Skip to content

Risposte ad un blog

24 gennaio 2013

Alcune risposte doverose a questo blog

http://lazitellafelice.wordpress.com/2013/01/24/femminicidio-lerici-incontra-iacona-e-perotti/

Lascio stare la prima parte che fa un resoconto sull’incontro ,si è lamentata che c’ erano pochi uomini, chiedersi il perchè forse sarebbe più sensato ma ,andiamo alle risposte da dare

1-

. Il Femminicidio non esiste, esistono solo gli omicidi perché la violenza riguarda entrambi i generi.

Sì, il Femminicidio esiste: è una parte degli omicidi che purtroppo avvengono quotidianamente nel mondo, è perpetrato su donne considerate dal proprio assassino “colpevoli” di aver cercato una indipendenza di qualsiasi genere.

E qui potremo già finire,perchè NON E’ QUESTA la definizione di femminicidio , Femminicidio si uccide “in quanto donna”

Cosa vuol dire questo e che le nostre care femministe NON VOGLIONO CAPIRE ?Uccidere “in quanto donna” si dovrebbe far pensare che , qualsiasi uomo uccida una donna solo per il motivo di essere tale, ciò ,per fortuna, non avviene ,ma avviene quasi esclusivamente dentro ai legami familiari ,per fare un esempio banale,io passo per strada  e vedo una donna ed ,essendo donna, gli sparo!! Questo è il femminicidio che ,ovviamente e per fortuna ,non esiste

2. Parlare di Femminicidio è come accusare TUTTI i maschi come potenziali assassini.

Al contrario. Parlare come si deve di femminicidio è il metodo migliore per definire una realtà estranea alla maggior parte degli uomini e tuttavia sorta dallo stesso contesto culturale, in cui tutti insieme possiamo interrogarci, riflettere ed adoperarci per prendere misure efficaci all’eliminazione delle cause.

Ma se la maggior parte degli uomini sono estranei (ed è vero) ma allora NON E’  un problema culturale, come vogliono far passare le femministe , ma un problema solo  di alcuni uomini …e allora tutta questa emergenza

3. E gli uomini che muoiono sul lavoro?

Vedi punto uno. Definendo il femminicidio non si vuole creare morti di serie A e di serie B, ma si vuol fare emergere una realtà dei fatti che è sotto gli occhi di tutti. Anche i Panda soffrono. Ciò non cambia la realtà delle cose: quando si vuole parlare di uomini morti sul lavoro se ne parli con dovizia di particolari, quando si parla di donne uccise per un particolare movente di stampo culturale è inutile cercare di insabbiare spostando il focus.

Una volta per tutte, i morti sul lavoro sono un problema di classe e di genere ,muoiono gli uomini poveri, che hanno uno stipendio basso,questo sta a dimostrare che ,la tanto decantata società fortemente maschilista, fa morire gli oppressori (uomini)  al posto degli oppressi( donne) il che è un controsenso , per fare un esempio e se un proprietario di una piantagione di cotone si frustasse al posto dei schiavi neri …invece alcune proposte di legge vogliono proprio far passare questa differenza di serie A e serie B ,incrementando la pena, se ad essere uccisa è una donna, questo è apharteid di genere

4. Anche le donne sono violente.

Vedi punti 1 e 3. Non si vuole far passare gli uomini per orchi tout court e donne angeliche, ma è innegabile che la realtà dei casi denominati di femminicidio, seppur diversissimi tra loro, hanno un comune denominatore, quello che un tempo era chiamato “delitto d’onore” e che sul versante femminile – semplicemente – non trova corrispondenza.

AHAHAHAHAHAHAH non si trova corrispondenza (non si dovrebbe ridere si cose cosi serie e tragiche) ma questa  è davvero grossa ,perchè anche le donne non compiono o delitti d’onore (abrogato, giustamente, nel 1981) e quindi parliamo di aria fritta ,questi sono omicidi e come tali vanno condannati , va beh il link lo ritengo per il punto successivo

5. Della violenza sugli uomini non si parla mai.

Nessuno vi impedisce di parlarne. Ma, se come ho letto nei vari articoli portati ad esempio dai vari troll, è considerata violenza l’interruzione di un rapporto sessuale, o al contrario la pretesa di un rapporto davanti al gatto di casa, mi permetto di considerare che un po’ di frustrazione sessuale è NULLA rispetto ad un utero lacerato da una spranga, quindi abbiate pazienza se proprio non riusciamo a vederla dallo stesso punto di vista.

Non c’è solo questo ovviamente ,basta dare un occhiata a questo link    http://violenza-donne.blogspot.it/ altro che fare sesso davanti al gatto

6. 134 donne su una popolazione di 60.000.000 sono poche e non costituiscono emergenza sociale.

Mi fa piacere notare che questa ultima risorsa viene tirata fuori dagli stessi fautori del “e dei 380 morti sul lavoro non si parla abbastanza”. Non è il numero che fa emergenza, ma la causa scatenante. 1, 10, 100 vittime non fa alcuna differenza: il fenomeno esiste e si ripete al ritmo martellante di una donna ogni 3 giorni. Non si può far finta di non vedere, specie perché non si tratta MAI di incidente.

Gli omicidi che riguardano uomini e quindi NON  di morti sul lavoro, come riportati dal buon caparexa sono all’incirca 500 ,di questi non si parla mai ,e se parliamo di percentuali sono lo 0.06 % ,allora dobbiamo capirci se non lo sono 500 uomini ,non lo sono nemmeno 134 donne, possiamo invece dire che sono ,purtroppo morte all ‘incirca  750 persone e,come tali ,meritano il massimo rispetto a scapito se al posto dell’utero hanno il pene ?

Al punto 7 sono d’accordo …

Concludendo la ragazza in questione ha voluto a tutti i costi par passare un messaggio politicallty correct ,cioè esiste il femminicidio ,colpa degli uomini ,ma non tutti gli uomini sono degli assassini ,anzi la minoranza e quindi si contraddire che è si una emergenza sociale ,ma sono pochi gli uomini che si macchiano di questo delitto ,un controsenso… ritenta sarai più fortunata

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: