Skip to content

La legalizzazione della prostituzione

18 settembre 2012

Avevo 24 anni e facevo il lavoro alle poste come “agente interno” in pratica aprivo ,chiudevo e svuotavo i sacchi ,tale lavoro aveva anche il turno di notte ,visto che c’era da aspettare i giornali …fatalità .l’ubicazione delle poste coincideva anche con il ritrovo delle prostitute ,niente di che io facevo il loro lavoro ,e loro il suo ,ci scherzavamo su ,come era logico ,senza essere per forza porci ,maschilisti e retrogradi ,credo che ,se si scherza nei limiti sia di pudore che non vadi oltre un certo periodo di tempo , non ci sia poi niente di male  ,comunque volevo raccontarvi di altro ..una sera succede che ,una di queste prostitute ,viene picchiata da un gruppo ,che sembravano ,Albanesi …

Noi l’aiutiamo e la confortiamo un  attimo ,per fortuna non sembra niente di serio ,ma poteva sicuramente finire peggio ,il perchè è presto detto ,era in una strada ,la strada è pericolosa ,sia per gli uomini ,che per le donne ,nella strada ci sono tutti ,ci sono i buoni che sono la maggioranza ,ma anche i cattivi ,senza fare tanti giri di parola ,sei alla “merce ” di chiunque …

C’è da chiedersi ,ma in una “casa chiusa” questo poteva succedere ?

Sia chiaro che ,in nessun modo ,si può portare il rischio della violenza pari a 0 , sarebbe un utopia bella e buona ,eppure ,secondo me ,dentro 4 mura ,con altre “compagne” in quel contesto ,tali episodi di violenza  avrebbero minore possibilità di verificarsi

Lo stesso dicasi della Rumena praticamente carbonizzata qualche giorno fa …il discorso non cambia ,credo che sarebbe difficile ,sempre dentro le canoniche 4 mura che possa succedere un fatto del genere …

Eppure ,le femministe ,o la maggior parte di esse sono contrarie a questa legalizzazione,visto che favorirebbe solo il cliente e non la prostituta in questione  …anzi ,in alcuni gruppi chiedono addirittura pene severe per il cliente stesso ,non per il famoso “magnaccia” ma multe salate e reclusione solo per quest’uomo che ,visto che va a troie è un porco per definizione  …

Che favorirebbe il cliente ,per me ,è fuori discussione ,vuoi mettere consumare un rapporto tra i sedili di un utilitaria al posto di un ?ambiente sicuramente più intimo ?

Sicuramente lo favorirebbe perchè ,in un contesto del genere i prezzi sarebbero al ribasso o almeno avrebbe quasi un “calmiere”

Ma favorirebbero anche le prostitute ,sia sul piano della sicurezza che della sanità ,senza contare che ,la criminalità organizzata subirebbe certo un contraccolpo …

Chi vi scrive non è un frequentatore di prostitute ,pero ho letto di resoconti di alcuni uomini che l’unica maniera di avere “dell’affetto” e di frequentare prostitute

Come li vogliamo chiamare “sfigati?” “segaioli?” ,ci sono molti termini per definirli ,ma manca quello forse più esatto “invisibili” …

In particolare  un uomo ,che ha scritto

“ci ho provato ,in tutti i modi possibili e immaginabili ,e mi sono presi i due di picche più possibili e immaginabili ,quante cene inconcludenti finite con un sorriso di scherno ,oppure  peggio con un bicchiere buttato nella faccia ,l’ unica soluzione per avere dell’affetto intimo era di andare con le prostitute ”

Ma ,secondo me ,c’è anche un motivo che ,queste femministe vogliono che la prostituzione resti “fuorilegge”

Hanno paura di perdere il valore aggiunto che esse hanno rispetto all ‘uomo ,in definita  di scendere dal piedistallo ideologico che si sono costruite e la perdita di potere (lo vediamo anche nel nostro parlamento) fa fare strane cose …

comunque  consiglio a tutti questo bell’articolo di Fabrizio Marchi

http://www.uominibeta.org/2012/05/03/ideologie-diverse-ma-stessa-ipocrisia/

praticamente scrive in maniera più corretta 🙂 ,quello che voglio dire …

 

Annunci
49 commenti leave one →
  1. Leonardo permalink
    18 settembre 2012 19:20

    Potrebbero starsene a casa e fare sesso con un comune uomo che le desidera (e ama) GRATIS e fare un lavoro onesto. Perché non lo fanno? Perché dovrei indignarmi e considerarle delle vittime? Queste violenze le considero questioni tra criminali…C’è da aggiungere che, anche le “non prostitute” chiedono i soldi per andare con un uomo, quindi è un tratto comune a tutte le donne. E’ tutta una presa in giro: costringessero le donne a darsi senza farsi pagare e a lavorare onestamente. Col cavolo!

    • 18 settembre 2012 20:44

      Sicuramente Leonardo un uomo preferirebbe non pagare ,credo che sia fuori discussione ,però .visto che ,come hai detto ,anche le “non prostitute ” usano un modello “simile” con gli uomini (sopratutto beta) che si chiamano discoteche ,cene ,locali ,macchina ,regali ecc ecc ..allora perchè non rendere la cosa legale perchè il mio pensiero ,va sopratutto agli invisibili ,come li chiamo io ,e ce ne sono ,sono sfortunati già di loro nella loro vita ,perchè non aiutarli ,anche se in maniera temporanea ? Cercare di creare un ambiente più sicuro e confortevole per tutti ?
      A proposito ,mio padre ,per un periodo di tempo ,ha fatto il “tassista” delle prostitute ,ed era circa il periodo dell’entrata in vigore della legge Merlin ..Cosi mio padre gli fa “adesso allora vai a trovarti un altro lavoro ?
      “Fossi matta” gli rispose “guadagno in un giorno ,quanto un operaia in un mese “…

      • Leonardo permalink
        18 settembre 2012 22:35

        Fossi matta” gli rispose “guadagno in un giorno ,quanto un operaia in un mese “…
        ———————-
        Povera vittima, non sa quello che dice. Credo, che a volte si montano troppo la testa di essere “Madri eterne” e esagerano, cosi qualche poco di buono le fa fuori…Come succede tra delinquenti.
        Ecco cosa scrive Beppe Grillo:

  2. 18 settembre 2012 20:11

    Interessante argomento, a dire il vero è già il secondo blog che visito e trovo l’ultimo post sullo stesso argomento 🙂
    E la cosa più interessante è che da poco ho finito a scrivere un mio articolo riguardante lo stesso tema:
    Vendere la propria verginità a 19 anni

    Saluti,
    Jan

  3. walter1982xyz permalink
    19 settembre 2012 20:42

    ciao a tutt*, sono un povero “sfigato” 30enne e vado a puttane, letteralmente…

    perchè ci vado? semplice, perchè per me scopare “gratis” è solo un bel sogno, purtroppo…

    la fortuna non m’ha donato nè un bell’aspetto, nè tantomeno la nascita in una famiglia benestante, tutt’altro…

    praticamente sono il classico ragazzo “qualunque” che tutte, ripeto TUTTE le ragazze vedono sempre “solo come un amico”, chissà perchè…

    non potendo io pagare il sesso “implicitamente”, sono costretto a farlo “esplicitamente”…

    per di più sono un precario, quindi, è uno “sfizio” che posso permettermi solo in maniera freddamente calcolata, per riuscire ad arrivare al prossimo (misero) stipendio…

    il sesso è ormai un (prezioso) bene di mercato, chi può permetterselo, in un modo o nell’altro, lo ha e chi no, no.

    purtroppo per me sto dalla parte “sbagliata”, poichè il mio valore sociale è praticamente nullo, quindi, per tutte le donne sono un “uomo-non-uomo”, cioè sono un uomo sì, ma di quelli “non-interessanti” come partners, per qualunque tipo di relazione…

    mentre bellocci e “fighi” in generale flirtano e se la spassano, io al massimo vado bene per una chiaccherata, rigorosamente “in amicizia”…

    frequento puttane di strada, solo perchè non mi posso permettere di dare 1/3 del mio stipendio a qualche escort, per pagarmi un’oretta della sua “compagnia”…

    certo, se il mio stipendio avesse 1 zero in più alla fine, mi rivolgerei tranquillamente alle “libere professioniste”, anche se a quel punto, penso, probabilmente troverei “gratis”…

    per le (nazi)femministe, nascere uomini oggi è una grandissima fortuna, ma se potessero magicamente vivere, anche solo per un breve periodo, la vita quotidiana d’un uomo “comune” come me, sono sicuro che cambierebbero idea MOLTO velocemente…

    ah già, dimentico sempre che io non faccio testo, perchè sono un “non-uomo”…

    • 19 settembre 2012 21:15

      vedi Walter ,per quelli come te e anche come me ,ma per gli uomini beta in generale era dedicato questo mio post
      Dimmi ,tanto siamo tra amici (sempre se ti va ovviamente) ,ma fare del sesso dentro un ribaltabile di un auto quanto è poco gratificante che farlo dentro 4 mura ,in una certa intimità ?
      hai ragione che il sesso ,sopratutto come è inteso oggi ,non è per tutti ,una volta forse era più facile ,ma allora perchè rendere la cosa più sicura e più “intima” che una volgare scopata in un auto ?

    • Paolo1984 permalink
      21 settembre 2012 16:40

      hai mai pensato, walter, che più sfortunate di te sono le prostitute di strada che frequenti? Sia perchè molto probabilmente non hanno scelto di prostituirsi, sono sfruttate da organizzazioni criminali e hanno subito violenze fisiche e sessuali, sia perchè a differenza tua che almeno hai potuto selezionare una prostituta di tuo gusto, loro non possono scegliere il cliente, vanno anche con chi fa loro schifo…riesci ad immaginare cosa si prova ad avere un rapporto sessuale con una persona che non desideri e che magari ti suscita repulsione?

      • Leonardo permalink
        21 settembre 2012 17:22

        Paolo1984, la sai quella di Cappuccetto Rosso?

        Fabrizio ha ragione del fatto che subito diamo addosso a chi non la pensa come noi: ma sono occasioni così ghiotte!

    • Paolo1984 permalink
      21 settembre 2012 16:43

      “praticamente sono il classico ragazzo “qualunque” che tutte, ripeto TUTTE le ragazze vedono sempre “solo come un amico”, chissà perchè…”

      tutte quelle che hai incontrato finora, forse..in ogni caso: tu avresti un rapporto sessuale con una donna che non ti attrae? Non credo. E allora perchè dovrebbero farlo le donne?

  4. 19 settembre 2012 22:51

    dimenticavo Walter …le nazi femministe non fanno mai una distinzione tra uomini e uomini ,nel nostro caso Alfa e beta ,ma sono tutti uguali , nel senso negativo del termine ,si salvano pochissimi ,guarda caso quelli che gli danno ragione vergognandosi del proprio genere di appartenenza ,come se nascere uomini fosse uno sbaglio …

  5. walter1982xyz permalink
    20 settembre 2012 02:31

    caro mauro, il sesso mercenario è sempre squallido a prescindere, ma per i “meno fortunati” come noi c’è solo questo, purtroppo per noi…

    come ho già detto e come ben saprai, l’alternativa alla “sveltina” in macchina con una stradale c’è, ma è un’alternativa “di lusso”…

    come quasi sempre in ‘sto mondo di merda, è una mera questione di soldi: se puoi aprire il portafogli (ben fornito, chiaramente…), “magicamente” trovi tutto quel che cerchi e con minima/nulla fatica, altrimenti puoi pure crepare, chissene, un povero sfigato di meno in giro…

    grazie a internet, trovare un’escort è facilissimo: vai su qualche sito dedicato, sfogli il loro “catalogo”, scegli quella che preferisci e via, basta pagare…

    in nazioni come la svizzera, la germania, l’austria, etc… (tutti posti che forse le nazifemministe pensano siano nel terzo o quarto “mondo”, chissà…) ci sono i famosi “fkk”, cioè i moderni bordelli, dove il tutto può essere vissuto in maniera più “umana” e con costi più contenuti rispetto alle escorts nostrane…

    purtroppo, però, viviamo in un clima sociale d’ipocrisia imperante, dell’italiota “si fa, ma non si dice”, ci sono sempre “ben altri” problemi di cui occuparsi prima, certo, ce ne saranno sempre…

    infine, per come la vedo io, le nazifemministe non “gradiscono” avere a che fare cogl’uomini in generale, ma se proprio devono, perlomeno che quest’ultimi somiglino a bova/garko/pitt/clooney, no?

    • 20 settembre 2012 18:04

      Sacrosante verità caro Walter ,non c’è proprio niente da aggiungere ,solo che ,naturalmente ,le femministe (non tutte ) vogliono punire i clienti ,oltre al danno ,pure la beffa ,
      Che sia un mondo di merda è vero ma , forse sarà solo utopia ,ma cerco di cambiarlo nel mio piccolo ,vedremo ….

  6. 21 settembre 2012 17:55

    paolo1984 ….si chiama prostituzione mica per niente ,fai del sesso in cambio del denaro ,ti faccio un esempio ,uno che fa le pulizie come lavoro (cosa che ho fatto pure io) lo fa perchè gli piace o lo fa per necessità? Difficile ,sopratutto ai tempi di oggi scegliere un lavoro che ti piace ,si può “far piacere” o metterci un pochino di passione dopo un pochino di tempo ma si lavoro per necessita ,per vivere ,guarda che ci sono tante cose che non piacciono eppure bisogna farle ,e mi sembra anche ovvio che walter scelga chi più le aggrada ,in fondo paga lui ,scusami tanto ,cosa fa paga una che non gli piace?
    Che ci siano le prostitute costrette è indubbio ,ma ci sono anche le prostitute per scelta ,come ha detto una volta “pandora” (adesso si firma luz ecc ecc 🙂 ) “prendere dello sperma in faccia è sempre più facile che lavorare in fonderia ”
    Comunque le “costrette” sarebbero in numero più esiguo se la prostituzione fosse legalizzata ,mi sembra anche ovvio …visto che ti piace il cinema ,non hai visto Paprika di Tinto brass con Debora caprioglio ? Era la storia di una casa chiusa ,il cliente gli faceva schifo ,loro leggevano un giornale mentre si compieva l’atto !! ,Squallido ? Certo che si ,pero allora bisogna anche capirsi ..se rincorrere alla prostituzione è sbagliato ,e allora si usa la masturbazione ,mi può andare anche bene ,ma allora anche dall’altra parte dalle tue care amiche femministe ,non devono usare il termine “sfigato” perchè allora è un controsenso

    • Paolo1984 permalink
      21 settembre 2012 18:53

      so bene che non sono tutte costrette, ma quelle che stanno sui marciapiedi lo sono quasi sempre. Non sono così sicuro che avere rapporti sessuali con qualcuno che ti fa schifo sia uguale a fare le pulizie ma sarebbe un discorso troppo complesso e ci sono pareri discordi su questo e sulla regolamentazione della prostituzione, anche in ambito femminista

  7. walter1982xyz permalink
    21 settembre 2012 19:59

    caro paolo, forse non t’è ben chiara la differenza (abissale) tra un puttaniere “per necessità” e uno “per sfizio”, o forse, molto più probabilmente, non è un tuo problema…

    secondo te non preferirei avere rapporti “normali” e, soprattutto, “gratuiti” colle ragazze? conoscersi, piacersi, frequentarsi, etc…?

    se l’indubbia maggiore selettività femminile, specialmente al giorno d’oggi, che solo un cieco potrebbe ignorare, mi rende “out”, cosa dovrei fare?

    autocastrarmi? no, grazie.

    ammazzarmi di seghe vita natural durante? no, grazie.

    aspettare “quella giusta” che, guardacaso, è sempre qualche fantomatica “altra”, rispetto a quelle che conosco? no, grazie.

    al giorno d’oggi, anche la più insignificante ragazza ha sempre un minimo di scelta, quanto a possibili partners, mentre l’uomo, per avere lo stesso “potere”, dev’essere sopra la media dal punto di vista estetico e/o economico e, purtroppo per me, non è il mio caso…

    anche se non ho mai avuto la gran fortuna di provarlo sulla mia pelle, pensi che io non conosca l’abissale differenza tra lo squallido sesso mercenario e il sesso fatto col proprio partner?

    sai cosa vuol dire, al giorno d’oggi, essere un “invisibile” per l’intero genere femminile?

    come ha già detto il buon mauro, compagno nella sciagurata condizione di “diversamente figo”, perchè mai dovrei pagare per andare con una che non mi piace?

    ci mancherebbe altro, permettimi…

    se neanche le ragazze “al mio livello” mi cagano, preferendo la solitudine all’accontentarsi, scelta legittima, per carità, cos’avrei dovuto fare?

    morire vergine? no, grazie.

    cmq, caro paolo, se la mia “situazione” non è di tuo gradimento, t’offro subito non una, ma ben 2 soluzioni immediate:

    1) mi paghi tu qualche escort, ogni volta che mi viene “voglia”…

    2) mi trovi tu qualche ragazza, di mio gusto, “disponibile” (gratuitamente…) nei miei confronti…

    certo, è molto facile criticare i “meno fortunati” come me, ma poi non muovere un dito per cambiare concretamente le cose…

    certo, nel mondo ci sono milioni di persone che muoiono di fame, quindi, chissene d’un “morto di figa” come me, lo so, lo so fin troppo bene…

    • Paolo1984 permalink
      21 settembre 2012 20:12

      ma veramente neanch’io ho una ragazza ma a differenza tua preferisco morire vergine e ammazzarmi di seghepiuttosto che andare con chi non è attratta da me però accetta il mio corpo solo perchè la pago (e a maggior ragione non andrei mai con una prostituta di strada perchè non voglio “beneficiare” della schiavitù in cui è tenuta). Sono scelte, io ho fatto la mia ti stavo solo invitando a riflettere sulla situazione delle prostitute di strada che frequenti, sulle loro condizioni di vita..ma vedo che è inutile. Spero almeno tu metta il preservativo

      • walter1982xyz permalink
        21 settembre 2012 21:57

        caro paolo, potendo scegliere, frequenterei le escorts…

        potendo scegliere, frequenterei ragazze che ricambiano l’attrazione ed, eventualmente, i sentimenti che provo per loro…

        “potendo scegliere”, appunto… e, purtroppo per me, IO NON POSSO.

        a differenza tua, io voglio che la mia eventuale scelta di “castità” sia una scelta MIA, non delle donne…

        m’è già, di fatto, preclusa la vita sentimentale e dovrei pure precludermi volontariamente anche l’unico squallido surrogato di quella sessuale che posso avere? NO, GRAZIE.

  8. Leonardo permalink
    21 settembre 2012 22:38

    Quello che emerge è che gli uomini non sono assolutamente tutti uguali nei rapporti con le donne. In comune invece abbiamo di che lamentarci tutti, perché uno che dice di preferir morire vergine ammazzandosi di seghe è tanto premuroso verso le donne? Non stiamo mica dicendo di ammazzarle tutte? Ma di aprire gli occhi e non dar troppo conto ai loro ricatti, di pensare un po’ a noi…

    • 21 settembre 2012 22:51

      perfetto leonardo ,il mondo non ruota intorno a loro ,ma ruoto intorno ANCHE a loro …se noi uomini ,invece di dire sempre di SI , mettendo una maschera ,riuscissimo anche a dire le nostre ragioni ,sarebbe la tanto auspicata parità …

    • Paolo1984 permalink
      22 settembre 2012 09:42

      Leonardo, la mia non è “premura”, è che se so che lei viene con me solo ed esclusivamente perchè la pago mentre magari le faccio ribrezzo, proprio non riesco ad eccitarmi. Altri uomini ci riescono io no.

  9. Scroto di maiale permalink
    23 settembre 2012 20:31

    Paolo, ma tanto, visto che i Media hanno inculcato nelle donne il ribrezzo per gli uomini esili, non te la daranno mai visto che sei esile(1,70 mt per 58 kg), quindi a seghe resterai destinato per sempre. A questo punto, quindi, perchè non pagare una bella prostituta e farti una scopata anzichè terminare l’esistenza terrena(spero a 100 anni e oltre) senza aver mai messo il pisello in una fregna e in un buco del culo femminile? Lascia stare i princìpi, e pensa un pò alle questioni pratiche. Se credi che esagero, allora presentati alle FaS e descriviti fisicamente dopodichè chiedi loro di incontrarle per fare un “porno-femminismo” con te , vedrai che per quanto maschio pentito e castrato mentale sei, non te la daranno mai, perchè loro a chiacchiere si definiscono “anti-sistema” e contro la tv, ma poi nei fatti si sono lasciate condizionare anche loro da questi distorti canoni mediatici(a partire dagli anni ’80) a riguardo della fisicità maschile.
    Paolo, eddaje, ma fatte una trombata!

    • Paolo1984 permalink
      24 settembre 2012 00:04

      voglio trombare con chi mi desidera, con chi è attratta da me come io da lei, altrimenti non voglio trombare e non penso neanche che ci riuscirei. E’ così difficile da capire?

  10. Scroto di maiale permalink
    23 settembre 2012 22:13

    p.s: Ah, mi ero dimenticato di mettere il sito dove puoi leggere le loro perle d’amore:

    http://femminismo-a-sud.noblogs.org/

    Provare per credere.

  11. Scroto di maiale permalink
    24 settembre 2012 00:57

    Paolo caro, visto che i Media, a partire dai primi anni ’80, hanno inculcato nelle donne un’ immagine negativa degli uomini esili, tu non hai alcuna speranza di piacere fisicamente a nessuna donna. A nessuna. Mettitelo in testa. La Natura ti ha dotato del pene non solo per urinare, ma anche per infilarlo nei tre orifizi femminili(vagina, ano e bocca), altrimenti non ci sarebbe bisogno del pene, ma basterebbe l’ orifizio per urinare. Per una questione di rispetto nei confronti della Natura, devi usare il tuo pene. Devi infilarlo nella femmina.

    Ma fammi capire una cosa, Paolo. Credi veramente che quegli uomini considerati non bellocci che si sposano, trombano gratis? Voglio dire che se non fosse per il fatto che loro lavorano e che quindi sono da sostenimento economico per la moglie e la prole, non avrebbero trovato certo una che li avrebbe sposati e che quindi gliela avrebbe data. Certo, non sto dicendo che le donne si sposano un uomo non bello solo per una questione di sostenimento economico, ci sono anche altri fattori quali la simpatia, l’affinità reciproca, etc, ma se lui non lavora, niente matrimonio, per quanto possa risultare simpatico e interessante a lei. Se non sei d’accordo, trovami un solo uomo disoccupato sposato da una donna che lavora. Non ne troverai nessuno, anche se non si possono escludere eccezioni, ma si sa le eccezioni confermano la regola.

    Detto questo, quindi avrai capito bene che una donna non la dà mai gratis ad un uomo considerato non bello, in un modo o nell’altro lui non se la scopa gratiis(a meno che lui non sia considerato bello). Ecco perchè si dice: la donna che costa di meno è quella che paghi, cioè la prostituta. Certo, anche un uomo considerato bello se non lavora, non troverà nessuna che se lo sposi, però almeno potrà avere tante relazioni sessuali, mentre un uomo “brutto” che non lavora, nè sposarsi nè avere relazioni sessuali “libere” può.

    Al contrario, una donna anche se non bella, sempre troverà un uomo disposto a trombarla. se lei si dichiara disponibile.

    Ecco perchè a ricorrere alla prostituzione al consumo di materiale porno, sono in gran parte maschi.

    Paolo, da come scrivi si vede bene che sei un auto-castrato mentale che reprimi la tue esigenze sessuali a cui ingiustamente sei stato precluso, addossandoti colpe e limiti che non hai(essere esili e timidi non è un limite nè un difetto)e cercando maldestramente di auto-convincerti della giustezza di quel crudele politicamente corretto femminista che non riconosce ai maschi eterosessuali il diritto all’appagamento affettivo, sentimentale e sessuale.

    Paolo, ti prego, unisciti ai movimenti maschili, questo tuo essere Kapò mi terrorizza, ma non per me, ma per te, perchè trovo agghiacciante che un essere umano venga ridotto come te dalla crudele ideologia femminista.

    • Paolo1984 permalink
      24 settembre 2012 10:07

      prima di infilarlo in un orifizio femminile ho bisogno di sapere che lei gradisce la cosa, che non le faccio schifo, che è attratta da me altrimenti non voglio

  12. walter1982xyz permalink
    24 settembre 2012 03:35

    per trombare da giovane, devi essere “figo”.

    per trombare da adulto, devi cmq avere una certa stabilità economica, sia per sposarti, sia per essere “single”: lavoro con un certo reddito, casa, macchina, etc…

    gli “invisibili” sono coloro che, generalmente, non hanno nessuna di ‘ste caratteristiche, purtroppo per loro, quindi, per le donne sono degli “uomini-non-uomini”…

    le donne vogliono solo mettersi “in tiro” e poi tutto il resto è di competenza maschile, chi non è “all’altezza” è semplicemente ignorato, come se non esistesse, come se non fosse un uomo anche lui…

    una donna, per stare nella stessa merdosa condizione d’un “invisibile” oggi, non basta che sia brutta, dev’essere proprio “mostruosa”…

    è dall’alba dei tempi che le donne sfruttano il nostro maggiore bisogno di sesso per i loro biechi interessi personali…

    “ogni donna è seduta sulla propria fortuna” qualcuna diceva… e perchè mai darla gratis, s’è sempre possibile darla “a pagamento”, implicito o esplicito che sia?

    al giorno d’oggi le “sfigate” sono le prime a non cagare minimamente gli “sfigati”, meglio la solitudine…

    la solitudine dei maschi beta deriva semplicemente dalla scelta di non accontentarsi delle femmine beta, scelta che prima del femminismo non potevano certo permettersi…

    oggi la donna “povera” vuole solo il maschio con una certa stabilità economica e quella “in carriera” vuole solo quello benestante/ricco.

    se una ragazza qualunque non trova lavoro e vuole andarsene di casa, deve solo trovarsi qualcuno che la sposi e il gioco è fatto…

    se un ragazzo qualunque non trova lavoro e vuole andarsene di casa, non troverà neanche mai nessuna che lo sposi e lo mantenga economicamente.

    al giorno d’oggi per chi non è nè figo nè economicamente “stabile”, ci sono solo le seghe e/o lo squallido sesso mercenario…

    ritornando all’argomento puttane, vi lascio coll’intramontabile pensiero de “la donna che paghi subito è anche quella che paghi meno”.

  13. Scroto di maiale permalink
    24 settembre 2012 15:11

    Paolo, allora, non dovresti nemmeno sposarti perchè in tal caso non potresti mai sapere se la tua moglie si è sposata e fa l’amore con te con te perchè le piaci fisicamente o perchè hai un lavoro(e che quindi la paghi, seppur implicitamente) Quindi anche in tal caso ci sarebbe il rischio che tu non le piaci e quindi farebbe l’amore con te non gradendoti fisicamente, e anche se lei ti assicurasse che tu le piaci, ciò non sarebbe una garanzia, per ovvi motivi(può mai una persona dire all’altro coniuge che non gli/le piace??).
    Quindi, come vedi, caro Paolo, questo tuo ragionamento ti ingabbia nel farti rimanere in una solitudine a vita. Scrollati di dosso, quindi, quella pseudo-morale femminista cui sei stato indottrinato,anche perchè se le femministe e le donne moderne fanno le moraliste nel richiamare gli uomini a fare sesso pensando anche al piacere di lei, loro se ne fregano altamente del piacere di lui. Quindi ognuno pensi al proprio di piacere. Le donne pensano solo al proprio piacere, ed è giusto così, e allora, noi uomini pensiamo solo al nostro di piacere. Altrettanto giusto è così.
    Se poi vuoi rimanere casto per tua scelta, nulla da dirti, anzi noi Antifemministi apprezziamo i valori della castità, dell’ etica, del pudore, valori questi criminalizzati dal Femminismo. Ma non mi sembra che tu aderisca a questi valori, in quanto sei un laicista, e quindi ti stai auto-reprimendo e auto-castrando in un nome di una folle e criminale ideologia: il Femminismo.
    Liberati dalla catene, Paolo!

  14. 24 settembre 2012 16:40

    @Mauro, non credi che alcuni commenti, come quelli di Scroto di Maiale sono altamente provocatori, altro che da un semplice malato di mente e dipendente dell’internet…?
    Lo so, potrebbero anche non essere fatti miei, ma come fai a lasciare tali commenti che potrebbero offendere alcune persone sensibili? Non dico che Paolo lo sia, ma tutto è possibile… io non permetterei mai che talmente tanta merda sia buttata su una persona…

    @Scroto di Maiale, un parere da parte mia, quando avrai coraggio di mettere un nick che ti rappresenta davvero, potrai dire qualcosa rigurdo la QM e l’antifemminismo… ma fino ad allora sarai un vile “Scroto di Maiale”…

    Jan

  15. Scroto di maiale permalink
    24 settembre 2012 17:17

    @Jan Quarius: Moccioso isterico che non sei altro, cosa ho detto di male nei confronti degli altri? Non mi pare che abbia offeso Paolo, l’ho solo invitato a scrollarsi di dosso della mentalità femminista e e di non essere succube nei confronti delle donne. Non si è offeso lui, e ti offendi tu facendo il suo avvocato difensore? Dopotutto ciò che ho detto è in linea con con il movimento della QM, quindi non capisco proprio il senso di questo tuo rabbioso capriccio. Proprio tu che chiami le femministe “naziste” e “di merda” vieni a fare il moralista contro di me che invece questi termini non li ho usati contro Paolo?
    Fatti curare da un buon psichiatra, ammesso che non sei già in cura.

    • 24 settembre 2012 17:54

      Forse mi sono spiegato male, ma non mi sto offendendo io e non sto difendendo “Paolo”. Sento invece quando qualcuno ha un comportamento infame e da considerare dannoso.
      Dare delle “nazi” alle femministe e “di merda” non mi autorizza a pestare ogni essere che a me paia un po’ storto.

      cit.
      … l’ho solo invitato a scrollarsi di dosso della mentalità femminista e e di non essere succube nei confronti delle donne…
      😀 Quello succube mi sembri te che parli tanto dei 3 buchi e dell’uso della prostituzione. Io capisco se uno è esile o che abbia problemi nell’approcciare le ragazze, ma che proclami di trombare con le prostitute… beh scusa, si troverà pur qualcuno che criticherà anche te.

      Io non contrasto “walter” e non concordo con tutti ciò che dice “paolo”, ma è proprio il tuo modo di scrollarti “Scroto di Maiale” contro certe questioni, che mi fa riflettere.
      Edai, abbi coraggio di dire che hai già frequentato questo blog e con tanti altri nick… ma in fin dei conti, avendo quel nick di adesso cos’altro ti aspetti da quelli che commentano?

      • 24 settembre 2012 18:06

        l’email che usa è già nota …. 🙂
        Ma finchè resta tra i limiti della decenza ,non ho niente in contrario

  16. 24 settembre 2012 18:03

    ognuno usa il nick name che vuole …
    Detto questo ,qualcuno ha detto che le parole sono pietre ,sopratutto quelle scritte , ognuno si fa il proprio pensiero ,ho riletto i post e non mi sembra che abbia detto niente di offensivo .
    D’altronde sono sempre stato contro la censura ,ho censurato solo un argomento ,perchè li si era veramente superato il limite con parole come “sborra” ecc ecc …
    Comunque consiglio di moderare i toni ,conviene a tutti …anche al sottoscritto ,ricordo che i commenti sono liberi ,uno spazio libero per chi ,come me ,è succube della censura femminista …

  17. Scroto di maiale permalink
    24 settembre 2012 18:19

    Jan, non avevo detto che ricorrere alla prostituzione debba essere un obbligo o che infilare il pene nei tre orifizi femminili sia la principale unzione dell’ uomo, volevo solo ricordargli che il pene ha una duplice funzione, quindi non solo e urinaria ma anche sessuale, e se lui, esile e introverso, non riesce a trovare sesso, nessuno gli può impedire questo diritto, ricordandiogli altresì che finchè non si usa violenza, non è immorale fare sesso con una donna che eventualmente non ti trova attraente, l’ importante è che si rispetta il patto per cui lei la dà: figa in cambio di soldi. Se invece uno vuole rimanere casto per sua scelta, per me è da apprezzare, ma questa non è la situazione di Polo il quale è casto non per sua scelta ma per scelta del femminismo.

    • Paolo1984 permalink
      24 settembre 2012 18:43

      “finchè non si usa violenza,non è immorale fare sesso con una donna che eventualmente non ti trova attraente”

      mai detto che sia immorale, ma io non voglio farlo, riesci a capire che anche un uomo può rifiutare il sesso a determinate condizioni o è troppo strano per te?
      Io non credo che tutti i clienti delle prostitute siano mostri e non li criminalizzo in blocco (ma insisto: chi va con le prostitute di strada forse qualche domanda su quali traffici sta alimentando dovrebbe farsela, poi ognuno se la vede con la propria coscienza) però vorrei fosse rispettata la mia decisione di non essere cliente

      • walter1982xyz permalink
        24 settembre 2012 20:26

        caro paolo, stasera anzichè uscire in macchina e caricarmi una stradale per una squallidissima “sveltina”, gradirei molto uscire a cena con qualche top escort, per poi passare l’intera notte con lei nel suo appartamento in centro, a mo’ di “fidanzati”… suona molto meglio, vero?

        purtroppo per me, però, non posso certo permettermi di “sputtanarmi” (letteralmente…) gl’ultimi 2 sudatissimi stipendi da precario che mi ritrovo, per pagarmi la “serata”, quindi, dato che hai tanto a cuore la misera condizione delle puttane di strada, che fai, me la paghi tu?

  18. Scroto di maiale permalink
    24 settembre 2012 18:50

    “però vorrei fosse rispettata la mia decisione di non essere cliente” (Paolo)

    Se fosse tua, una tua autonoma decisione, quindi non viziata da condizionamenti culturali femministi, io la rispetterei, e anzi la loderei questa decisione.Ma purtroppo non è così.
    Porca puttana, Paolo, perchè non leggi ciò che scrivo? Non ho più voglia di ripetere sempre le stesse cose, quindi copio e incollo il commento che ho scritto prima e che forse non hai letto. Buona fortuna:

    Paolo, allora, non dovresti nemmeno sposarti perchè in tal caso non potresti mai sapere se la tua moglie si è sposata e fa l’amore con te con te perchè le piaci fisicamente o perchè hai un lavoro(e che quindi la paghi, seppur implicitamente) Quindi anche in tal caso ci sarebbe il rischio che tu non le piaci e quindi farebbe l’amore con te non gradendoti fisicamente, e anche se lei ti assicurasse che tu le piaci, ciò non sarebbe una garanzia, per ovvi motivi(può mai una persona dire all’altro coniuge che non gli/le piace??).
    Quindi, come vedi, caro Paolo, questo tuo ragionamento ti ingabbia nel farti rimanere in una solitudine a vita. Scrollati di dosso, quindi, quella pseudo-morale femminista cui sei stato indottrinato,anche perchè se le femministe e le donne moderne fanno le moraliste nel richiamare gli uomini a fare sesso pensando anche al piacere di lei, loro se ne fregano altamente del piacere di lui. Quindi ognuno pensi al proprio di piacere. Le donne pensano solo al proprio piacere, ed è giusto così, e allora, noi uomini pensiamo solo al nostro di piacere. Altrettanto giusto è così.
    Se poi vuoi rimanere casto per tua scelta, nulla da dirti, anzi noi Antifemministi apprezziamo i valori della castità, dell’ etica, del pudore, valori questi criminalizzati dal Femminismo. Ma non mi sembra che tu aderisca a questi valori, in quanto sei un laicista, e quindi ti stai auto-reprimendo e auto-castrando in un nome di una folle e criminale ideologia: il Femminismo.
    Liberati dalla catene, Paolo!

    • Paolo1984 permalink
      24 settembre 2012 19:06

      cioè io sono condizionato e chi va a prostitute sarebbe “libero” o comunque ribelle contro l’oppressione femminista? Ma per favore!
      E poi pure sui siti femministi è tutto un insistere sul condizionamento culturale e ora lo ritrovo pure qua..mah! Siamo un intreccio di natura e cultura inestricabile, e certo nessuno può prescindere dall’ambiente in cui cresce ma questo non significa che siamo tutti zombi incapaci di decidere per noi stessi! E questo vale per me, per te, per gli uomini e per le donne

      • paolo (un altro) permalink
        25 settembre 2012 15:34

        Chi va a prostitute non dovrebbe essere nè colpevolizzato, nè criminalizzato.
        Io non ci vado per gli stessi motivi tuoi, ma il moralismo ipocrita delle femministe non lo reggo.

      • Paolo1984 permalink
        25 settembre 2012 21:30

        nemmeno io sopporto il moralismo e criminalizzo solo i clienti che vanno con le prostitute minorenni (sapendo che sono minorenni) e quelli che sapendo di essere malati non si mettono il preservativo e quelli che le picchiano. Però insisto ancora: andare con le prostitute di strada fregandosene che sono schiave e dei traffici terribili che si alimentano mi pare grave. E non mi si risponda “allora pagami l’escort” ma si rifletta piuttosto se è giusto che tante donne vengano sfruttate, minacciate, picchiate, ridotte in schiavitù o semischiavitù e messe a forza sulla strada solo perchè io non trovo una donna e non voglio masturbarmi

      • 25 settembre 2012 21:51

        Io personalmente non credo che tutte le prostitute che vedi in strada siano schiave. Pensare ciò vuol dire compatire anche quelle che si vendono per propria scelta.
        C’è che mette sul primo posto la propria vita e salute sessuale e chi pensa che le prostitute siano tutte vittime. A qualcuno va bene andarci e fregarsene… agli altri no. Bisognerebbe capire il perchè… di queste scelte…

      • Paolo1984 permalink
        25 settembre 2012 22:19

        Jan lo so che non sono tutte vittime, ma per me la vera illusione, il vero auto-inganno è pensare che le prostitute siano tutte escort di lusso come Patrizia D’Addario oppure siano tutte “libere” come Julia Roberts in Pretty Woman, certo ci sono anche quelle, le “volontarie” ma di solito non battono il marciapiede (qualcuna ci sarà, ma non molte). Ripeto, oggi chiunque ha la possibilità di informarsi su come funziona la tratta e lo sfruttamento della prostituzione, alimentare una schiavitù in cambio di pochi minuti di piacere che tra l’altro potrei ottenere gratis masturbandomi non mi sembra proprio il massimo della vita (mi si dirà che nemmeno ammazzarsi di seghe lo è ma io preferisco così ho già spiegato perchè) comunque come ho detto, ognuno se la vede con la propria coscienza. Se si vuol credere che le ragazze immigrate, spesso clandestine, che stanno sulla strada non abbiano nessuno che le obblighi, le ricatta e le minaccia, se vogliamo credere di essere noi i più sfortunati della terra perchè non abbiamo i soldi per una bella escort e nessuno ci ama, ok, ognuno decide di credere a quello che vuole

      • Paolo1984 permalink
        25 settembre 2012 22:25

        ribadisco, comunque che spero che i clienti si mettano il profilattico (ma so che molti non lo fanno), anche se sono sani dovrebbero indossarlo

    • Paolo1984 permalink
      24 settembre 2012 19:11

      e se mi sposo posso ragionevolmente supporre che mia moglie mi ami come io amo lei e gradisca il mio aspetto come io gradisco il suo. Si chiama fiducia reciproca senza la quale nessun rapporto umano (non solo amoroso e sentimentale) è possibile

  19. Scroto di maiale permalink
    24 settembre 2012 19:28

    “E poi pure sui siti femministi è tutto un insistere sul condizionamento culturale”(Paolo)

    I condizionamenti culturali esistono, ma non nel senso che intendono le femministe. Se leggi i discorsi della Zanardo e di Se Non Ora Quando, e della propagaanda femminista mediatica in generalem, quando criticano il ricorso maschile alla prostituzione, noterai che usano gli stessi tuoi ragionamenti per cui ti opponi di fare sesso con una prostituta. Quindi sei condizionato da questa mentalità femminista.

    “e se mi sposo posso ragionevolmente supporre che mia moglie mi ami come io amo lei e gradisca il mio aspetto come io gradisco il suo”

    “Supponi”, ma non sei certo. Questo è il punto. Non è assolutamente detto che una donna si sposa per amore, non è escluso che alcune sposano senz’altro per amore(ma chissà perchè se non si trova il lavoro o lo si perde, non c’è più . l’ Ammorreeeeeee), ma moltissime altre no. Quindi tu non la potrai mai avere questa certezza. Pertanto se ti sposerai c’è un rischio, alto o basso che sia, che lei non ti gradisce dall’aspetto o non ti ama, e che quindi fa sesso con te solo perchè ti ha sposato per via del tuo lavoro che ti permette di sostenere la famiglia. Quindi c’è il rischio che tu otterrai sesso…….a pagamento, da parte di una donna che non ti gradisce.
    Tu mi dirai che non si può partire prevenuti che lei non ti gradisce, ma allo stesso modo non puoi partire prevenuto che tu susciti disgusto alla escort che paghi. Nè con la escort nè con una tua ipotetica futura moglie, potrai avere la certezza che piaci o non piaci a loro.
    Quindi fatti meno seghe mentali, Paolo.

  20. Sentenza permalink
    29 settembre 2012 15:16

    Questa storia dei clienti che non si metterebbero il preservativo fa ridere anche i sassi, che notoriamente non ridono mai.
    Rammento a Paolo1984 che a parte le tossiche degli anni Ottanta, o qualche altra rara “fuori di testa” odierna, è praticamente impossibile trovare una prostituta che accetti dei rapporti vaginali e/o anali non protetti. Già è difficilissimo trovarne una che pratichi dei rapporti orali non protetti, figuriamoci quelli penetrativi.
    Non dar retta alle stronzate che raccontano i mass media o le stesse prostitute, perché la realtà è molto diversa. Tra l’altro, qualora non ne fossi al corrente, è la prostituta che stabilisce le regole (ossia il mettersi il preservativo ed avere uno pseudo rapporto sessuale alquanto sbrigativo…) e non il cliente, ovvero colui che solitamente conta meno di zero.
    Già il fatto di dover pagare la dice lunga su chi sia il vero subordinato.

  21. Sentenza permalink
    29 settembre 2012 17:27

    Prostituzione: in Italia solo il 10% è vittima della tratta – Nel mondo il 60% dei condannati per sfruttamento sono donne
    22 giugno 2012

    Fonte: Min. PP.OO. e PARSEC

    LE NUOVE SCHIAVE
    Quante sono

    Secondo uno studio realizzato dal Parsec su commissione del Dipartimento Pari opportunità le donne immigrate coinvolte nella prostituzione sono tra le 15 e le 18 mila. Tra loro, la quota delle donne vittime del trafficking, si stima intorno al 10 per cento cioè tra le 1.500 e le 1.800.

    Chi sono

    Possono dirsi vittime del trafficking le donne che subiscono violenza e coercizione in almeno una delle fasi del percorso con cui arrivano dal loro Paese fino all’Italia.

    I fase: Sradicamento dal Paese di provenienza

    Le donne possono arrivare nelle mani dei clan perché rapite, vendute dalla famiglia, raggirate (con l’illusione di altri lavori o in relazione alla restituzione di un prestito), minacciate di violenza verso la propria famiglia.

    II fase Modalità di trasferimento:

    Avviene via mare o via terra, talvolta la vittima è sotto minaccia, talvolta è consenziente perché è stata ingannata. Comunque viene sottoposta a violenza fisica e sessuale all’arrivo in Italia.

    III fase: Scopo finale

    Le donne trafficate vengono utilizzate in prestazioni di alto profitto come la prostituzione, il lavoro forzato e la schiavitù domestica. La mercificazione dei corpi è un affare estremamente lucroso e le ragazze sono una merce di valore. Per questa ragione lo spostamento delle ragazze è organizzato in piccoli gruppi e soprattutto per le rotte di terra, più sicure di quelle marittime (vedi Scheda sulle rotte).

    Quanto rendono

    Si stima che la prostituzione sia la terza voce di guadagno per il crimine internazionale organizzato, dopo le armi e la droga. Si calcola che una prostituta possa fruttare almeno dieci milioni al mese. La media del lavoro delle ragazze è di circa tre sere a settimana. In Italia, secondo un calcolo approssimativo, il business della prostituzione delle donne immigrate si aggira sui 180 miliardi al mese.

    Noi e l’Europa

    E’ difficile fare una stima del trafficking in Europa. I Paesi più interessati sono l’Italia, la Germania (dove il fenomeno presenta caratteristiche molto simili alle nostre nei numeri e nelle modalità), il Belgio e l’Inghilterra.

    Fonte: Dipartimento per le Pari opportunità e associazione Parsec

    Altre fonti:
    Commissione Affari Sociali della Camera
    http://www.mtmweb.it/mtm_n13_sociale_leggeMerlin.htm

    Il 60% dei condannati per sfruttamento sessuale sono donne
    21 febbraio 2009
    Lo sfruttamento sessuale sulle donne è per la maggior parte gestito da altre donne.
    A dirlo è l’ONU. Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite il 60% dei condannati per sfruttamento sessuale sulle donne nell’Europa dell’EST e in Asia è donna.

    • Paolo1984 permalink
      29 settembre 2012 17:38

      “Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite il 60% dei condannati per sfruttamento sessuale sulle donne nell’Europa dell’EST e in Asia è donna.”

      e chi lo nega? Io ho sempre detto che donne e uomini sono moralmente e intellettualmente pari agli uomini nel bene come nel male

  22. war pigs permalink
    10 ottobre 2012 09:47

    Sarebbe ora di far capire alle donne che il corteggiamento è la prostituzione maschile
    il 90% dei corteggiamenti è fatto per fare sesso, le romanticherie agli uomini non piacciono granchè.
    Uno che va a prostitute è un porco?
    E una che si fa corteggiare senza fare sesso cosa è?
    I gigolò sono corteggiatori, non prostituti, ma comunque la maggior parte delle donne non ne ha bisogno perchè basta fingere che sono interessate a un uomo per farsi corteggiare.
    Se fossero oneste le donne pagherebbero uno che le ha corteggiate senza che ci volessero far sesso

    • Paolo1984 permalink
      10 ottobre 2012 14:00

      ad alcuni uomini le romanticherie non piacciono, ad altri sì (anche agli etero)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: