Vai al contenuto

Gillette, il meglio di un uomo

17 gennaio 2019

320151_60_news_hub_multi_750x0

Per  chi ormai si avvicina  al mezzo secolo come  il sottoscritto si ricorderà la  pubblicità della  Gillette, certo era  la  pubblicità di un uomo piacente  e  vincente anche  se  mi ricordo (   ricercando con youtube non sono riuscito a  vederla, ma  non penso di aver  preso una  cantonata ) di un vigile  del fuoco, nero in volto per  il fumo, mettendo in risalto il sacrificio di certi lavori ,quasi prettamente  maschili

Adesso i tempi cambiano e  anche  un azienda  che  produce  rasoi usa  e  getta si deve  adeguare  al politicamente  corretto, la  nuova  pubblicità “osannata”  dalle  femministe  (e  come  potevi sbagliare) fa  vedere  un uomo non rude,ma  violento, che  fa  il bullo, che  fischia  per  strada, che  tratta  le  donne  come  povere stupidine, ne  parla  anche  la  Zanardo

https://www.iodonna.it/attualita/costume-e-societa/2019/01/16/il-nuovo-spot-di-gillette-visto-da-lorella-zanardo-il-meglio-di-un-uomo-il-cambiamento/?img=1&fbclid=IwAR2gH3qbjyVy3-r2IdEK5ixus5Ug6auBxSs18IFiLk8obawpNiBKrpROm3Y&refresh_ce-cp

Questa  è Monica  Lanfranco

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/16/gillette-lo-spot-del-rasoio-da-barba-e-troppo-femminista-aiuto/4901097/

 

Tra  i commenti (su facebook) più gettonati c’è “Ma  fatela  una  risata”, in considerazione  che  si fanno troppe  battute  sulle  donne  con il termine  “troia”

Sono il primo a  dirlo che  questo termine  sia  stato troppo abusato, però c’è una  differenza  abissale  a  mio avviso

Che, nel caso femminile,  certo è un termine  dispregiativo (anche  se  il sottoscritto non ha  mai capito il perchè dev’essere un male  avere  tanti spasimanti) ma  questo non influisce sulla  percezione  di pericolo, in poche  parole ,se  siamo in una  stanza  con una  donna  ci sentiamo più sicuri che  se  ci fosse  un uomo, questo è dovuto appunto alla  percezione  di pericolo che  deriva  anche  dalla  pubblicità come  questa

Certo è una  pubblicità, sembrerebbe una  cosa  di poco conto, lo è si,  ma  fino ad  un certo punto

Perchè se  la  pubblicità di prima  mostrava  un uomo vincente, adesso l’uomo diventa  violento, nulla  di nuovo, degli uomini se  ne  parla  poco e  di quel poco male

Ma  una  pubblicità dove  si vede  un uomo che  si alza  alle  6  e  che  si rompe  a  fare  la  barba  una  volta  alla  settimana  non era  forse  più “reale” ?

 

 

 

26 commenti leave one →
  1. Paolo permalink
    18 gennaio 2019 18:46

    nello spot si vede anche un padre che separa due ragazzini che fanno a botte e spiega loro che non è con la violenza che si risolvono le cose, si vede un ragazzo che dice a un altro ragazzo di non importunare la ragazza che passa. Si esalta la funzione educativa e di esempio positivo che un padre può avere su un ragazzo, e che in generale un uomo può avere su un altro uomo. come può questo essere misandrico?

    • plarchitetto permalink
      18 gennaio 2019 23:04

      La misandria di questo spot non è difficile da capire Paol*, anche se, celandosi nei dettagli, per una testa formattata come la tua, non è facile scorgerla.
      Il messaggio di fondo,…quello che arriva,…è che il maschile (o meglio quella parodia di maschile che viene rappresentata) è un genere da rieducare.
      Un genere potenzialmente dannoso, tossico…che va corretto.
      E questa correzione è già cominciata (vedi #MeToo a cui è concettualmente collegato lo spot).
      Quel maschile che “abilmente” si contrappone nella parte finale dello spot, non ha nessuna forza evocativa per controbilanciare la rappresentazione proposta nella prima parte.
      E’ un maschile che viene volutamente rappresentato come mimesi del femminile (vecchio cavallo di battaglia del femminismo, la “parte femminile” presente nel maschile).
      Il messaggio è più che chiaro: la parte buona del maschile è solo quella femminilizzata.
      Quella depurata dal mascolino che invece è intrinsecamente dannoso.
      In realtà si tratta d’un furto con destrezza.
      Uno scippo.
      Poiché la tenerezza che il maschile è in grado d’esprimere, la capacità di controllo della sua forza, la sua generosità, la sua propensione al sacrificio fino a sacrificare la propria esistenza per gli altri senza esitazione, sono presenti da sempre nella sua natura.
      Sono il suo fondamento.
      E’ qualcosa che ci appartiene.
      Siamo noi uomini.
      Qui invece vengono rappresentati, in forma evocativa, come prodotto d’una disintossicazione…: ecco il sottile e malcelato tratto misandrico di questo spot.


      p.s. – se sopravviverà (io prego perché accada) questo video andrà fatto vedere a Julien, il bimbo di Malaga piombato in un pozzo artesiano.
      Lui un giorno, potrà raccontare cosa sia il maschile.

      • Paolo permalink
        19 gennaio 2019 00:30

        il padre che separa i ragazzini che fanno a botte non ha nulla di effeminato. E’ un uomo, non ha rinunciato alla sua identità maschile, la vive in maniera sana

      • plarchitetto permalink
        19 gennaio 2019 11:13

        Io parlo di femminilizzazione e tu capisci effeminato 🙂

        Sei un genio…

    • Andrea permalink
      19 gennaio 2019 00:47

      Paolo
      @
      si vede un ragazzo che dice a un altro ragazzo di non importunare la ragazza che passa.
      @

      Ma tu, fino ad oggi, dove hai vissuto? E soprattutto, come hai vissuto?
      Cosa significa di preciso “importunare una ragazza” ?
      Il semplice provarci? Allora suppongo che anche tuo padre sia stato un “importunatore-molestatore”, perché non credo proprio che sia stata tua madre ad approcciare lui.
      Non accade oggi che un uomo qualunque venga approcciato da una sconosciuta, figuriamoci decenni fa…
      Ascolta, qualora non ne fossi al corrente, fino a non molto tempo fa era normale provarci con le ragazze in quel modo e nessuno le chiamava “molestie-violenze sessuali”, anche perché, ripeto, se un uomo aspetta che sia la donna a prendere l’iniziativa, nel 99,99% dei casi arriva a 50 anni vergine.
      Altro discorso è quello relativo ai veri (e rari) molestatori.
      Ma tanto uno può spiegartelo pure in aramaico, ché non ci arrivi, o fingi di non capire.
      La tua mente femminilizzata e femministizzata te lo impedisce.

      @@

      Per inciso: io, ormai, ho 48 anni, per cui quello di provarci per strada con una donna è l’ultimo dei miei pensieri, non fosse altro per il fatto che son pienamente consapevole di ciò che si rischia oggigiorno.
      Ma quand’ero ragazzo lo facevo spesso, sia per strada che in disco o altrove.
      (Tu non l’hai mai fatto, ovvio…)

      • Paolo permalink
        19 gennaio 2019 01:34

        oggi non siamo più negli anni ’50 e ci sono donne che prendono l’iniziativa. Comunque che io sappia il 98% degli esseri umani non gradisce essere “approcciato” da sconosciuti totali mentre passeggia per strada per fatti suoi e ha probabilmente cose più importanti a cui pensare. In discoteca è già un contesto diverso lì si va chiaramente anche per “rimorchiare” ovviamente se il nostro approccio non è gradito a chi lo riceve bisogna smettere.

    • Andrea permalink
      19 gennaio 2019 15:13

      Paolo

      @
      nello spot si vede anche un padre che separa due ragazzini che fanno a botte e spiega loro che non è con la violenza che si risolvono le cose,
      @

      Ma fammi un po’ capire: quali e quanti padri, anni fa, spiegavano ai figli che fare a botte “è meraviglioso”, nonché “cosa buona e giusta a prescindere” ?
      Ma ti sei bevuto il cervello ?
      Forse tu ignori che un tempo c’era pure il rischio di prenderle a casa, se, ad esempio, ci si comportava male a scuola o in altri contesti, tipo quello che si vede nel video.
      Altro discorso è quello relativo al fatto che se si viene aggrediti gratuitamente, allora è giusto reagire.
      Perché, vedi, un conto è usare la forza fisica per sottomettere qualcuno e un conto è reagire a tali prepotenze.
      Be’, io ho sempre fatto parte della seconda categoria, ed infatti all’epoca ne “medicai” più di uno.
      Per essere più chiaro: quando ci vuole ci vuole.
      A volte per avere la pace bisogna fare la guerra.

      Ci arrivi a capirlo ?
      Il mondo “buono e pacifico”, totalmente privo di aggressività e violenza, esiste solo nei sogni tuoi e di tutti/e quelli/e come te.
      Il mondo “non violento” non esiste nemmeno in natura; e non potrebbe essere altrimenti.

      • Paolo permalink
        19 gennaio 2019 17:43

        “c’era pure il rischio di prenderle a casa”

        che è l’esatto contrario dell’insegnare a non risolvere le cose con la violenza. E parlo della violenza aggressiva, non di quella difensiva ovviamente

      • Andrea permalink
        19 gennaio 2019 18:28

        No, non ci siamo, caro femminista.
        Ci sono delle volte in cui gli scapaccioni son salutari, eccome se lo sono.
        E il discorso vale anche per me, che da bambino non ero esattamente un tipo tranquillo.
        Altra cosa sono le botte “gratuite ed esagerate”.
        Anche in queste cose esiste un confine.
        Ma, ripeto: che te lo dico a fare ?

    • Foxtrot permalink
      19 gennaio 2019 18:08

      Come si può definire misandrico uno spot dove si vedono degli uomini (verosimilmente dei padri) separare dei ragazzini che si picchiano per insegnare loro che le divergenze non si risolvono con la violenza?
      17 Gennaio 2019
      ned (cioè Paolo)

      Nel fatto che lo spot li descrive come “rari” e come “un ideale ancora da raggiungere”, quando invece sono da sempre la stragrande maggioranza dei padri.
      17 Gennaio 2019
      ericlauder

      https://stalkersaraitu.com/lorella-cuccarini-un-modello-che-fa-incazzare-le-femministe/

      Non è bastato?!? (Maronna, che peso!).

      • pier luigi permalink
        19 gennaio 2019 19:27

        Ieri è andata in onda sui media, la cronaca dell’ennesimo caso di violenza sui bambini da parte di donne, in una scuola materna d’Isernia (terzo caso nel giro di 15 gg).
        Una delle maestre incitava alcuni bambini a collaborare con lei nel picchiare alcuni malcapitati, per metterli in riga e tenerli buoni.
        Un vero e proprio metodo disciplinare, imperniato sulla vendetta e l’umiliazione.
        Tipico dei kapò.
        Un dettaglio che ci racconta, ancora una volta, la “connaturata empatia” dell’animo femminile…

  2. plarchitetto permalink
    18 gennaio 2019 22:23

    Procter & Gamble proprietaria del marchio Gillette produce tra gli altri anche:
    Ambipur (deodoranti per ambienti)
    Dash (detersivi per bucato in lavatrice e a mano)
    Fairy (detersivi per stoviglie)
    Lenor (ammorbidente)
    Mastro Lindo (detergenti per la pulizia della casa)
    Swiffer (pulizia)
    Viakal (detergenti)
    Head & Shoulders (cura dei capelli)
    Olaz (cosmetici e creme)
    Pantene (cura dei capelli)
    Venus (depilazione)
    .
    Tutti marchi destinati al mercato femminile.
    Nulla di strano quindi (si fa per dire) che abbia scelto d’allinearsi all’aria che tira.
    P&G è famosa per il suo ufficio marketing orientato “al femminile”.
    E’ infatti la società per cui è stato coniato il termine “soap opera”, dato che produce direttamente la soap opera “Sentieri” dal lontano 1937.
    .
    P&G è una multinazionale con sede in USA, con un fatturato annuo di più di 65,06 miliardi $.
    Un colosso.
    Questo a sgomberare il campo dal malinteso (la bufala) che il capitalismo…quello vero…quello hard…quello che conta e fa muovere il mondo, sia l’emanazione del patriarcato.
    Quel mondo li, appoggia indiscutibilmente il femminismo.
    Perché, fuori da ogni residuo equivoco, questo spot è indubbiamente femminista…e non perché lo decretano la Lanfranco o la Zanardo, ma semplicemente perché l’autrice (…oh yes) è una femminista radicale: Kim Gehrig.
    https://qph.fs.quoracdn.net/main-qimg-455f0fb7d7435a9f36e7c909d8a608a8

    Qui (per chi mastica l’inglese) un bel report esaustivo.
    .
    https://www.americanthinker.com/blog/2019/01/surprise_genius_behind_manhating_gillette_ad_is_a_radical_feminist.html?fbclid=IwAR1chnaqpp6EZ-y4pCBJysKfVystoxNhBabaZ-z36r96lSe1RR2o40ZC-Y8#.XD8XBcHQ0wI.facebook

  3. pier luigi permalink
    19 gennaio 2019 14:37

    Un assordante “vaffanculo” se li porti via…

    • Simo permalink
      25 gennaio 2019 02:37

      Un Gillette-harem 😀

      • pier luigi permalink
        25 gennaio 2019 14:25

        Siiii….quella stessa rivoluzionaria e progressista Gillette per cui vi state sperticando!
        Tu e tutta la sorellanza…
        .

    • Simo permalink
      28 gennaio 2019 02:48

      ma in base a cosa supponi che io stia “sperticando” per lo spot-gillette?
      bah, sei prevenuto forte, eh.
      tireresti fuori che “spertico per la gillette” anche se avessi parlato di tagliatelle al ragù

      il fatto è che siete ossessionati dalla vostra paranoia, per cui ogni cosa che si dica, tirate fuori sempre la teoria del comBBBloDDDo ordito contro di voi.

      bah, avevo semplicemente fatto un commento ironico e scherzoso alla foto da te postata. neanche mi interessa la gillette… figurati
      però le donzelle da te postate hanno un bel fondoschiena 😀 soprattutto la quinta, partendo dalla fila in basso, dalla sinistra

      da dove l’hai reperito quello screenshot?

      • pier luigi permalink
        28 gennaio 2019 11:19

        Ma cosa ne vuoi capire tu di culi femminili?
        Il migliore è il secondo da destra!
        Il “tuo” non ha forma…è tutt’uno con la coscia, sembra quello di una dodicenne.
        Il culo femminile dev’essere maestoso.
        Deve fornire appiglio!
        .
        Bah!…discutere di bellezza femminile con chi teorizza lo stop alla tosatura fregna-ascella-polpaccio, va pazza per il monosopracciglio Frida Kahlo e propaganda il freebleeding…è tempo sprecato 🙂

        * l’immagine arriva da un gruppo chiuso di FB

      • Paolo permalink
        28 gennaio 2019 13:51

        il monosopracciglio è esteticamente inaccettabile anche per me ma su uomini e donne. Riguardo alla tosatura invece non sono così fiscale, deplarsi deve essere una libera scelta e se hai un bel fisico (tipo Bellucci o Johansson) e niente disfunzioni ormonali tipo donna barbuta o simili resti attraente anche con le ascelle pelose o la ricrescita sulle gambe, il pube peloso poi non capsico che problema vi crei, se c’è una parte del corpo femminile che ho sempre immaginato folta di peli è quella

      • plarchitetto permalink
        28 gennaio 2019 11:28

        E soprattutto si accoppia coi “maschiopentiti”

  4. Maurizio permalink
    19 gennaio 2019 14:38

    Ipocrita Paol, in quasi 53 anni di vita non ho mai visto o saputo di donne che prendono l’iniziativa, pur conoscendo svariate persone. Quindi le favole valle a raccontare ai tordi, non a chi vissuto e conosce la vita e possiede un minimo di cervello per ragionare.

    Per quanto riguarda il fatto che bisogna smettere se il nostro approccio non è gradito in discoteca, non fare il Catalano di Quelli Della Notte, è talmente ovvia la cosa.

  5. Andrea permalink
    19 gennaio 2019 14:49

    Io sono nato nel ’71, non negli anni Cinquanta…
    Un certo genere di approcci erano normali fino agli anni Novanta: ma tanto che te lo spiego a fare?

    @
    ovviamente se il nostro approccio non è gradito a chi lo riceve bisogna smettere.
    @

    Qualcuno ha forse sostenuto il contrario ?
    Tra l’altro credi che forse che tutti gli uomini amassero dover rincorrere le donne ?
    No, molti lo facevano a malincuore, consapevoli del fatto che non avevano alternativa, perché le donne non sarebbero mai andate da loro.
    In molti casi per un uomo “conquistare” una donna (termine che detesto… ma va be’…) era un po’ come dover superare le forche caudine…
    Ma tanto, anche in questo caso, che te lo dico a fare ?

    @
    In discoteca è già un contesto diverso lì si va chiaramente anche per “rimorchiare”
    @

    Le hai mai frequentate le discoteche ?
    Io sì, per molto tempo,* per cui posso dirti che la stragrande maggioranza delle ragazze ci andava per ballare, mentre TUTTI i ragazzi ci andavano per (tentare di) rimorchiare…
    Insomma, la solita asimmetria, che avvantaggia le prime e svantaggia i secondi.
    Perché, vedi, anche se la propaganda mediatica narra il contrario, quelli subordinati – e pertanto costretti a rischiare – sono i maschi e non le femmine.

    (Non portarmi il paragone con la rock star o il calciatore famoso e sfondato di soldi, grazie.)

    @
    ci sono donne che prendono l’iniziativa.
    @

    Sì, quattro gatte e in più che altro sui web…
    Ma fammi il piacere.

    ————-

    * La prima volta che entrai in una discoteca avevo poco più di 15 anni.

    • Andrea permalink
      19 gennaio 2019 14:51

      Mi correggo

      “… quattro gatte e più che altro sul web…”

  6. plarchitetto permalink
    21 gennaio 2019 01:11

    Queste/i imbecilli, pensano…pretendono…di estorcere la solidarietà maschile attraverso campagne costruite sulla loro denigrazione.
    Un’adesione obbligatoria.
    Ciò che otterranno,…e che stanno ottenendo, è l’esatto opposto.
    Uno sdegnato rifiuto.
    Queste campagne mediatiche stanno facendo aprire gli occhi a molti uomini (e a molte donne).
    Pian piano il maschile sta prendendo coscienza di questi attacchi sconsiderati e plateali, e serra i ranghi.

    Penso che per Gillette e altri soggetti che sceglieranno di allineasi a questa sciagurata strategia, sarà un boomerang.

  7. 27 gennaio 2019 19:30

    Il fatto positivo è che questa volta ci sono state davvero tante segnalazioni di dislike.
    Al punto che questo contrasto è riuscito ad arrivare sui portali dei principali media.
    Ovviamente per essere di nuovo utilizzato contro gli UU, Tuttavia l’irritazione maschile è emersa. Il che indica 1- che ci sono segnali di risveglio. 2 – che il dissenso si esprime 3- che non può essere ignorato del tutto.
    .
    E’ una delle primissime volte in cui i giornali si occupano dell’opposizione maschile.
    .
    La regola – si dice – sia questa:
    1-prima ti ignorano
    2-poi ti denigrano e insultano
    3-poi dicono …di averla sempre pensata come te
    4-infine dichiarano di essere arrivati prima loro
    .
    Beh …siamo già al punto 2.

    • Simo permalink
      28 gennaio 2019 02:50

      veramente i giornali trattano di opposizione maschile ogni volta che si parla di Arabia Saudita e posti affini 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: