Skip to content

cattive ….come gli uomini

8 novembre 2012

Ho sempre pensato che ,per combattere una situazione  o una ideologia che non mi piace , cerco delle vie alternative e non uso gli stessi metodi della ideologia che combatto ,per spiegare  …tra un gulag o un campo di sterminio non ci vedo tanta differenza ,se io ho idee di sinistra ,non metto i fascisti dentro alle foibe ma cerco vie alternative …

Per le femministe invece di cercare vie “alternative” ,cercano di copiare il sistema patriarcale che tanto odiano … il tutto parte da questo video de “il corpo delle donne

http://www.ilcorpodelledonne.net/?p=13465

il video in questione si vede una donna che sgozza un uomo

Sotto commenti che il video è si violento ,ma usa metafore ,e non istiga all’omicidio

Vedere un paio di tette in tv istiga al femminicidio ,una donna che sgozza un uomo no …

commenti del tipo

Grazie di aver postato questo video che trovo molto bello. Penso ovviamente che le immagini abbiano un forte valore metaforico. Se la donna che accoltella fosse stata solo una, artisticamente la metafora sarebbe stata meno efficace. Una sola donna, una sola storia…sarebbe sembrata un riferimento chiaro alla violenza come mezzo di difesa ma di un singolo, e sarebbe forse parsa ad occhi meno attenti come l’evocazione di un fatto di cronaca. Il moltiplicare, alla fine del video, la presenza di più donne (quindi un collettivo, una collettività, non UNA donna ma LE donne) che, con sguardi tutt’altro che colmi di goia, sembrano ritrovarsi, una volta liberate, ribellate alla schiavitù, questo secondo me è il passaggio che permette di cogliere il vero senso di questa riflessione. I coltelli sono abbassati, l’incedere lento. Tutt’altro che un’incitazione alla violenza come forma di difesa, ma piuttosto un inno alla ribellione, al non assogettarsi, alla non sottomissione. Trovo che dovremmo metaforicamente impugnare il coltello più spesso, penso sarebbe importante ripartire dal quotidiano per auto-liberarsi da tutte quelle piccole forme di rinuncia e automutilazione cui ci assoggettiamo, a volte senza averne neanche più consapevolezza.

Adesso ,premetto ,non ho fatto scuole classiche o il liceo ,allora forse la mia mente non è aperta a queste metafore ,però qui si dice che le donne dovrebbero essere più cattive e di impugnare (sempre metaforicamente sia chiaro) il coltello e di ribellarsi alla schiavitù ,cosa c’è di meglio che sgozzare un uomo ? 

altri commenti sono su questa linea …..

Un commento però mi ha fatto riflettere

o di anni ne ho 42, papà di due bambine, preoccupato e disgustato dalla cultura del “femminicidio” (che qui in Svezia, da dove scrivo, miete – statistiche alla mano – tante vittime quante in Italia).
Che dire sul video? Provocazione molto forte. È davvero l’unica soluzione? Tu cos’hai pensato guardandolo?

Quindi anche in Svezia  (una delle patrie del femminismo ) si uccidono le donne  e i numeri sono simili ..ma allora cade tutto il discorso sul patriarcato brutto e cattivo (d’altronde avevamo già spiegato con il titolo “il femminicidio finlandese” che maschilismo e femminismo non centrano  una fava con il femminicidio ) e che l’italia segue i range dei altri paesi europei …sarebbe stupendo che i numeri fossero più bassi ,ma d’altronde sarebbe stupendo che non si morisse per nessuna ragione  (sul lavoro la media è di 3 morti al giorno )

gli risponde la stessa Zanardo

no io non pesno che laviolenza sia la soluzione. Questa è chiaramente una provocazione artistica.
Per come la vedo io molte di noi dovrebbero “uccidere” metaforicamente il padre/compagno padrone a cui si assoggetano. Non mi riferisco Fefo al femminicidio solamente. Ma all’orrenda mutilazione della nostra potenza e creatività. Credimi se ti dico che io stessa che lavoro su questi temi, mi sento dimezzata. Tanta fatica per esitere, e mai a modo mio. Io amo gli uomini, molto. Ma vorrei che fossimo DUE nel vero senso della parola.

Ama gli uomini ,tanto da ucciderli ,pensa se gli stiamo antipatici ,cosa penserebbe 🙂

Su facebook il discorso non cambia .se non per questo commento

Scusate, ma lei lo sgozza. Vi prego ditemi cosa c’è di liberatorio in un atto così violento?

Appunto che liberazione c’è ? Se non la smania di seguire un modello tanto odiato ,di usare (come dicono loro ) le stesse armi ?

Ecco perchè io cerco sempre un modello alternativo ,loro censurano ? Io non censuro ma in fondo seguo alla lettera questa canzone degli Twister Sister

il testo

 Guarda il video di “I am, i’m me” 

i am: i’m me
who are you to look down
at what i believe?
I’m on to your thinking
and how you deceive
well, you can’t abuse me
i won’t stand no more
yes, i know the reasons
yes, i know the score

i am, and i’ll be
i will, you’ll see
i am, and i’ll be
i am: i’m me

how i tried to please you
live the way you said
do the things that you do
like the living dead
then the truth it hit me
got me off my knees
it’s my life i’m living
i’ll live as i please

i am, and i’ll be
i will, you’ll see
i am, and i’ll be
i am: i’m me

now’s the time to stand tall
start your life anew
freedom lies in your heart
now’s the time for you

i am, and i’ll be
i will, you’ll see
i am, and i’ll be
i am: i’m me
i am, i’m me
i am, i’m me
can’t you see?, can’t you see?
I’m me, i’m me, me, me, me, me
i am: i’m me
i am: i’m me
can’t you see?, can’t you see?
I’m me, i’m me, i’m me
i am: i’m me
i am: i’m me
can’t you see that i’m me
i’m me, i’m me, look at me
i am: i’m me
i am: i’m me

traduzione  con google (anche se non è il massimo )

io sono: io sono io
che stai a guardare in basso
a quello che credo?
Io sono al tuo modo di pensare
e come vi inganni
beh, non mi può abusare
io non regge più
sì, lo so le ragioni
sì, so che il punteggio

io sono, e sarò
sarò, vedrai
io sono, e sarò
io sono: io sono io

Come ho cercato di farti piacere
vivere nel modo che hai detto
fare le cose che si fanno
come i morti viventi
poi mi ha colpito la verità
Scesi le ginocchia
è la mia vita sto vivendo
Vivrò come mi pare

io sono, e sarò
sarò, vedrai
io sono, e sarò
io sono: io sono io

ora è il momento di puntare in alto
inizia la tua nuova vita
libertà sta nel tuo cuore
ora è il momento per voi

io sono, e sarò
sarò, vedrai
io sono, e sarò
io sono: io sono io
io sono, io sono io
io sono, io sono io
Non lo vedi?, non lo vedi?
Io sono io, io sono io, io, io, io, io
io sono: io sono io
io sono: io sono io
Non lo vedi?, non lo vedi?
Io sono io, io sono io, io sono io
io sono: io sono io
io sono: io sono io
Non vedi che io sono
Io sono io, io sono io, guardami
io sono: io sono io
io sono: io sono io

le femministe devono capirlo ,non mi cambieranno

Annunci
17 commenti leave one →
  1. Leonardo permalink
    8 novembre 2012 19:18

    Ti rispondo con questo:

  2. Vince permalink
    9 novembre 2012 00:36

    I numeri di donne violente che figurano nelle statistiche, rappresentano solo una minima parte della realtà. Basti pensare che solo pochissimi uomini che hanno subito violenza da donne la confessano o la denunciano. Inoltre tante donne violente, spesso sono anche perfide e simulatrici, quindi scagliano un altro uomo contro la loro vittima maschile e non mettendoci la mano non fanno computo. Quindi oltre che le statistiche di questo tipo sono, miratamente, rare, per giunta lasciano il tempo che trovano. Poi basta fare una visita nel web in pagine e siti specifici per rendersi conto di quanta violenza o istigazione alla violenza, sfacciata o velata ─ il tutto senza alcuna censura, puntualmente, per molto meno, invece applicata ai commenti maschili di autodifesa ─ viene iniettata dalle donne… dato comprovante il potenziale violento femminile, che si è si potuto, da sempre, occultare, grazie ai parametri e alla collocazione della donna nella società, oggi, femminista, falsamente definita “maschilista”. Infame e oltremodo squallido tutto ciò!

    • 9 novembre 2012 17:41

      Infatti Vince (che do il benvenuto ,visto che è il suo primo post) esistono uomini e donne cattive ,questo l’ho sempre detto ,dispiace però che venga preso in considerazione solo una parte è snobbata la seconda ….

  3. Paolo1984 permalink
    9 novembre 2012 11:21

    secondo me le tette in tv non istigano al femminicidio e il video di Anthony and the johnsons non istiga all’omicidio. Così come non istigano i film splatter che guardo

  4. Paolo1984 permalink
    9 novembre 2012 11:35

    e mettere sullo stesso piano una trasmissione della tv generalista italiana e un video artistico mi sembra parecchio discutibile

  5. 9 novembre 2012 17:49

    Certo Paolo1984 non è la stessa cosa ,però allora bisogna anche dirlo alle femministe figlie di papa che ,vedere una tetta (anche se il sottoscritto di certo non impazza per quello) non fa compiere “femminicidi ” al massimo ci si fa una sega ..invece è molto discutibile il video postato da “il corpo delle donne ” dove c’è uno sgozzamento vero e proprio …
    Allora bisogna anche essere chiari e coerenti se ,per la Zanardo ,un videogioco come rapelay istiga allo stupro ,allora anche un video del genere istiga all’omicidio (lasciamo un attimo perdere la “genialata” di fare un videogioco simile) …prova ad immaginare i sessi inversi ,con la stessa atmosfera ,quante critiche avrebbe avuto un video del genere dalle femministe, se basta una tetta di fuori per mandarle in bestia ? …

    • Paolo1984 permalink
      9 novembre 2012 18:54

      anch’io penso che a parti invertite l’avrebbero molto criticato e a me che avrei difeso la libertà dell’artista avrebbero detto cose orrende. Ma ormai ho accettato di stare sui coglioni agli anti-femministi e sulle ovaie a certe femministe quindi non c’è problema: io non mi sento e non voglio essere parte di nessuno dei due schieramenti

      • Giovanni permalink
        11 novembre 2012 10:17

        Perché staresti antipatico alle femministe?? Praticamente dai ragione a loro sul 90%di quello che scrivono!!!

      • Giovanni permalink
        11 novembre 2012 10:18

        Tant’è che alcuni pensano che lo fai per leccare loro i piedi e essere loro simpatico!

    • Paolo1984 permalink
      9 novembre 2012 18:56

      e frequentando il blog di Lorella Zanardo posso dire che nè lei nè le altre commentatrici sono “figlie di papà”. Sono persone con le loro idee e io le rispetto, a volte posso condividerle, a volte no

  6. 9 novembre 2012 20:23

    Paolo le figlie di papà era diretto ad altri lidi 🙂 …..
    Quando si prendono critiche da una parte e dall’altra ,ti posso fare il paragone dell’arbitro di calcio ,quando prendi una critica solo da una parte ,quella parte ha perso ,invece quando prendi critiche da ambo le parti vuol dire che hai arbitrato male …
    Comunque fai bene a fare quello che ti senti di fare e ci mancherebbe altro …poi ,vedi l’hai detto tu stesso ,un video a parti invertite sarebbe stato mal tollerato ,allora io mi chiedo ,ma proviamo una volta ogni tanto a girare la frittata cosa mi sarei sentito o che sensazioni potrebbe dare ,,,,

  7. 11 novembre 2012 10:26

    @giovanni ….paolo1984 è stato bannato definitivamente da femminismo a sud ….sembrava che i suoi interventi fossero troppo “pedanti” e ripetitivi ..allora ,per come la vedo io ,o accetti di tenere un blog e ti tieni pure le critiche …se no fai come il gasparrini che dice le sue cose ,e n on permette nessun tipo di intervento sia sul suo blog e sia su youtube (non ne capisco il nesso a dire il vero) ..diverso se i commenti vanno veramente sull’ offensivo ( come nel mio blog con le frasi “negri dal cazzo grosso ” sborra e merda” allora si la discussione non ha senso

    • Giovanni permalink
      11 novembre 2012 10:49

      Ma sbaglio o si apprezzava fila sicula di femminismo a sud per la sha apertura alla bigenirorialita??

      • 11 novembre 2012 11:15

        non sbagli Giovanni ,ma un conto è apprezzare e mostrare solidarietà ad una persona che ha fatto un cambiamento di rotta ,un altro conto è ,se leggo di articoli che sono nazifemministi ,che vengano da femminismo a sud o da qualsiasi altra parte io li critico eccome

      • Giovanni permalink
        11 novembre 2012 11:29

        Si ma se fila sicula ha fatto un cambiamento di rotta com’è che ha bannato Paolo?!

  8. 11 novembre 2012 12:05

    @giovanni ,giusto a ricordare che ,femminismo a sud ,non è solo fikasicula ,ma è un collettivo ,si vede che il collettivo ha deciso in questo modo

    • Giovanni permalink
      11 novembre 2012 12:13

      Ah ok quindi lo avrà bannato qualcun altra…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: