Skip to content

Questioni di coerenza

16 maggio 2017

coerenza_futurama

 

Dalla  pagina  “pasionaria.it” (dove, dopo una  mio commento non offensivo, sono stato bannato)

Ci colpisce il commento della presidente del Friuli Debora Serracchiani (Pd) di fronte al tentativo di stupro di una minorenne a Trieste da parte di un uomo richiedente asilo: “La violenza sessuale – ha dichiarato – è un atto odioso e schifoso sempre, ma risulta socialmente e moralmente ancor più inaccettabile quando è compiuto da chi chiede e ottiene accoglienza nel nostro Paese”. Ci dissociamo da questa strumentalizzazione della lotta contro la violenza sessuale in chiave razzista: quando i violenti sono italiani il reato è altrettanto grave e deprecabile. Perché la violenza sessuale è un atto odioso e schifoso sempre. Punto

Strano a  dirsi ,ma  sono completamente d’accordo con quello scritto cioè che  uno stupro resta  sempre  una  stupro, e  allora  perchè mi hanno bannato ?

Molto semplice  gli ho fatto notare  che  uno stupro è uno stupro come  un omicidio è un omicidio

Per  carità, adesso nemmeno ricordo cosa  ho scritto (ma  sicuramente niente  di offensivo) forse  sono stato un pochino sarcastico, comunque  sia  l’hanno cancellato e  bannato dalla  pagina, povere  patetiche

Ma  non è nemmeno questo l’importante  (figurarsi, sono abituato ai ban delle  femministe) perchè qui si vede  la  coerenza questa sconosciuta …

Mi domando come  mai questa  levata  di scudi, che  forse  centra  il colore  della  pelle come  per  i loro odiati nemici leghisti ?

Perchè se  qui (come  giustamente) non fanno distinzione  tra  caucasici e  quelli con la  pelle  nera, mi domando come  mai facciano, nei casi di omicidio, distinzione  tra  uomo e  donna

Perchè , in entrambi i casi, si entra  nel politicamente  corretto che  a loro piace  tanto ?

Perchè, con i migranti, si entra  nel terreno pericoloso di passare per  razzisti mentre si può dire  pesta  e corna  sugli uomini (meglio se  bianchi) ?

Domande  che  non troveranno risposta  tanto meno dalle  femministe  che  usano la  scure  del ban

Annunci
6 commenti leave one →
  1. Riccardo permalink
    17 maggio 2017 01:30

    Mauro, premesso che io con Debora Serracchiani c’entro come i cavoli a merenda (politicamente parlando), vorrei farti notare che la tizia in questione ha ragione, per non parlare del fatto che nel suddetto caso il “razzismo” non c’entra assolutamente nulla.
    Ad esempio, Dante, che era immune dalla demagogia e dall’ipocrisia del politicamente corretto, avrebbe dato ragione a Serracchiani.
    Dante Alghieri inserisce i traditori degli ospiti nel canto nono dell’Inferno e considera la loro colpa particolarmente grave.
    Anche gli americani, negli anni delle “nostre” grandi ondate di emigrazione, giudicavano i reati e le delinquenze, anche mafiose, compiute dagli italiani odiose al massimo grado.
    Perché contenevano, agli occhi di quella società aperta, una sorta di tradimento profondo del tipo: io accolgo i nuovi venuti, do loro fiducia e futuro, e in cambio ricevo il male.
    Insomma, non c’è affatto “razzismo” (termine alquanto abusato e parimenti usato “a senso unico”) nelle parole di Serracchiani. Casomai sono di buon senso. Contengono la constatazione, facilmente sottoscrivibile da chiunque tranne che dagli ideologi insinceri del c.d. “mainstream”, secondo cui il Paese che accoglie merita rispetto.
    L’accettazione delle regole vigenti nel Paese ospitante è il pre-requisito su cui si basa la reciprocità. O meglio, la civiltà.

    • 17 maggio 2017 17:47

      Guarda Riccardo non ho nulla da obbiettare, ed anch’io penso che gridare al razzismo in ogni angolo diventa anche grottesco, volevo comunque far notare la coerenza delle femministe che, in questo caso, dicono che uno stupro resta sempre uno stupro, ma invece in caso di omicidio vedono la differenza dovuta al sesso

  2. armando permalink
    18 maggio 2017 14:13

    E’ il solito calderone nel quale si può mettere di tutto, e dove si cade facilmente in contraddizione con se stessi, come fa la Serracchiani, tradendo peraltro un retropensiero inconfessabile. Certo che il paese ospitante merita rispetto, certo che la reciprocità sarebbe giusta, ma non ha senso giudicare un atto diversamente se a compierlo sono soggetti diversi. E’ precisamente questo che apre le porte ai razzismi di varie tipologie, fra cui quello di genere, come giustamente sottolinea Mauro. Stupro è stupro (quando è davvero tale, sia chiaro, e non quando è usato strumentalmente per inchiodare un’altra persona), così come omicidio è omicidio, chiunque lo commetta e chiunque sia la vittima. Se non si capisce questa verità elementare, si aprono spiragli, anzi si spalancano porte, a qualsiasi aberrazione. Una delle quali è già stata codificata in Spagna quando la legge (la legge, e non i soliti giudici sessisti che lo fanno da sempre), prevede pene maggiori per reati identici quando a commetterli sono uomini.

  3. Riccardo permalink
    19 maggio 2017 00:31

    >>>
    Certo che il paese ospitante merita rispetto, certo che la reciprocità sarebbe giusta, ma non ha senso giudicare un atto diversamente se a compierlo sono soggetti diversi.
    >>>

    No, Armando, invece il discorso ha senso e i motivi li ho spiegati nel mio precedente post.
    Peraltro, nello specifico, non c’entra nulla né il colore della pelle né altro.
    Semplicemente si parla di individui stranieri in un Paese straniero, che devono attenersi alle regole e alle leggi del Paese che li ospita.
    Il che, tradotto, sta a significare che il discorso vale e varrebbe (e valeva in passato) anche per gli italiani.

    Altra questione è quella evidenziata da Mauro.

    • Paolo permalink
      19 maggio 2017 14:51

      il punto è che lo stupro è un reato contro la persona e non contro “il Paese che ti ha accolto”. Quanto al femminicidio, la differenza è nel movente: essere uccisi da qualcuno che diceva di amarti solo perchè l’hai lasciato (e le donne lasciate che uccidono gli ex sono poche, concorderai con me, e sulle cause culturali di questo potremmo discutere) è diverso dall’essere uccisi da un totale sconosciuto, italiano o straniero che sia,i morti sono morti ma i moventi cambiano l’analisi, del resto la legge prevede aggravanti e attenuanti per l’omicidio, per me essere uccisi da qualcuno che diceva di amarti è un aggravante per l’assassino

      • Riccardo permalink
        25 maggio 2017 00:17

        Ho già scritto come la penso e non intendo ripetermi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: