Skip to content

Gli uomini peggiori ? Gli italiani

30 dicembre 2012

Ebbene si, ragazzi, non ci sono storie che tenga, visto che anche nei paesi asiatici come l’India, andata alla ribalta delle cronache per un odioso stupro di gruppo,davvero violento e ingiustificabile ,gli uomini sono migliori di noi, non ho nessun dubbio che ,sicuramente un indiano sia migliore di me, come lo è un italiano ,o un marocchino, o un albanese, senza farla tanta lunga come in qualsiasi parte del mondo, come allo stesso  modo esisteranno uomini peggiori di me, vuoi per cultura magari dovuta alla poca disponibilità economica , vuoi per capacità… eppure le figlie di papà non hanno dubbi, i peggiori sono gli Italiani ,ma sapete che loro amano moltissimo il razzismo all’inverso ..noi non siamo razziste ,ma gli italiani sono degli stronzi …

Ricordo l’articolo di Lorella Zanardo, quando chiedeva agli uomini delle opinioni sulla violenza. Le risposte sono state deludenti: se ne tengono fuori perché non gli riguarda e come se coinvolgere un uomo a parlare di violenza sulle donne fosse pari a un’accusa nei suoi confronti. Invece è peggio stare in silenzio poiché “chi tace acconsente”

Ma io ne parlerei pure ,ma a generalizzare e a dire che gli uomini sono violenti ,SONO PROPRIO LE DONNE CHE SCRIVONO QUESTI ARTICOLI, Mi ricordo ancora che, la signora Zanardo, al giorno del ritrovamento del cadavere di Sarah Scazzi, aveva individuato negli uomini un male immane, una questione maschile da risolvere, no di meglio fa la compagna di merende Terragni,  che scrive “In italia abbiamo un problema, e sono gli uomini ”

Pistoia, che con la regione Toscana è seconda dopo l’Emilia per il numero di violenze domestiche (l’ultima fu Beatrice); un gruppo di vandali ha distrutto un roseto e delle targhe dedicate alle donne vittime di femminicidio. I vandali, entrati in azione la notte scorsa o nelle prime ore di stamani, hanno sradicato alcune piante di rose, ed hanno rotto e gettato oltre il muro di confine della biblioteca alcune targhe in cui erano riportati i nomi delle donne vittime di violenza. Un atto di sfregio insomma. Forse non volevano che fossero ricordate? Volevano cancellarne la memoria? Non è certamente un caso. I gruppi di neomaschilisti vogliono negare l’esistenza del femminicidio. Vogliono che la violenza torni ad essere invisibile. Questa è l’Italia che si spaccia per civile

Gesto davvero brutto e riprovevole, continuo comunque a pensare che il FEMMINICIDIO, (sopratutto se si pensa alla sua definizione) non esista, visto che il rapporto tra gli omicidi è sempre a sfavore degli uomini del rapporto 3 a 1, sarebbe interessante però,sapere l’opinione della nostra figlia di papà, quando una delle FEMEN  ha tagliato un crocefisso messo a memoria delle vittime della dittatura di Stalin per protestare contro la carcerazione delle pussy riot. Non è avvenuto certamente in Italia ,ma quella donna sicuramente non si è dimostrata migliore dei vandali di Pistoia.

L’errore più grande è stato quello di tacciare gli altri paesi come incivili  chiudendo gli occhi per l’altrettanta condizione pessima delle donne nel nostro paese a cui tutti fanno finta di nulla per dimostrare che il nostro paese è civile.

E il Governo italiano? avete visto il presidente del consiglio o un politico spendere una sola parola, in termini di provvedimenti su come contrastare il femminicidio, come sta facendo l’India in questi giorni??

E la condizione degli uomini ? Nessuno pensa a quello ,perchè è un paese civile sono se si aiuta le donne ? Infatti ,non forse il governo(anche se la sua ministra dell’interno ha detto che le donne sono migliori degli uomini, ma questo è meglio non ricordarselo, vero figlia di papà 😀 ),ma i suoi parlamentari hanno fato delle proposte di legge misandriche e razziste,  sia il 3390 sia la legge Bongiorno-Carfagna. pensando solo alle donne e di fatto trattando gli uomini  come vittime di serie B,ma allora in quel caso,la civiltà del paese si innalza,…. strano pensiero ,io penso che un paese civile ,non deve fare distinzione di sesso,razza e religione, che davanti alla legge ,tutti dobbiamo essere giudicati in eguale misura… mentre sembra che ,per la nostra figlia di papà, più la donna sta bene, più il paese è civile… sarebbe “divertente” vedere una civiltà in questo modo,ma d’altronde lo stesso Rino DV  si immaginava una civiltà simile

Immaginava la storia di un barbone (uomo, come la maggior parte degli homeless ) che assisteva ad un incidente di una donna su un SUV ,le probabilità che il barbone andasse a salvare la donna in pericolo erano molto alte , al contrario ,se un cornicione si fosse staccato e fosse andato addosso al barbone ,le percentuali  che la donna andasse in suo aiuto erano molto basse …ma ,in quel caso sarebbe stata una società civile ?

 

 

 

 

Annunci
4 commenti leave one →
  1. Caparexa permalink
    30 dicembre 2012 14:52

    “E il Governo italiano? avete visto il presidente del consiglio o un politico spendere una sola parola, in termini di provvedimenti su come contrastare il femminicidio, come sta facendo l’India in questi giorni??”

    La risposta è sì: oltre al DDL 3390, alla legge Bingiorno Carfagna, come scordare la seduta del Parlamento per trattare la violenza sulle donne in cui la Rosi Mauro abbandonò la poltrona nella camera durante la seduta (una “donna superiore” ha fatto qualcosa mai successa nella storia d’Italia), senza contare quando sotto il governo del Nano Mafioso furono create le leggi sullo stalking (solo per donne) e il descreto Anti Stupri, tanto cari alle femministe.
    Ma evidentemente le figlie di papà fingono di non vedere.
    Forse perchè molti di tali provvedimenti (Bongiorno-Carfagna; stalking, decreto antistupri) repressivi ed antimaschili sono stati fatti dalla DESTRA?
    Le figlie di papà non riescono ad accettare una cosa del genere, visto che sono fermamente convinte di essere di “sinistra”, ed allora fanno finta di non sapere.
    PIANTATELA, UNA IDEOLOGIA INTERCLASSISTA, BORGHESE, CHE APPLICA PROVVEDIMENTI RAZZISTI DI DIVISIONE DELLA VIOLENZA E DEL VALORE DELL’INDIVIDUO IN BASE AL GENERE, CHE APPLICA PROVVEDIMENTI AUTORITARI (COME LA BONGIORNO-CARFAGNA) E CHE SE NE FOTTE DEGLI OPERAI COME IL FEMMINISMO NON PUO’ E NON POTRA’ MAI ESSERE DI SINISTRA!!!!! Fatevene una ragione.
    Almeno, questa è la mia opinione.
    Francamente, quando sento la notizia di una donna uccisa (come di un uomo ucciso), mi vengono i brividi ed il groppo alla gola, in quanto l’omicidio è sempre terribile.
    Parlare di donne ammazzate dai coniugi? E’ cosa buona e giusta, purchè non si oscuri totalmente il contrario, ne i vari problemi maschili.
    E purchè in tali discorsi si criminalizzino solo i colpevoli di certi atti (a prescindere da sesso, razza etc.), non l’intero genere maschile come carnefice e quello femminile come martire innocente (ricordo sempre mia madre che quando sente di una donna uccisa si mette a farneticare sul fatto che (tutti) i maschi siano pazzi e violenti, e che odiano le donne). Ciò mi da molto fastidio.
    E soprattutto, volete che non si “giustifichino i femminicidi” (ripeto quel che sempre dico: un omicidio non si giustifica MAI)? Benissimo, giusto anche questo, a patto che non ve ne usciate sempre con un “La picchiava” “la sottometteva” “la maltrattava” “ha fatto sicuramente bene!” quando è una donna che uccide un uomo. Parità? Allora uguaglianza di trattamento, perchè con il loro comportamento ipocrita fanno solo distinzioni tra vittime Alpha (femmine) e Beta (maschi).
    Quello che i vandali hanno fatto ai fiori è terribile, ingiustificabile, criminale, non c’è dubbio su questo. Ma vogliamo ricordarci di quando delle femministe scrissero “Un uomo morto non stupra” su una parete? Allora, lì c’è stata altrettanta indignazione da parte delle figlie di papà? non mi sembra. anzi, ricordo di aver visto alcune pagine facebook che inneggiavano felicemente a tale frase (una faceva “un uomo morto non stupra più!!!!” e nell’altra l’immagine di un pene mozzato col simbolo della donna scritto col sangue). IPOCRISIA PORTAMI VIA PROPRIO…
    Certo che un Paese è civile solo se tratta bene le donne e da cani gli uomini: la Svezia è un Paese civilissimo, in cui esiste una “tassa sul pene” per i bambini maschi, gli orinatoi sono stati tolti perchè “lesivi alla dignità della donna”, in cui pubblicano articoli sui giornali come “le donne svedesi supereranno gli stupidi maschi” ( http://antifeminist.altervista.org/analisimedia/donne_svedesi.htm ) etc.
    e dei problemi maschili? Chi se ne fotte!
    Se bisogna accettare che esista il “femminicidio”, ugualmente bisogna riconoscere il “maschicidio”, visto che a morire per violenza, lavoro, suicidio etc. sono molti più uomini che donne…
    naturalmente, l’idea di un “maschicidio” per me è altrettanto inutile di un “femminicidio”, in quanto individua le vittime per genere.
    Se le figlie di papà un giorno capiranno che per ottenere la parità bisogna occuparsi sia dei problemi maschili che femminili, senza criminalizzare o vittimizzare uno dei due generi, allora vivremo in un posto migliore.
    Ma ciò non accadrà mai, ovvio.

  2. 30 dicembre 2012 15:38

    Bellissimo commento caparexa ,niente da aggiungere

  3. Daniele permalink
    7 dicembre 2014 14:58

    Parecchie italiane andrebbero spedite a Kandahar, dal Mullah Omar, per un corso di rieducazione. Al limite in Messico o in Colombia, in mezzo ai narcos.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: