Skip to content

La dura vita dei maschi pentiti

29 ottobre 2016

Grazie  a  “Stop moralismo Tv” per  questa  segnalazione

padri-separati

Si parla  di padri separati quindi , in teoria, dovrebbe essere  un controsenso parlare  di maschi pentiti ,eppure  anche  in questo caso, il politicamente  corretto (cioè non parlare  male  delle  donne)  sembra  che  sia   proprio impossibile ..

 

Sia  chiaro che, un anti femminista se  la  prende con il femminismo e  non certamente  con le  donne come  fanno le  femministe  con gli uomini ( girare  in toto l’ideologia come  un guanto non ha molto senso) però si vede  che, anche qui, si deve  precisare che  gli uomini sono bastardi e  si ritrovano a  vivere  con pochi euro al mese  in fondo se  lo meritano perchè, se è vero che  il film non deve  essere  contro le  donne in generale , mi domando come  mai gli uomini si meritano situazioni del genere ,non sarebbe  stato molto più semplice  spiegare  che  il film vuole  trattare  un tema  dalla  parte  di vista  maschile ?

No .. perchè come  è successo un film fatto da  una femminista che  tratta  di violenza  subita  maschile  ,potrebbe  essere  sotto censura dalle  femministe  stesse

http://it.avoiceformen.com/suggerito/femministe-censurano-femminista-e-omosessuale-che-parlano-di-diritti-degli-uomini/

Quindi film del genere  che  trattano di padri separati ,diritti maschili e  violenza subita  dagli uomini potrebbe  passare  sotto la  mannaia  della censura ,mentre  femminicidio, violenza subita  dalle  donne , sembra che  non abbia  questo problema

In conclusione,  dev’essere  proprio dura  la  vita  dei maschi pentiti , attenti a  non ledere  la  dignità  femminile  e sempre  pronti a scusarsi per  qualsiasi cavolata  ( magari hanno visto un culo 🙂 )

Alcuni di questi maschi pentiti hanno bypassato questo parlando solo male  degli uomini    ( la  strada  sicuramente  più facile ) altri invece  tentano di alzare  la testa  ma  con scarsi risultati (anzi nulli)

Tutto questo magari per un sorrisino o per  un like ? Mi sembra  quanto meno paradossale

 

Annunci
5 commenti leave one →
  1. Paolo permalink
    1 novembre 2016 11:56

    il film è di un po’ di anni fa.Allora i due ex mariti interpretati da Favino e Giallini sì se la sono meritata, perchè uno ha tradito la moglie che aveva appena partorito, l’altro è un donnaiolo, giocatore d’azzardo e irresponsabile totale quidi c’erano tutti gli elementi per chiedere la separazione con addebito, vale anche se il coniuge fedifrago è lei.: se la moglie ti tradisce puoi chiedere la separazione con addebito e non le devi alcun mantenimento (solo per i figli ma quello è giusto) in tutti gli altri casidovete accettare il fatto che il coniuge economicamente più povero ha il diritto al mantenimento, se nella maggioranza dei casi il coniuge con meno reddito è la moglie non è colpa del femminismo (anzi per il femminismo le donne dovrebbero tutte guadagnare quanto gli uomini ed essere econimicamente autosufficienti).
    Cari maschi anti-femministi, se non volete pagare (dato che l’unica cosa che sembra avere importanza per voi sono i soldi) sposate una ricca, una donna che guadagna più soldi di voi o vi sentite meno maschi se lei guadagna di più?

    • 1 novembre 2016 12:45

      Il film mi sembra anche di averlo visto …Trovare una donna ricca ? Ma magari lo volesse il cielo ,cosi eviterei di alzarmi alle 6 ogni giorno per 1400 euro , comunque, a parte gli scherzi, come ripeto spesso ,non sono un padre separato e certe tematiche non mi addentro troppo perchè bisogna provarle sulla pelle per giudicare , dico solo che magari fare un film sulla problematiche maschile senza dovere ogni volta sottolineare che le donne sono buone (il contrario non avviene mai) potrebbe anche essere una buona idea

  2. Lucy permalink
    20 novembre 2016 04:45

    p.s non so bene se il mio commento di prima è stato mandato, forse è stato bloccato in automatico per via dei link…

    ad ogni modo, a proposito di a voice for men e film bloccati dalle cattivissime nazifemministe, “Paul Elam, il fondatore di A Voice For Men, è anche l’autore del saggio “Quando è OK picchiare tua moglie?”
    e poi vi stupite anche che qualcuno chieda di riavere i soldi indietro, nel sapere di aver finanziato un film dedicato a questi movimenti?! con i loro leader che fanno soldi plagiando uomini con turbe psichiatriche?! pure io se sapessi di aver finanziato involontariamente un film che difendesse Stalin, Pinochet ecc. ecc. vorrei indietro i soldi!

  3. Lucy permalink
    20 novembre 2016 04:51

    no, evidentemente il commento di prima è stato bloccato in automatico. lo riscrivo senza link, lasciando solo i titoli dei siti, vediamo se lo pubblica:

    e come al solito non ci sono fonti che ci fanno sapere che il film, dedicato all’MRA, probabimente è stato criticato perché l’MRA ha già questa bella fedina penale: (vedi sito alternet “a look inside infamous mens right movement”)

    “Nel 2012, l’attivista del MRM Matt Forney ha scritto un infame articolo dal titolo “La necessità della violenza domestica” nel quale afferma che “le donne dovrebbero essere terrorizzate dai loro uomini. E’ l’unica cosa che impedisce loro di comportarsi meglio di uno scimpanzé“.”

    e intanto, il signore fondatore fa tanti soldini (sulle spalle di quelli come lei, signor Mauro, che lavorano – a differenza di costui, che fa il suo teatrino per abbindolarvi esattamente come una qualsiasi SETTA guidata da un GURU che plagia gli adepti per fare soldi.
    vedi sito wehuntedthemammoth, “paul elam all your donations are belong to me”)

    che quel movimento sia pieno zeppo di pazzoidi plagiati lo riconosce anche il mitico Zorin, sul blog di RC: “Detto questo, il punto centrale che nei MRM ci sono troppe teste calde, troppi complottisti ed estremisti è condivisibile, PURTROPPO.” uno che non è certamente un amico delle donne e che pure deve ammettere che l’MRA ha gente con gravi turbe psichiatriche e le fedine penali mica tanto pulite.

    Ancora una volta, signor Mauro: è troppo chiedervi a voi della QM di leggere bene le fonti, eh? e di smetterla di vedere oppressione ovunque?!

    ma che ve lo scrivo a fare… 😛 e pazienza, la buona vecchia zia Lucy ci prova comunque. Signor Mauro, legga gli articoli che le ho linkato sull’MRA (nel primo messaggio le avevo messo i link diretti, forse gli è arrivato come notifica nella casella spam altrimenti cerchi le fonti usando i titoli in inglese che ho lasciato), guardi i soldini che fa il suo guru, e poi mi dica se ad essere cattive (e assetate di soldi) sono le femministe…

    vah, ora la lascio, buona domenica di meritato riposo per entrambi, in par condicio! 🙂

    • 20 novembre 2016 13:52

      Ma che ci siano estremisti negli MRA è scoprire l’acqua calda , non so se in modo indiretto, ma in modo diretto ,non ho mai finanziato nessuno ,fuori che 10 euro dato al giornale l’interferenza, ma li si parla di tutto…sono andato due volte a Roma e una a Milano per parlare di questi temi , una volta invece è stata proprio fatta nella mia città, cioè Vicenza ( e li sono stato fortunato) ma nessuno mi ha chiesto soldi e non ho vista poi tutta questa gente con turbe psiche ma si sa che,tra i matti,ci si capisce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: