Skip to content

La foto della discordia

2 maggio 2013

Circola una foto che a me piace tantissimo (non è Totti :D)

Ecce cazzata

Foto che avevo già postato e di come io intendo combattere la violenza e non negare niente e nessuno ,notare la “o” che simboleggia sia gli uomini, che le donne che i trans …però ad alcuni questa foto non è tanto piaciuta .

Parlo del gruppo https://www.facebook.com/Noallaviolenzasulledonnevero2?fref=ts che riprende un articolo su un altro blog http://amarame.noblogs.org/post/2013/05/01/cose-che-sono-tipo-cazzate-ma-piu-grandi/

Contestano ovviamente quella parola WOMEN cancellata

Di solito quando si cancella una parola si fa quando si commette un errore ,che può essere ortografico ,ma anche di concetto, chi ha scritto quella frase ,ma anche se fosse un fotomontaggio ,la cosa non ha importanza ,voleva solo specificare che la violenza NON E’  solo contro la donna, ma qualsiasi individuo può subire violenza e quindo va combattuta ..

Ma le mie care comuniste che si sono ricordate che ieri ,in un impeto di rigurgito di sinistra (la data aiutava in quel senso ,un pochino come il 25 dicembre per i cattolici) dei morti sul lavoro (dimenticando ovviamente che sono ,per la quasi totalità uomini,proprio quelli che hanno il potere) ,oggi passata il giorno si sono ricordate che gli uomini sono cattivi e se subiscano violenza (cosa che ,a loro vedere ,sembra quasi impossibile) non è poi cosi importante come una violenza subita da una donna e quindi quella frase minimizza la violenza reale ,quella vera ,cioè SOLO SULLE DONNE .

L’articolo in questione, riportato anche su gruppo facebook ,spiega il perchè quella foto ,non gli garba poi molto

Però c’è un però. Perché la scritta non si limita solo a proclamare la fine delle sofferenze, ma si impegna affinché una parola specifica appaia cancellata pur rimanendo comunque ben visibile: WOMEN.
E lì salta fuori il problema del messaggio “subliminale”, ossia ciò che l’immagine finisce per dire. Non si tratta di una svista (o, almeno, io non ci credo): chiunque l’abbia creata ha pensato bene a come strutturarla con lo scopo che a me pare palese di sminuire la lotta alla violenza maschile e azzerare le riflessioni sulla violenza di genere. La mente che ha ideato questo messaggio ha deciso che tale argomento non era importante o non aveva senso. Oppure l’intento era molto più malizioso: modificare un messaggio politico in qualcosa di più blando e generico, in modo che, da una parte, potesse essere facilmente accettato e condiviso da una vasta maggioranza (penso anche ai social network) e, dall’altra, rendesse difficile la critica all’immagine per la presenza di quella cancellatura. Cancellatura che però rimane e continua a lavorare, a parlare, a proclamare che “Hey, sì, ok la violenza sulle donne, ma perché, i bambini no? E gli operai? E i poveri? E…e…e…?”*

Ecco, quest’immagine è stata studiata per sviare l’attenzione, per non discutere e per non mettersi in discussione e, onestamente, che compaia in spazi che si definiscono “femministi” (l’ho visto, giurin giuretto!) mi mette i brividi e mi stravolge dal disgusto.

Per me ,questo spunto vuol dire solo una cosa ,la si può sintetizzare con NAZIFEMMINISMO

Capisco le critiche per una parola davvero forte, ma qui mette in risalto che solo e solamente la violenza sulle donne vale la pena di essere analizzata  e quindi combattuta , fregandosene di tutti gli altri (e quindi non solo degli uomini) come una specie ariana che merita di avere rispetto ,gli altri un pochino meno

Finisce con il solito discorso (questa volta il gruppo facebook) sulle foibe …

Le foibe ,come i campi di concentramento ,sono degli orrori ,la storia ,se deve insegnare qualcosa ,deve insegnare che tali errori non vanno ripetuti ,chi i numeri siano diversi ,davvero poco importa …

Quindi ribadisco la foto ..

Ecce cazzata

NO ALLA VIOLENZA CONTRO TUTTI, NESSUNO ESCLUSO

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 2 maggio 2013 18:30

    Mi sembra più che una cosa giusta, la correzione.
    Che poi non piaccia alle femministe(che si camuffano come con l’essere contro la violenza sulle donne, essere contro i maschilisti, essere contro il sessismo, il razzismo, il fascismo…e pippe varie), bhe… si arrangino!

  2. 2 maggio 2013 18:34

    … tra l’altro, le femministe hanno rotto il ca..o di brutto con le solite loro paroline da “salvatrici” come:
    violenza di genere o stereotipi di genere. Ma di che cavolo si parla, e lo dicono addirittura le femministe, che stesse generano stereotipi, odio e avversione!?!?
    Parole ormai usate dove c’è e non ce n’è bisogno… ma veramente ci crede della gente in tutto questo, in tutta questa loro lotta?
    Mha…

  3. fabriziopiludu permalink
    2 maggio 2013 19:05

    Dopo aver visto “Xena”, “ALIAS”, NCIS”,… han ancora la faccia di negare che VIOLENZA IMPUNITA – e ANCHE INCENTIVATA! – sia SOLO QUELLA SUGLI UOMINI!!!!??

  4. 22 maggio 2013 16:55

    Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, proverò senz’altro a sperimentare quanto avete indicato… c’è solo una cosa di cui vorrei parlare più approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

  5. fabriziopiludu permalink
    13 luglio 2013 01:45

    Serie TV bellissime!!!!!!!!?
    Ti piace veder LA SOFFERENZA di UN UOMO!!!?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: