Skip to content

Ghost town

5 maggio 2015

Ghost town , episodio 3 del gioco blood, livello 1 , si entra  in una  città deserta e subitro il gioco di arma  di un fucile  a doppia  canna , ma la  strada  è praticamente  deserta,  poi arrivano i nemici da abbattere, livello medio-facile

Perchè vi scrivo questo ? Che  sembra  non centrare  nulla ne  con il blog..

Semplice, perchè mi sono imbattuto su questo racconto della Zanardo ( non so se  personale  o meno ) … proviamo ad analizzarlo

IO NON HO PAURA

Paura  di cosa ? Lo scopriremo presto

L’amica mi lascia al sottopassaggio del passante ferroviario, è un tardo pomeriggio invernale ed è già buio, piove, c’è un po’ di nebbia.
Per arrivare al binario cammino su un tratto dove il cemento è invaso da erbacce, sporcizia e rifiuti. Sul binario un uomo che attende. Comprendo che non è quella la direzione del mio treno.
Scendo allora le scale e davanti a me si presenta una galleria quasi buia, pozzanghere ovunque. Sento il disagio.Inizio a percorrerlo e sulla dx si spalanca un androne immenso e umido chiuso da una grata da cui esce un rumore sinistro.
Affretto il passo: nessuno dietro di me.
Il cuore batte più forte.

Sembra  il preludio una scena  dell’orrore

Dal quasi buio appare d’un tratto un’ombra che mi fa sobbalzare: nulla, è una donna che viene verso di me. I nostri sguardi si incrociano, solidali.

Vedete  cosa  c’era da avere  paura? In questo caso ,essendo una donna (lo sguardo solidale  poi) dice  che  gli è andata di lusso, provate ad immaginare se ci fosse stato un uomo, praticamente  lo preludio dello stupro

Arrivo al binario e cerco con lo sguardo altri/e umani: sì ci sono due persone.
Il cuore rallenta. Riprendo a respirare normalmente.

Da quando siamo bambine ci abituiamo a gestire la paura.
Inutile cercare di allevare figli e figlie nello stesso modo: se c’è la strada buia da percorrere, il sottopasso da attraversare al buio, il treno da prendere dopo le 8 di sera se sei donna , una raccomandazione in più la ricevi.
Ti abitui ad affrettare il passo se senti qualcuno che cammina troppo vicino a te e la strada è buia, a non incrociare lo sguardo di quello che viene verso di te e intanto ti sussurra porcate.

Devo farvi una  domanda ? Oggi quante  porcate avete  detto o fatto davanti ad  una donna ? Francamente  io nessuna, quindi devo rifarmi, visto che sembra la  prassi di ogni uomo ,alzarsi la  mattina  ,e dire  porcate alle  donne ,è di default

Acquisisci, se donna, un sesto senso più sensibile che ti tiene, o dovrebbe tenerti, fuori dai guai.
Poche palle: la libertà di azione non è la stessa per uomini e per donne.
Non sono una ragazzina ma in questi anni mi sono abituata e non prendere troppo spesso i treni locali dopo le 22: due esperienze molto poco piacevoli in meno di un mese mi hanno dissuaso dal ripetere l’esperienza.
Acquisiamo un occhio vigile mano a mano che cresciamo: e stiamo attente agli androni bui, mentre i nostri amici e compagni maschi di quegli androni nemmeno si accorgono.

la butto li ,si fanno meno “pippe  mentali?” E  forse  la  paura  dell “uomo nero”  è passata da  un pezzo ?

Per me che sono nata libera, e che per la mia libertà ho sempre lottato, queste limitazioni hanno fatto da detonatore di una rabbia positiva che mi ha portato a lottare per i diritti di noi donne.

Degli uomini fotte sega

Ma molto è partito proprio da questa paura che i miei amici maschi erano liberi di non avere.
Anni fa tornavo in bici all’una di notte e un pirla ha tentato più volte di fermarmi, finché c’è riuscito.
Era ubriaco e mi voleva tirare giù dalla bicicletta.
Ricordo una furia che mi è nata in petto, mentre mi liberavo ripetevo incazzata e a voce alta ma senza gridare: “lasciami vivere! eh lasciami vivere!” come se quei suoi tentativi di fermarmi fossero l’emblema di anni di limitazioni che mi soffocavano.
Libere.

Questo ubriaco la voleva far scendere  dalla  bicicletta, ma  ricordiamoci sempre  che  l’alcool non è una droga che ti fa comportare  in maniera  diversa, gli alcolisti anonimi, sono una  associazioni di persone  che  non hanno un cazzo da fare

La paura non mi ha limitata.
Sin da ragazzina e in tempi in cui eravamo ancora in poche a farlo sono andata ovunque, ho viaggiato sola con lo zaino anche in Paesi remoti.
Ma sono onesta: non ho mai goduto della libertà di cui godevano i compagni di viaggio che man mano incontravo.
Se era notte, se il luogo era deserto, se la città insicura, lui poteva dire” vado a farmi una birretta”. Io cercavo qualcuno/a con cui andare.

Beh ,la  paura  invece ti ha  limitata eccome

Mai mi fermeranno e mai ci fermeranno.
Ma quando pensiamo a tutto quello che ci ha unito in questi 6 anni, da quando esiste questa pagina, ricordiamo: anche per scacciare quella fottuta paura che discrimina,noi lottiamo.

Lotta  dura senza  paura

Sono stato anche  sarcastico ma, in conclusione, visto che  a loro piacciono molto le  statistiche, le  posso assicurare  che  è più facile che  un uomo subisca  violenze o che  venga  ucciso rispetto ad una  donna  (il famoso rapporto 70-30) dove  il ministro Alfano ha  enfatizzato il 30 % di morte  femminile  (dimenticando l’altro 70, ma  sono bazzecole) , adesso che  ci possono essere uomini violenti come  ho ripetuto tantissime  volte , è un dato di fatto ,ma  qui ,ancora  una  volta  si criminalizza il genere  maschile  senza  se e senza  ma

Chiaro il discorso ,se  incroci una donna  di va di lusso ,se  incroci un uomo devi stare  attenta  ai vari stupri e  violenze

Più o meno il discorso della sicurezza che  fanno tanti di destra ( sopratutto della lega) dove se incroci un extracomunitario devi stare  attento che  può finire  male

Ho preso critiche da  questo ma  è il mio pensiero e nessuno me  lo toglie  che  il femminismo è il ” leghismo” di genere  e questi racconti me ne  danno la  conferma

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: