Skip to content

Buon anno ….antifemminista

1 gennaio 2016

A dire  il vero non volevo fare  gli auguri, non perchè sia  uno stronzo, ma  credo che  ne  siamo stati subissati da ieri e dalle  prime  ore  di questa giornata, ho cambiato idea leggendo questo post della  Zanardo

Buon 2016.
Che il 2016 ci renda un Paese civile. Dove i diritti delle Donne siano rispettati da tutti. E non siano un tema da “Femministe”, quasi una riserva indiana in via di estinzione.
Nel Paese al 70 posto per libertå di informazione ( questo ė IL DATO) i nostri quotidiani trattano le notizie sulla violenza alle donne come cronaca.
Non ė cosī ovunque in Europa.
Qui sotto la Prima Pagina di pochi giorni fa di LIBERATION, uno dei maggiori quotidiani francesi.
La Francia si ė mobilitata per chiedere la Grazia ad Hollande in favore di Jacqueline Sauvage che ha ucciso il marito per legittima difesa dopo 50 anni di violenze inaudite. Tutto il Paese ė con lei.
Ricordo che da noi ė divenuto “normale” e accettato ascoltare giudici che ritengano una donna vittima di violenza non difendibile perche colpevole di avere subito per anni la violenza.
Buon Anno amiche.
Rimbocchiamoci le maniche e al lavoro.
L’Italia su questi temi ė quinto mondo.
E non abbiate paura di chi vi critica, non temete di sentirvi etichettare come “femminista”.
Fossero di piú le vere orgogliose forti donne femministe!
Fossero nel Governo a fare il loro primo Dovere nel rispetto dei Diritti Costituzionali.
Abbiamo donne inadeguate su questi temi in politica.
Facciamo noi il nostro dovere.
Che sia un Anno di Bellissima Forza!

Non ci sarebbe  da  aggiungere  altro … monocorde  sui diritti delle  donne (mai dei poveri )  come se sono una  determinata  etnia  o sesso avesse  il diritto di chiedere qualcosa ,naturalmente  si va  a  tastare  sempre  li ,sulla violenza  sulle  donne  (come  se  non esistessero quella  sugli uomini)

Non vi voglio tediare  più di tanto , anche  lo stesso Presidente  della  repubblica Mattarella (discorso che  non ho ascoltato)  ha  ricordato le  donne che  si sono distinte  (giustamente) ma  si è dimenticato degli uomini ,si è parlato di lavoro ,ma  non di chi perde  la  vita  (forse  perchè sono sopratutto uomini)

Quindi,  per  quel poco che  vale,  faccio gli auguri agli antifemministi (che  possono anche essere  donne)

Buon anno ….antifemminista

 

Annunci
4 commenti leave one →
  1. Daniele permalink
    1 gennaio 2016 18:13

    >>>>>
    L’Italia su questi temi ė quinto mondo.
    >>>>>

    Io, queste povere mentecatte, ce le manderei veramente a vivere in certi paesi “del quinto mondo”, così capirebbero la differenza che passa tra la realtà e le stronzate da italiane esterofile.

    >>>>>
    Jacqueline Sauvage che ha ucciso il marito per legittima difesa dopo 50 anni di violenze inaudite.
    >>>>>

    A quanto pare anche in questo caso “il sesto senso femminile” ha fatto cilecca.
    Tanto furbe e tanto stupide.
    Dicono di essere più sveglie degli uomini, si vantano di capire tutto al volo, definiscono gli uomini dei poveri cretini (sentita anche pochi giorni fa), poi, “chissà perché”, si sposano uomini di un certo genere…
    Masochismo o stupidità all’ennesima potenza? O entrambe le cose?
    Di certo il “sesto senso femminile” è una boiata pazzesca.

    (Un uomo che subisse violenze dalla moglie per anni, o decenni, sarebbe deriso sia dagli uomini che dalle donne, ed etichettato come un “coglione senza palle, che non si è fatto rispettare”.)

    >>>>>>
    Che sia un Anno di Bellissima Forza!
    >>>>>>

    La stupidaggine in salsa cinematografica americana non poteva mancare.
    Ridicole.

  2. Rino DV permalink
    1 gennaio 2016 19:15

    Ciao Mauro e tantissimi auguri.
    .
    Relativamente all’ennesimo delirio che riporti, mi chiedo: si è sentito di una sentenza che abbia assolto un uxoricida che per decenni subì le angherie della moglie, magari compresa la violenza fisica?
    Si è mai mobilitato qualcuno per tirar fuori di galera un maschio condannato per omicidio o per uno stupro postdatato?
    Anzi: chi mai oserebbe anche solo metter insieme un comitato di 3 persone a quel fine?
    Nel solo caso che si conosca, fu un gruppo di donne bresciane a farlo. Donne, certo, non uomini e si capisce perché. Ovviamente senza alcun esito.
    Quanto alla condizione femminile in Italia le menzogne femministe hanno superato il vomitevole.
    E la libertà di opinione e di stampa dove è superiore a quella che abbiamo?
    Semmai siamo noi maschi a dover denunciare le censura, che però non viene dalle leggi o dalle azioni di polizia, ma dall’omertà-viltà maschile nei media e dal dominio che su di esse e sul sistema mediatico – culturale – esercitano le femministe.
    .
    Resistere, Mauro, resistere per esistere.
    Ora e sempre Resistenza.
    Resisteremo.
    Saluti.
    Rino

  3. 3 gennaio 2016 15:54

    Grande Rino, ovviamente contraccambio gli auguri ..l’unica via è quella di resistere
    Ora e sempre resistenza è più che mai attuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: