Skip to content

one billion rising ..ecco il perchè non partecipo

13 febbraio 2013

Domani ,in molti parti del mondo ci sara questo “ballo” nelle maggiori piazze , contro la violenza sulle donne

questo è il video originale

Beh ,subito si pensa che sono il solito maschilista ed è mio il detto veneto “Donne e baccalà non gli xe mai ben pestà” (mi sembra inutile tradurlo)

Il motivo invece è un altro che, ancora una volta ,l’ennesima ,si tratta la donna vittima sempre e comunque ,e l’uomo carnefice sempre e comunque

Questa manifestazione non fa altro a confermare questa netta distinzione ..per fortuna alcune femministe “dissidenti” confermano la mia ipotesi

http://abbattoimuri.wordpress.com/2013/01/18/one-billion-rising-la-campagna-antiviolenza-etero-normata/

Ma perchè non fare un “ballo” contro qualsiasi forma di violenza? Perchè proprio specificare la violenza sulle donne ?

Un uomo non subisce violenza e se vogliamo un gay ,un trans ?

Non valgono perchè sono diversi dalle donne ,solo quella violenza vale ?

Per farmi dire ,ancora una volta che ,siccome portatore di pisello ,sono un carnefice (il senso è quello) ?

Ecco il perchè del mio no, e francamente gli uomini che partecipano ,non capiscono questa sessista distinzione?  A me sembra palese

Senza contare che domani ,essendo anche san valentino , magari dopo il ballo a dire che gli uomini sono brutti e cattivi, gli stessi uomini pagheranno la cena ,i cioccolati ,i fiori ,incredibile davvero …

Annunci
4 commenti leave one →
  1. Caparexa permalink
    13 febbraio 2013 22:48

    Sai una cosa Mauro? Io sono favorevole a questa iniziativa.
    vedi, una volta terminato questo ballo in scala globale, che porrà termine ad ogni violenza contro la donna (mi auguro), qualcuno comincerà ad accorgersi che, oltre quella sulle donne (che è innegabile, lo dico e lo ribadisco), esistono altre forme di violenza, magari anche contro l’uomo (considerato carnefice sempre, comunque e dovunque), abusi sempre ignorati e posti in secondo piano diventerebbero prioritari.
    Quando i morti ammazzati maschi, che già sono in maggioranza in quasi tutti i Paesi del mondo (fonte: http://www.unodc.org/unodc/en/data-and-analysis/homicide.html), diventeranno il 100%, ci si accorgerà che in molti Stati i giovani sono obbligati contro volontà a militare in guerre terribili, condotti alla carneficina per costrizione (anche se ci si fa beffardamente noto SOLO ed UNICAMENTE l’abuso che subiscono le donne in guerra), alle violenze psicologiche che molti padri separati vivono, uomini che (se non hanno uno stipendio abbondante o una moglie ipercomprensiva) vengono privati di tutto, dal punto di vista materiale ed emotivo etc., finalmente si accantonerà la componente di genere e si affronterà il tutto in maniera neutra (come mai è stato fatto fino ad ora).

    • 14 febbraio 2013 18:51

      Hai anche ragione caparexa, ovviamente si spera che le violenze siano il meno possibile, ma ci saranno sempre ,il motivo? In questo mondo siamo tutti diversi ed esiste la brava persona come quella stronza, questo non lo puoi cancellare ,ma d’altronde ,senza la violenza sulle donne come si ciberebbe il femminismo ,prova a tirare via l’extracomunitario o il “terrone” alla lega nord , cosa parlerebbero dopo? …Che poi ci sarebbero più uomini morti è irrilevante per via del loro sesso di appartenenza ,come sul lavoro e in altre situazioni …davvero “buffo” ma ci sarebbe da piangere ,sulla guerra una donna ha detto “la guerra l’hanno inventata gli uomini” peccato che ,a morire ci andavano i morti di fame (non nel senso dispregiativo, ma era la realtà) morti di fame contro altri morti di fame , e ,sopratutto nella prima guerra mondiale ,praticamente tutti uomini ,bella fregatura ,non trovi ?

    • 15 febbraio 2013 12:28

      Caparexa, non capisco come tu faccia a prevedere un 100% di uccisioni maschili; non succederà per due motivi: percentuale fisiologica indipendente dal genere e basso livello etico femminile. L’unico che si può migliorare è il secondo, ma siamo lontanissimi dal crearne soltanto i presupposti.
      Distinguiamo le oche che vanno a ballare senza coscienza da coloro che contano veramente. Questi ultima perfettamente che sono gli uomini a venire più uccisi, a venire più picchiati, a suicidarsi di più, a scomparire di più, a morire di più sul lavoro, a vivere di meno e a venire molto spesso stuprati (probabilmente anche più delle donne), ma come oggi non fanno nulla, non lo faranno neanche in futuro.

  2. antifemminismoragusa permalink
    15 febbraio 2013 14:26

    Scusate ma ieri era il 14 febbraio o l’8 marzo? Non oso immaginare cosa faranno per la festa della donna. Cosa c’entrava questa pagliacciata con s. valentino? NIENTE.
    La cosa impressionante è la potenza di queste associazioni / movimenti femministi che riescono a coinvolgere i governi di tutto il mondo con una facilità impressionante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: