame) oppure l’impiccagione per chi “è blasfemo” da noi sono impensabili. Io non esalto l’estero, tutt’altro…

        Comunque tieni presente che qui in Italia non è reato mangiare un cane o un gatto.
        sicuramente la persona che lo fa si attira minacce (e violenze) da parte di animalisti fanatici (che non mancano) ma non è reato.
        è reato il maltrattamento, non il mangiare carne di gatto o di cane.
        del resto, non sarebbe reato neanche mangiare ragni o cavallette.

        l’africano in questione, se leggi le ultime notizie, è già a piede libero, visto che lui ha detto che l’animale l’ha mangiato, ma non l’ha ucciso lui: l’ha trovato che era già morto, e da lì l’idea di cucinarselo.
        difatti, visto che sembra che la sua versione dei fatti sia stata presa in considerazione, non può essere denunciato per maltrattamento su animale, visto che l’animale in questione era già morto.
        In più, lui si è giustificato con “avevo fame”, quindi decade il “senza necessità”, essendogli riconosciuta l’attenuante della fame (e quindi, ha fatto quella cosa per necessità)

        non so neanche se in Africa sia prassi corrente mangiare gatti (ammetto la mia ignoranza, ci sono gatti in Africa?) probabilmente sì però, per motivi legati alla carenza alimentare.
        Comunque, anche durante la guerra, qui in Italia tanti mangiarono cani e gatti, tra i nostri nonni… idem sotto le dittature comuniste.
        diciamo pure che quando uno ha fame, ha fame, e non sta lì a fare distinzioni… anche se per l’africano in questione, bhè, se aveva davvero fame, poteva andare alla Caritas… un panino lo trovava sicuramente.

        che gli stranieri qui in Italia disprezzino noi italiani, con me sfondi una porta aperta…

      • Andrea permalink
        18 luglio 2020 08:57

        Tommaso
        @@
        Comunque, anche durante la guerra, qui in Italia tanti mangiarono cani e gatti, tra i nostri nonni… idem sotto le dittature comuniste.
        diciamo pure che quando uno ha fame, ha fame, e non sta lì a fare distinzioni… anche se per l’africano in questione, bhè, se aveva davvero fame, poteva andare alla Caritas… un panino lo trovava sicuramente.
        @@

        Appunto, alla Caritas ne trovava anche dieci di panini…
        Non siamo in tempo di guerra.
        Tra l’altro i tipi in questione spendono soldi in sigarette e ricariche, poi “non hanno i soldi” per comprare un panino…

        @@
        che gli stranieri qui in Italia disprezzino noi italiani, con me sfondi una porta aperta…
        @@

        Ed è anche per questo che io non gliene passo una.

  14. Tommaso permalink
    20 luglio 2020 03:13

    Ma certo Andrea, è così. Alcuni africani qui in Italia, poi, soprattutto quelli che chiedono “i soldi” fuori dai supermercati, fanno parte della mafia nigeriana, roba tipo “Ascia Nera”.
    droga, traffico d’organi, prostituzione, guerre tra clan rivali…
    Infatti non ci credo neppure io “che non hanno soldi”, o scappano “dalla fame” (non sono manco denutriti, ci avete fatto caso?) diciamo piuttosto che quei soldi vanno a finanziare i boss nigeriani… non escluderei neanche che, là in Nigeria e zone affini, ci sia anche “la benedizione” della chiesa locale, coinvolta in mazzette, donazioni o sostegno (attivo e passivo) ai personaggi in questione: chi ha buona memoria si ricorderà della vicenda del Ruanda negli anni Novanta, la cui guerra etnica delle due etnie locali, fu aizzata anche da esponenti della chiesa cattolica.

    • Andrea permalink
      20 luglio 2020 21:28

      Tommaso
      @@@
      Infatti non ci credo neppure io “che non hanno soldi”, o scappano “dalla fame” (non sono manco denutriti, ci avete fatto caso?
      @@@

      Ce ne sono alcuni contro i quali avrei problemi anch’io, che sono alto 1,90 x 102 kg e cintura nera di judo…
      E li avrei proprio perché si tratta di tipi alti, muscolosi e atletici.
      Tipi che potrebbero darsi al pugilato o alla kickboxing… (e sicuramente alcuni di loro han pure praticato tali discipline da combattimento).
      Altro che denutriti…

      • Tommaso permalink
        27 luglio 2020 19:18

        stamattina ero sul treno, ovviamente l’immigrato di turno era senza biglietto.
        Il controllore (neanche un minuto prima lo aveva controllato a me, il biglietto) gli ha gridato dietro che come tutti gli altri che pagavano, anche lui doveva farlo, che non erano cretini quelli che avevano fatto il biglietto.

        L’immagine stereotipata dell’africano denutrito probabilmente non esiste più in maniera così capillare in diverse zone d’Africa.
        anche le loro donne non sono denutrite (sono piuttosto in carne, e parlo anche delle maghrebine)
        il che è poco “conciliabile” con scusanti come “scappano da fame e da guerre”
        Diciamo pure che è un’immagine stereotipata comoda da tirare fuori per continuare con questa sceneggiata dell'”Africa povera per colpa dei cattivi bianchi colonizzatori”. magari per ottenere aiuti internazionali che finiscono nelle tasche dei mafiosi nigeriani (mia personale ipotesi)
        “cattivi bianchi colonizzatori”, il che poteva essere vero al tempo delle colonie tedesche, francesi o belghe, disseminate qui e lì per l’Africa, quindi parliamo di fine Ottocento, inizi del Novecento.
        oggi però siamo nel 2020…
        difatti c’è qualcosa che non torna, parlando di “arretratezza dell’Africa”.

      • Andrea permalink
        31 luglio 2020 18:04

        “Risorse” africane…

  15. Tommaso permalink
    31 luglio 2020 19:25

    Grazie per il link del video. Volevo quasi postarlo sul blog “Stalker sarai tu”, visto che hanno parlato di immigrati… ma non sono sicuro verrebbe pubblicato e magari solleverei il solito vespaio di critiche.
    Non ho mai assistito a pestaggi come quelli che si vedono nei video, ma sui treni questi soggetti assumono dei comportamenti molto maleducati, primo fra tutti il sedersi in maniera stravaccata (e d’intralcio agli altri passeggeri che devono alzarsi e scendere alle fermate) e il tono di voce, sempre alto e sopra le righe.
    A Milano, comunque, certi quartieri (un po’ dopo piazzale Loreto, per chi è della città ha già capito) ormai sono abitati praticamente solo quasi da stranieri (africani, maghrebini e qualche asiatico) che stazionano per strada, al di fuori dei supermercati, nei parchetti, sui marciapiedi, per ore e ore, aggregandosi in gruppetti, fissando i pochi italiani che passano, parlando nelle loro lingue ben consapevoli di non essere comprensibili, lasciando bottiglie e immondizia. Non fanno neanche la fatica di andare a buttarle nei cestini.

    Vi lascio immaginare come viene guardata una donna bianca anche vestita in maniera modesta (non per forza in shorts e cannottiera) che passeggia da sola.

    comunque, tanta maleducazione non è giustificabile. se io andassi in un altro paese, non mi comporterei in questa maniera così sguaiata, stravaccandomi, molestando i passeggeri dei treni con toni di voce urlata, insozzando le strade e i parchi.

    • Andrea permalink
      31 luglio 2020 21:08

      Tommaso, con me sfondi una porta aperta.
      Come ebbi già modo di scrivere altrove in passato, reputo questa gente “culturalmente inferiore” e non me ne frega niente se poi qualcuno mi dà del “razzista”, perché i fatti sono lì a dimostrarlo.
      Il fatto di arrivare in un Paese democratico (o presunto tale) non giustifica minimamente certi comportamenti da uomini di Neanderhal.
      Inoltre basterebbe conoscerli un po’ per rendersi conto di quanto i suddetti ci disprezzino…
      per non parlare del fatto che da parte loro non esiste un minimo di autocritica: la “colpa” è sempre e comunque degli italiani e dei bianchi in genere.
      Loro son sempre innocenti e vittime, un po’ come le femmine…

      Parecchi anni fa mi capitò anche di venire alle mani con un nordafricano, che faceva il lavavetri nei pressi di un semaforo non molto lontano da dove abitavo io all’ epoca (una piccola città delle Marche).
      Beh, per farla breve il tipo voleva pulirmi il vetro pulito dell’ automobile e nonostante il mio rifiuto si mise ugualmente a “pulirlo” (=a sporcarlo… l’acqua era a dir poco sporca…).
      Ti lascio immaginare cosa accadde.
      Scesi dall’ auto e fu… il diluvio, anche perché il tipo, di fronte alla mia intimazione di andarsene, replicò che… “mi avrebbe ammazzato”.
      Lo gonfiai di botte.
      Arrivarono altri tre suoi connazionali a dargli manforte, che mi presero alle spalle mentre stavo gonfiando il loro connazionale spacca maroni, colpendomi al viso con un pugno (da dietro, nemmeno lo vidi arrivare), ma riuscii ugualmente a liberarmi e a metterli in fuga (quattro contro uno… degli autentici “cuor di leone”…).
      Ricordo che uno più alto di me lo presi per il bavero e gli intimai di non reagire perché altrimenti lo avrei fatto a pezzi (ed infatti non mosse neppure un dito…).*
      Mi gridarono anche “italiano di merda”…

      Eh sì, “noi” italiani siam veramente degli “sporchi razzisti”…
      Loro invece no: son dei santi senza colpa alcuna.
      Ma vaff……. merde.

      @@

      * Esiste una tecnica che permette di spezzare la carotide a un uomo (o a una donna) proprio prendendolo per il bavero…
      Ma ovviamente non posso far ricorso a tecniche del genere che imparai in palestra molti anni fa, perché finirei in galera.

    • Andrea permalink
      4 agosto 2020 01:07

      Tommaso, altrove hai scritto,
      @@@
      Se serve metto dei link a video dove si vedono chiaramente donne trans che mettono al tappeto donne cis.
      @@@

      Potresti postare qui quei video ?
      Grazie.

  16. Andrea permalink
    31 luglio 2020 21:17

    Tommaso
    @@
    Non ho mai assistito a pestaggi come quelli che si vedono nei video, ma sui treni questi soggetti assumono dei comportamenti molto maleducati, primo fra tutti il sedersi in maniera stravaccata (e d’intralcio agli altri passeggeri che devono alzarsi e scendere alle fermate)
    @@

    Un mio conoscente, che ha vissuto per alcuni anni a Londra, una volta raccontò che anche da quelle parti gli immigrati africani hanno il vizio di fare robe del genere negli autobus…

  17. Er Breasaola permalink
    4 agosto 2020 13:39

    pare che al nostro paolett* piacciano le ciccione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: