Skip to content

La fortuna di nascere uomini

5 giugno 2012

In un suo commento Mary ha cosi scritto Fortunatamente sei nato maschio quindi non sei mai stato molestato

ci sono alcuni articoli interessanti in uomini beta ,due per esempio….

http://www.uominibeta.org/2011/07/24/cio-che-paralizza-gli-uomini/

http://www.uominibeta.org/2012/05/06/ho-subito-violenza-ma-listat-non-lo-sa/ (forse già postato ma una lettura non fa male)

e poi questo 

Ho letto con interesse la storia di Mary , davvero terribile ,ma cosa aveva in comune quel bastardo con me o con Giovanni ?

Solo il sesso di appartenenza ,e questo è il punto cruciale ,il bandolo della matassa …

Il sesso di un essere umano diventa una cosi forte discriminante per decidere cosa è bene ,cosa è male(ricordiamolo che è puramente casuale)

uccidono gli uomini ,ma le donne non sono immuni

violentano gli uomini ,ma le donne non sono immuni

rubano gli uomini ,ma le donne non sono immuni

Quando è che impareremo a trattare l’essere umano da persona ? Quando impareremo che sbaglia si l’uomo ,ma pure la donna ?

>Eppure a sentire certi discorsi ,tutta questa fortuna di essere nati uomini non mi sembra di notarla

leggendo vari articoli si legge che le donne sono migliori ,sono più brave ,non si macchiano di certi delitti ..vengono solo fermate da questo mondo maschilista …

Mi chiedo che fortuna c’è nel nascere di sesso maschile e quindi essere violenti e stupidi ?

Magari nessuna ci stupra (cosa non vera tra l’altro) ma veniamo “molestati” in altre maniere ,magari non fisiche ,ma psicologiche ,se non fosse cosi ,come si spiegherebbe il termine “sfigati” ?

Magari nessuna ci stupra , ma dobbiamo sempre dimostrare qualcosa ,non ci è concesso di non avere paura ,di provare emozioni e sentimenti

Dobbiamo andare sempre oltre l’ostacolo ,sfidare il pericolo ,magari con le famose “bravate” ,cosa c’è di fortuna in tutto questo ?

In ambito lavorativo magari prenderemo pure di più (non tanto di più )ed in ambienti pubblici questa disparità è praticamente nulla ,e magari non rimanendo “in gravidanza” non troveremo nessun testa di cazzo di fronte a noi ,però ,abbiamo la fortuna di trovare lavori pericolosi ed usuranti …

Fortuna ? Forse nel non avere le mestruazioni e di fare pipì dove ci capita ,ma poi fortuna e sfortuna accomuna i due sessi …

Annunci
89 commenti leave one →
  1. 5 giugno 2012 19:50

    Mauro, se vuoi un consiglio, bannala a questa rabbiosa femminista e non permetterle di dire queste infamie qui. Lei dice che la “molestia”, cioè un concetto soggettivo(come si fa a stabilire oggettivamente il discrimine tra corteggiamento e molestia?) e quindi non una violenza oggettiva, sia così grave tale da rendere gli uomini fortunati per non subirla! Roba da matti! E che devono dire gli uomini(che sono i principali destinatari di violenza, lo sa questa testa bacata?) vittime di omicidi, pestaggi, aggressioni, menomazioni, vittime sul lavoro(99% maschile), cioè di violenze e sofferenze ben più gravi di un corteggiamento considerato “insistente” o di qualche telefonata di troppo”(secondo al legge femminista si chiama “stalking”). Eppure loro si considerano quelle che se la passano peggio. Sia ben chiaro, quando la molestia è oggettivamente vera, è comunque qualcosa di deprecabile e che va condannata senza se e senza ma, ma metterla sullo stesso piano e anzi considerarla ancora più grave con le sopra citate violenze e sofferenze è roba da manicomio criminale. Segno di quanto sia basso e distorto il grado di percezione che la maggior parte delle donne hanno a riguardo della violenza e della sofferenza. E meno male che sarebbero loro quelle che “sopportano meglio il dolore rispetto agli uomini”.

  2. 5 giugno 2012 20:17

    Raffaele, ti ringrazio per il consiglio 😀 ,ma è contro la mia “politica” ognuno è responsabile di quello che scrive ,che poi diventa prova tangibile di come si pone una persona intrisa del pensiero femminista …
    Ti ringrazio anche per il tuo commento ,mi fa piacere che un attivista di lunga data (molto più di me) segua il mio blog :)…
    Sul resto niente da dire ,tutto esatto …

  3. 5 giugno 2012 20:48

    Io, fisicamente esile e minuto, tempo fa fui massacrato di botte e pestato a sangue da un omone grosso e muscoloso(di 1,90 per lo meno un centinaio di chili, cioè il fisico maschile che tanto piace alle femmine di oggi) sotto gli occhi diverti e compiacenti della sua fidanzata che lo incitava a massacrarmi per vendicarsi di non averle dato la precedenza(a Sua Maestà) nel varco di un centro commerciale. Ricordo bene gli occhi e il viso ghignante di quella Megera che incitava il suo Cavalier Servente a farmi a pezzi. Per fortuna vennero alcune persone attirate dalle mia urla, e così lui mi mollò.

    Mi portarono in ospedale, il referto fu di 20 giorni di prognosi, denunciammo pure l’accaduto ai carabinieri in ospedale, ma loro tutti sgarbati mi invitarono a trovarmi un avvocato e testimoni per sporgere denuncia. Ma per via del fatto che mia famiglia era(ed è) squattrinata e in assenza di persone testimoni che si dichiarassero disponibili a testimoniare, non potei sporgere denuncia e così il crimine che subii rimase impunito, e rimase impunito anche perchè a differenza della cosiddetta “violenza sessuale”(concetto inventato dal Femminismo”) le lesioni e la violenza privata sono puniti con pene risibili e senza manco il carcere. La mia sfortuna fu di non essere donna perchè se fossi stato donna sarebbe bastato denunciare una “molestia sessuale” per far scattare gli arresti obbligatori del denunciato(decreto antistupri del marzo 2009, fatto dal governo Berlusconi) e scatenare una caccia all’ uomo e far gridale alle tv per giorni dell’ “emergenza violenza maschile contro le donne”. E questo perchè le Femministe(che come tali hanno la testa bacata) e gran parte di questa società hanno stabilito a tavolino, senza nessuna prova e criterio oggettivo, che un presunto coito non consensuale(cioè il c.d “stupro”) o addirittura un complimento considerato “molesto”(ma secondo quale criterio?) siano più gravi di un pestaggio, e anzi anche più gravi di un omicidio. Ma come vi permettete?? Ma come si permettono queste stronze di merda di dire che gli uomini che subiscono violenze sono fortunati rispetto a quelle femmine che ricevono le cosiddette “molestie” oppure pacche sul sedere?!! Che ne sanno del dolore dell’ animo che provano queste persone??

    Roba da pazzi, una pacca sul sedere costa 2 anni di reclusione, mentre un omicidio colposo invece non viene quasi mai punito con più di 1 anno, e un pestaggio a sangue rimane addirittura impunito.. Questa sarebbe la società “maschilista”??

    Ma come si permettono queste streghe?

    • 6 giugno 2012 14:41

      Raffaele, la tua storia ,somiglia molto ad una che avevo postato anche in uomini beta e ,prima dell’evento delle SS ,in un altro genere di comunicazione ,le modalità sono praticamente le stesse ,questo ragazzo ,che aveva osato gettare uno sguardo alla “sua maestà” e non essendo di bell’aspetto ,è stato picchiato a sangue ,proprio come è successo nel tuo caso ,lui li ha portati in tribunale ,morale della storia ,si è preso una denuncia per “molestie” ,il bello che ,il suo avvocato ha detto “ormai è la prassi”

  4. 5 giugno 2012 20:48

    Bel post Mauro. Bello veramente.
    Per quanto riguarda quella Mary. Non ho letto niente riguardante la sua storia. Ma se questa, per quanto brutta possa essere, è all’origine del suo sguardo sul mondo, allora è una persona che ha lo sguardo molto corto. Praticamente ripiegato su se stessa.
    E come dire che, ad esempio, siccome ho avuto una bruttissima esperienza con una persona di colore, ti divento razzista. Non cambia un tubo.

    • 6 giugno 2012 14:44

      Gradissimo Luigi ,per questo uso il termine nazifemminismo ….hai spiegato benissimo la situazione ,un uomo mi ha fatto del male ,tutti gli uomini sono porci e via discorrendo …

  5. 5 giugno 2012 20:50

    Ok, era solo un consiglio. Ti ringrazio per il benvenuto 🙂

  6. giovanni permalink
    6 giugno 2012 05:49

    visti i toni un tantino accesi (forse troppo) che hai usato raffaele, non oso immaginare quelli che possa usare mary… cmq è innegabile che c’è un’esasperazione enorme, una sproporzione enrome tra le cose e come queste vengono valutate/considerate/punite…
    un gesto (sbagliato) che da fastidio a una e che dura mezzo secondo (e che non provoca alcun dolore fisico nè dannp nè trauma psicologico) è considerato non solo grave ma pure più grave di una vera e propria violenza, è allucinante… sim è del tutto persa la misura delle cose… addirittura uno può essere condannato sulla sola base delle dichiarazioni di una, senza nemmeno prove oggettive…
    che esseri orribili e spregevoli quell’uomo e quella donna raffaele… anche i carabinieri, vergognosi…scommetto che se fosse venuta una donna a dire di essere stata “molestata” si sarebbero prodigati per fare in modo che denunciasse…

  7. giovanni permalink
    6 giugno 2012 05:55

    una pacca sul sedere al massimo è un gesto maleducato (poi dipende dal contesto, dai rapporti tra le persone ecc ) non è certo molestia sessuale, non è certo un gesto meritevole di punizione!se un giudice è capace di condannare uno x una pacca è un pazzo a dir poco…

  8. giovanni permalink
    6 giugno 2012 12:35

    questo è veramente gravissimo ignobile vergognoso…
    http://www.repubblica.it/cronaca/2012/06/05/news/aggressione_omofoba_chieti-36624361/?ref=HREC2-6
    quei criminali meriterebbero davvero il carcere…

  9. Leonardo permalink
    6 giugno 2012 15:48

    Bel video, insieme alla storia di Raffaele mi fa tirare le solite somme (Non voglio essere monotono con il discorso della psicoanalisi) ma alla fine l’odio contro i maschi e il loro sesso, schernito e riconosciuto solo come brutale e violento, non può che portare alla spiegazione dell’invidia.
    Da giovane sognavo chissà quanto sesso avrei potuto fare con una donna “giusta” e invece ti danno il contentino: con la “pomiciata” (o come la volete chiamare), mostrando le cosce e la scollatura per tenerci buoni e speranzosi.

  10. raffaele permalink
    7 giugno 2012 09:52

    “Non ho letto niente riguardante la sua storia”(Luigi Corvaglia)

    Nemmeno io l’ho letta, e nemmeno mi interessa sapere, perchè la per me le favole lasciano il tempo che trovano. Per loro una manata sul sedere è una “violenza grave”, un fischio dalla macchina in segno di complimento è “molestia grave”(e invece quegli uomini e donne che hanno il problema opposto, cioè di cattivi “complimenti” ricevuti,se seguissero il ragionamento di queste teste bacate femministe dovrebbero mettersi con un bazooka contro chi li denigra, Dio scansi!), ricevere molti sms o telefonate dall’ ex è “persecuzione”(cioè quello che loro chiamano “stalking” e che hanno fatto introdurre recentemente nel Codice Penale) non pagare una prostituta o aver fatto sesso con una persona e poi pentirsene è “stupro”, e così via. Evidentemente sono così viziate che non sanno manco cosa sia la violenza e chiamano violenza e persecuzione ciò che violenze e persecuzioni non sono(al massimo, sono gesti sbagliati ma non certo violenze e persecuzioni) offendendo quegli uomini che la violenza l’hanno subita per davvero(la stragrande maggioranza delle violenze vede vittime uomini, e non donne) e che le persecuzioni(razziali, politiche, religiose, etc) la vivono sulla propria pelle. Quindi capirai che quello che loro(parlo in generale) millantano di aver subito altro non è che frutto della loro distorta percezione delle cose scaturita dalla loro mente gonfia di vanità. Se questi sono i loro parametri per stabilire la violenza e la sua gravità, che credibilità potranno mai avere quando millantano di aver subito “molestie”?

    Forse sono troppo severo nel giudizio, ma non può che essere altrimenti in quanto delle persone che definiscono “violenza grave” e “persecuzione” un fischio dalla macchina in segno di complimento verso una gnocca o una fugace pacca sul sedere e arrivando addirittura a dire che gli uomini sono fortunati per non subire queste cose, e affermare che un coito non consensuale(violenza ingiustificabile e deprecabile, sia chiaro) sia addirittura più grave di un omicidio, sono persone criminalmente stupide che non hanno senso della misura e che non conoscono cosa è veramente la violenza e pertanto non hanno nessun diritto di parlarne se non altro per una questione di rispetto per chi la violenza la subisce e l’ha subita per davvero. E chi la violenza la subisce sono in gran parte uomini, non donne.

    “una pacca sul sedere al massimo è un gesto maleducato (poi dipende dal contesto, dai rapporti tra le persone ecc ) non è certo molestia sessuale, “(giovanni)

    Per legge una pacca sul sedere o uno sguardo “insistente” sono puniti come “violenza sessuale”(non esiste nel codice penale italiano il reato di “molestia”) in quanto l’infame legge sulla c.d “violenza sessuale” formulata nel 1996 definisce “violenza sessuale” ogni atteggiamento, azione o comportamento giudicato “libidinoso” dal sentire soggettivo della donna denunziante, In poche parole, il concetto di violenza sessuale è stato ingigantito ed esteso arbitrariamente e soggettivamente e pertanto i suoi confini vengono di conseguenza stabiliti soggettivamente di volta in volta dai capricci vagino-isterici della donna di turno.

    • 8 giugno 2012 21:20

      Grosso modo sono d’accordo con te ed in particolare sulla legge del ’96.
      Una precisazione però, il reato di molestia o disturbo nel nostro codice penale ci stava già:
      http://www.overlex.com/leggiarticolo.asp?id=1586
      e secondo me bastava ed avanzava per uno stato democratico.

      • giovanni permalink
        8 giugno 2012 22:14

        a voglia se bastava, si arriva a 500 euro di multa, manco fossero poche!!!con la crisi che c’è, poi…
        se x molestia poi si intende anche na toccatina a un fondoschiena, dover pagare 500 euro mi pare una mostruosità!

    • Mary permalink
      12 giugno 2012 20:58

      Raffeale tu non sei donna e non sai cosa subisce una donna quando viene violentata o molestata. Non hai avuto la sfortuna di sentirti uno straccio vecchio, un oggetto denigrato e privato del diritto di avere un corpo. Perchè io mi sono sentita così e ho sentito il mio corpo come non mio. Quindi non ti permetto di dire che lo stupro è meno di un omicidio perchè colpisce la psiche di una donna peggio di un omicidio perchè per quanto l’omicidio possa essere grave e le nostre cronache ogni giorno ce lo dicono, lo stupro è anche peggio perchè lascia fisicamente in vita la donna ma rovinerà per sempre il suo rapporto con il corpo e con la sessualità che non sente più sua ma di qualcun altro.
      Stuprare una donna è come ammazzare simbolicamente la sua soggettività e il tuo commento è un apologia del reato di stupro.
      Hai sentito l’ultimo caso di stupro? secondo te quel militare che ha brutalmente stuprato una ragazza, ridotta in fin di vita perchè penetrata con una sbarra in entrambi gli orifizi e dove la poveretta ha dovuto subire interventi chirurgici dovuti alla distruzione di gran parte del retto e dell’apparato digerente e la vagina ti pare più lieve di un omicidio?
      Ovviamente non tutti gli stupri sono così efferati ma uno stupro anche un atto di coercisione meno violento può avere ripercussioni profonde nella psiche di una donna. Non voglio dire che una pacca sul sedere può avere gli stessi effetti di uno stupro ma è un atto che lede la dignità della donna e che fa sentire la donna come un oggetto, lo stupro poi è la cosa peggiore che possa subire una donna, peggio delle botte perchè è anche violenza psicologica oltre che fisica. Quindi dovresti solo vergognati a dire che le donne che chiuedono diritti contro lo stupro sono delle isteriche. Tu non sai cosa può subire una donna, magari se subisse la stessa cosa una tua familiare cambieresti protamente opinione e chissà perchè..forse lo so perchè finchè si tratta di una donna intesta come “appartenente a te” allora chiederesti giustizia anche per una pacca sul sedere e faresti una rissa da bar con il malintezionato perchè facciamo facile dire che lo stupro non è nulla ma quando toccano le vostre donne tutto cambia..chissà xke…

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 07:03

        Quindi dovresti solo vergognati a dire che le donne che chiuedono diritti contro lo stupro sono delle isteriche.

        ma non mi pare abbia detto questo…

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 07:09

        scusa se te lo dico ma anche se certe cose possono dare fastidio “chidere giustizia” (tradotto: voler rovinare la vita a uno) per una pacca sul sedere mi pare un tantino al di là del buon senso…

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 11:37

        ma la vostra vita vale più di quella di una donna?? uno poteva evitare di toccare il sedere di una donna se non vuole intercorrere in una denuncia! C’è per caso un regolamento che legittima un uomo a toccare il culo di una donna non consenziente?
        Chi è causa del suo mal…alla fine il molestatore se l’è cercata…
        Il carcere è un metodo correttivo che insegna che queste cose non si fanno…

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:05

        no vale uguale e non mi pare che una si trovi la vita rovinata per una pacca o cmq una toccatina sul fondoschiena che dura un attimo!!! e allora, se nn c’è un regolamento??? dobbiamo essere estremisti integralisti e cattivi al punto da rovinare uno???? ma dai!!! questa sarebbe pura e semplice cattiveria!!!

      • Antonio permalink
        27 agosto 2012 18:18

        c’è un concetto fondamentale che sfugge alle menti ottuse, gli uomini sono di indole cacciatori! cara Maria se tu vieni in ufficio con la minigonna girofica io ti tocco il culo, cosi la prossima volta vesti in modo piu decente. Altrimenti evidentemente vuoi essere toccata. ILSOLITOMASCHILISTA

    • giovanni permalink
      13 giugno 2012 07:11

      anche uno sguardo insistente sarebbe punito??? non ci posso e non ci voglio credere…

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 11:38

        Infatti nessuno ha mai denunciato uno sguardo insistente, adesso non esagerare. Si parla di molestie! Se il mio datore mi tocca il culo io sono legittimata a denunciarlo perché mi sta trattando come un oggetto x assumermi. Dipende dal contesto, se uno mi tocca il culo sul tram lo schiaffeggio, se insiste o se mi prende a cazzotti si becca la denuncia penale e fin qui non si ribatte!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:06

        se è già tuo datore significa che ti ha già assunta…

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:47

        prendere a cazzotti è ben diverso…questo sì che è criminale…

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 15:54

        ma la maggior parte dei molestatori reagiscono quando lei si ribella…così come gli stupratori che quando la vittima oppone resistenza la massacrano o la uccidono e poi ricordiamoci che la legge deve tutelare sempre la parte fisicamente più debole-la donna- e non il molestatore.

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 18:32

        non so se sia la maggiorparte o la minoranza, sta di fatto che una può benissimo reagire semplicemente a parole o al limite con uno schiaffo, e può darsi benissimo che lui non sia un criminale che si metta a picchiarla, e ecco quindi che non c’è nessun bisogno di nessuna “denuncia preventiva” per evitare che se lei reagisca lui le faccia chissà ccosa…

  11. giovanni permalink
    7 giugno 2012 10:21

    Per legge una pacca sul sedere o uno sguardo “insistente” sono puniti come “violenza sessuale”(non esiste nel codice penale italiano il reato di “molestia”) in quanto l’infame legge sulla c.d “violenza sessuale” formulata nel 1996 definisce “violenza sessuale” ogni atteggiamento, azione o comportamento giudicato “libidinoso” dal sentire soggettivo della donna denunziante, In poche parole, il concetto di violenza sessuale è stato ingigantito ed esteso arbitrariamente e soggettivamente e pertanto i suoi confini vengono di conseguenza stabiliti soggettivamente di volta in volta dai capricci vagino-isterici della donna di turno.

    ma è scaldaloso e aberrante!!!non si può sentire una cosa del genere!punissero severamente gli stupri e i tentativi di stupro, punissero se uno allunga le mani sulle parti intime, ma poi basta, non si può criminalizzare e ogni contatto anche momentaneo non gradito e perseguitare chi l’ha compiuto come fosse una specie di mostro!

  12. giovanni permalink
    7 giugno 2012 10:29

    se una trova sgradevoli e fastidiosi certi gesti, una volta che gli risponde male davanti a altri e gli da un ceffone o due penso possa bastare!del resto, a parti invertite, cioè se è una donna a toccare il sedere di un uomo e lui a darle due ceffoni, nessuno o quasi si scaglierebbe contro la “molestatrice” e probabilmente certe donne condannarebbero “il violento che ha picchiato una donna”!!!

  13. 7 giugno 2012 14:40

    per correttezza …
    Io la storia l’ho letta e , se la consideriamo vera , è più”dura ” di una semplice pacca al sedere ,si arriva al limite dello stupro ,ovviamente resta valido il post di Luigi ,il discorso non cambia …
    Raffaele ,infatti ormai non si sa come comportarsi ,ti vedono male anche se fai una battuta un pochino spinta ,devi sempre essere attento a tutto ,quello che però .mi fa “arrabbiare” e che la stessa battuta ,i stessi atteggiamenti ,fatti da un “figo” vengono tollerati ,gli stessi atteggiamenti fatti da me ,sono molestie ,sembra quasi che per i brutti ,ma chiamiamoli anche uomini beta sia male esistere …

  14. raffaele permalink
    7 giugno 2012 17:47

    Mauro, non ero entrato nella vicenda di quell’ individua, non la conosco e non la voglio conoscere, se sia vera o no è una questione che non riguarda me ma le autorità competenti(se ha sporto denunzia), quindi non mi permetto di giudicare sulla veridicità o meno di ciò che lei ha raccontato di aver subito.

    Ciò che osservavo invece era questo: se queste persone hanno una percezione così grossolana e distorta della violenza arrivando addirittura a dire che chi sfiora o a tocca il sedere il decollè di una donna ha commesso violenza sessuale(e non invece un semplice gesto scostumato e riprovevole) tale addirittura da trovare giusta una sua condanna per questo reato, bè significa che non sanno cosa è veramente la violenza e che quindi quando millantano di aver subito violenza, un dubbio è più che lecito averlo.

    “atteggiamenti ,fatti da un “figo” vengono tollerati ,gli stessi atteggiamenti fatti da me ,sono molestie ,sembra quasi che per i brutti ,ma chiamiamoli anche uomini beta sia male esistere”(Mauro) …

    Infatti, le femministe e simili provano un disprezzo al limite del nazista verso gli uomini brutti e che loro chiamano spregiativamente “sfigati”. Nei loro blogs e forum è tutto un dileggio verso gli uomini brutti, e questo anche nella pagina FB “Stima ai sessisti…”. Tu che conosci bene questi blog, siti e forum e pagine, lo sai meglio di me e infatti noto che più di una volta lo hai fatto notare.

  15. 7 giugno 2012 18:16

    veri Raffaele ,a me rompe i coglioni l’ipocrisia ,niente stereotipi e cavolate varie ,eppure non mancano di farti notare che il tuo dissenso (ma una donna potrà anche sbagliare o no? ) deriva solo dal rancore e da quante seghe ti fai …cerchi il confronto ,ma loro si negano (ma sempre nella piena libertà di parola 😀 ) eppure sono convinto che scrivessi un post del tipo …troie ,puttane ecc ecc allora lo metterebbero ad esempio di un mondo maschilista ,quasi sembra che ,per farti sentire devi essere volgare ,non è il modo di essere …

  16. giovanni permalink
    8 giugno 2012 09:20

    sì è vero quello che ha subito mary è grave, però questo non significa che bisogna arrivare a essere estremisti e severissimi verso chunque… sarebbe come se uno che ha subito una rapina diventa estremista severissimo e ultraintollerante verso chi ruba un pacchetto di caramelle o una scatola di cioccolatini…

    • Mary permalink
      12 giugno 2012 20:46

      Secondo il tuo ragionamento, visto che sono stata violentata dovrei odiare tutti gli uomini ma mi dispiace deluderti ma non è così (ho amato tanti fidanzati dopo di quel fatto).

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 06:59

        non volevo certo dire questo, invece… secondo il mio ragionamento visto che hai subito quella cosa sei diventata estremista nel condannare e nel voler punire qualunque gesto non gradito e non corretto…

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 11:29

        Secondo te un gesto non gradito dev’essere premiato?
        Cioè se un giorno uno mi palpa il culo e lo prendo a cazzotti perchè non mi piace sarei un’estremista. Non dico che dovrei mandare in galera un palpeggiatore ma ci sono donne che vengono traumatizzate e che gestiscono il gesto come un abuso bruttissimo e secondo te non è libera di denunciarlo?
        La maggior parte delle donne reagisce al palpeggiatore ma ho sentito di donne che sono state malmenate dallo stesso soggetto solo perchè si sono difese, se ci sono casi come questi pensi che non ci sia bisogno di una legge che tuteli da questi reati?

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:13

        ho forse detto premiato? non mi pare! prendere a cazzotti è un tantino troppo direi… schiaffi è un conto ma cazzotti si va oltre… vengono “traumatizzate” da una toccatina di un attimo?! mi sa che queste hanno già qualche problema… se ci sono casi in cui una che reagisce viene malmenata come ci sarà bisogno di una legge – e c’è infatti – che punisce chi malmena!

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 15:52

        un tantino troppo? ti preoccupi più per lui che per lei? Adesso una donna deve avere qualcuno che le dice pure in che misura deve difendersi’ non basta che vuoi la depenalizzazione ma anche il limite di difesa.
        Se c’è la legge INTENDEVO per evitare che una, in mancanza di quest’ultima, debba sentirsi costretta a difendersi e così rischiare la reazione del maniaco perchè non c’è la legge che la tutela. poi non tutte riescono a difendersi ci sono donne che si chiudono in se stesse e hanno paura e si bloccano, cosa facciamo non le difendiamo con una legge?

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 18:45

        non devo dire che CAZZOTTI sono un tantino troppo? abbiamo visto dall’articolo che due cazzotti hanno provocato un trauma al setto nasale!!!una toccatina darà fastidio, ma al di là di questo, dolore non ne provoca, lesioni non ne provoca, danni non ne provoca!non è questione di preoccuparsi più per lui che per lei, ma quel che è troppo è troppo!direi lo stesso anche se una tocca il sedere di uno e lui la prende a pugni!
        difendersi? scusa ma una toccatina di un attimo sarà fuori luogo ma non è certo un’aggressione da cui difendersi…
        parti dal presupposto che uno sia un maniaco…scusa ma una donna che fa questo tipo di gesti a me nn viene proprio di giudicarla una maniaca!!!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 20:05

        se lo prendi addirittura a cazzotti sì direi che sei estremista!!!

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 15:59

      E poi ricordati che la legge italiana vieta la difesa personale e ne so qualcosa visto che ogni tanto riportano notizie di donne denunciate perché hanno reagito ad una molestia, quindi immaginati senza nemmeno una legge che tutela dalle molestie…finirebbero solo le donne in galera per aver dato uno schiaffo, un calcio o un pugno al maniaco.

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 18:48

        ah beh se hanno reagito in chissà che modo spropositati e violento, picchiando chissò quanto, ci credo che sono state denunciate!!!ecmq denuncia non corrisponde a condanna, sono due cose diverse, non è detto che poi siano state condannate…per uno schiaffo non credo si possa finire in galera…e cmq voler che qlkno finisca in galera x uno schiaffo mi pare assurdo e esagerato tanto quanto volere che ci finisca per una toccatina al fondoschiena…

  17. Damien permalink
    11 giugno 2012 04:24

    io non sono daccordo con voi..
    il problema non sono le donne, ma gli uomini.. o sarebbe meglio dire.. gli ometti..

    vi faccio un esempio.. se qualcuno venisse dietro di voi e tentasse di buttarvelo nello sfintere.. voi che fareste?

    -alcuni si girerebbero
    -alcuni apprezzerebbero
    -alcuni urlerebbero indignati ma non muoverebbero un solo muscolo per evitare la penetrazione

    Le possibili risposte suddette sono tutte giuste, la prima in quanto generalmente gli uomini sono eterosessuali, ma questo non significa che la seconda risposta sia errata, in quanto ci sono anche gli omosessuali, tuttavia l’ultima risposta evidenzia perfettamente, a mio parere, non solo la grande maggioranza del pensiero maschile italico, ma anche tutto il sistema legale, economico e sociale ad esso legato.

    Tuttavia, queste risposte hanno in comune un solo punto: è legittimo prenderlo nel qlo!

    Nelle risposte di cui sopra c’è il motivo per cui le donne, oggi, possono permettersi di continuare a fare quello che vogliono dinanzi agli uomini, perchè il problema, appunto, sono gli uomini! pochi sono quelli che “si girano”, pochi sono quelli che “apprezzano” ma è la maggioranza che consente alle donne di continuare a buttarcelo nel qlo!

    Non credevo di arrivare a tanto ma devo dire che sono daccordo con le donne: l’uomo è un animale, perchè ha smesso di ragionare, di usare la logica, ha calpestato secoli di rispetto verso il “diritto”, verso il senso civico, la sua scarsa capacità intellettiva ha permesso alle donne di manipolare i suoi destini grazie all’uso sapiente di un mero apparato riproduttivo, pertanto l’uomo merita quello che gli succede.

    L’uomo, in quanto uomo, dovrebbe incazzarsi.. quelli di oggi, no.. quelli di oggi sono con le donne, quelli di oggi preferiscono prenderlo nel qlo!

  18. 11 giugno 2012 14:34

    Damien ,innanzi tutto scusa per il ritardo dell’approvazione ,se fosse per me ,non metterei mai la moderazione comunque benvenuto …
    Hai detto delle cose condivisibile ,altre meno ..che ci siano uomini disposti ,per un pochino di gnocca a farsi prendere e farselo mettere nel culo ,è pacifico ,ho un esempio in casa con mio fratello ,quindi…
    Ma ci sono altri uomini ,e speriamo che siano sempre di più ,pronti a reagire ,ma non nel senso di fare la donna schiava o picchiare le donne (sempre meglio precisarlo questo,con tutte le femministe che mi seguono 😀 ) ma è un cammino duro e faticoso Damien ,porto il mio esempio ,io all’inizio potevo essere considerato un “zerbino” ma poi ho visto che non si era contro un sistema dominante ,ma si era contro gli uomini tutti ,nessuno escluso (va beh fuori che 4 maschietti pentiti ) ,ed ho capito che c’era qualcosa che non quadrava ,dobbiamo partire da questi uomini e convincere gli indecisi ,verso di noi ,non sono cosi pessimista ,ultimo esempio ,sempre mio fratello all’8 marzo …
    Un paio di anni fa aveva portato le mimose (6-7 adesso non ricordo ) ,quest’anno gli domando “niente mimose” ? La sua risposta “ho già dato”,piccolezze ,ma sono segnali importanti

  19. Mary permalink
    12 giugno 2012 20:41

    La tua facoltà di prendere le mie parole de-contestualizzarle e manipolarle a tu piacimento mi fa quasi invidia.
    Ho usato quell’espressione, anche se fiera di essere nata donna, proprio per il fatto che, a dispetto di quello che vuoi dimostrare, le donne sono MOLTO più esposte alla violenza sessuale. Io infatti parlavo di violenza sessuale di vario genere e il fatto che poi tu ne esci con “anche le donne picchiano gli uomini” “che pure noi rubiamo” ecc non centra un fico secco di nulla. Non esistono le donne che stuprano gli uomini proprio perché è un dato culturale oltre che biologico e non perché le donne sono più buone ma perché è impossibile che una donna stupri un uomo, salvo alcuni casi rari.
    Il fatto che anche la donna sbagli, (ma chi lo sta negando??) allora significa che quelle che subiscono violenza non meritano protezione e tutela?

    “Magari nessuna ci stupra , ma dobbiamo sempre dimostrare qualcosa ,non ci è concesso di non avere paura ,di provare emozioni e sentimenti”

    Ma chi ha detto che io sono d’accordo sul fatto che l’uomo non deve mostrare sentimenti ed emozioni?
    Sono la prima che mi incazzo quando sento un padre che sgrida un figlio che piange dandogli della femminuccia. Questo a me sembra un sopruso quanto negare alle donne le voglie sessuali perché è sbagliato e poco femminile.

    Questi atteggiamenti poi sono spesso i padri a tramandarli, come le donne (e io denuncio spesso) continuano a tramandare stereotipi e tabù. Quindi bisogna incazzarsi anche con la mentalità di certi uomini.

    I lavori usuranti? pensi che le donne non facciano lavori usuranti???
    Magari lavoriamo di meno di voi ma non perchè scegliamo di starcene a casa, ma ci sono tantissime donne operaie dalle mie parti figuriamoci al nord italia! E poi in certi lavori che tu chiami usuranti le donne non vengono nemmeno assunte proprio perchè fisicamente più deboli quindi non sono le donne a non scegliere lavori “usuranti” molto spesso. se un datore si trovasse davanti una donna chiedendo posto come muratora, sarebbe il primo a rifiutarla e mandarla a casa perchè donna. Quindi…
    Questo però non c’entra con nessuna fortuna ma per farti capire che le donne vorranno una vita più agiata come lo vorranno gli uomini ma se c’è un lavoro usurante in tempo di crisi lo accettano o lo chiedono ma il datore sarà sempre propenso ad assumere l’uomo perchè lo ritiene più adatto ai lavori manuali. Io reputo discriminante anche questo.
    Anche i lavori casalinghi sono usuranti forse anche di più perché oltretutto non vengono pure retribuiti e gli incidenti domestici sono numerosi.

    Per quanto riguarda la battuta della pipì e le mestruazioni io sono contenta di avere il ciclo, forse perchè “silenzioso” nel senso che non mi da mal di pancia sarà fortuna non so’ e ti informo che non ci penso due volte a calarmi i pantaloni e fare pipì dove capita quando sento il bisogno…Quindi anche la battuta non te la passo!

  20. giovanni permalink
    13 giugno 2012 07:29

    http://comunicazionedigenere.wordpress.com/2012/06/12/la-retorica-dei-giornali-maschili/
    “guai essere brutti” è proprio la logica femminista!
    Sono favorevole al ceffone
    chissà perchè non sono affatto sorpreso!
    per coerenza, però, non ci si dovrebbe scandalizzare se è un uomo a dare un ceffone a una donna…

  21. giovanni permalink
    13 giugno 2012 07:31

    il ceffone basta e avanza anche nel caso di una pacca o cmq una toccatina al sedere, non è mica una cosa da poco ricevere un ceffone, specie se davanti ad altra gente, cosa credi?

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 11:34

      Ah non avevo letto questo commento…
      Ho sentito donne che hanno reagito con il ceffone e sono state malmenate dallo stesso. Pensi che tutti con un ceffone capiscano che hanno sbagliato?
      Perchè non ci ha pensato mamma o papà a daglieli quando era piccolo per capire che queste cose non si fanno?
      Il molestatore quando si becca un ceffone se non è violento si allontana e poi riprende a palpare il sedere di un altra, se è violento reagisce a malo modo come mi racocnto mio padre che sul tram ha assistito ad un scena in cui un maniaco ha picchiato una ragazza perchè ha reagito ad una pacca sul sedere…per questo che la legge è necessaria a tutelare le donne e non si discute. Voi NON SIETE LEGITTIMATI A TOCCARE IL CULO DI UNA DONNA PERCHè IL CORPO DELLE DONNE è SOLO NOSTRO. E non dirmi che questa frase è estremista perché dire che il corpo è mio è sacrosanto perché il mio corpo NON appartiene a nessuno e molti uomini (compresi voi) dovete capirlo! Quindi ben venga il carcere se una è turbata dalla palpata al sedere e lo denuncia.

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:25

        va bè uno che malmena è proprio un criminale, vai a prendere il caso limite!!!
        si allontana e poi riprende a palpare il sedere di un altra
        va bè ma tu parli proprio di una specie di maniaco malato!anche in questo casi parli di casi estremi…
        come mi racocnto mio padre che sul tram ha assistito ad un scena in cui un maniaco ha picchiato una ragazza perchè ha reagito ad una pacca sul sedere
        ok nn metto in dubbio quello che dici sia successo, ma anche in questo caso si tratta di un caso estremo, maniaco e pure violento…
        ah si non ci discute certo trattiamo da criminale delinquente un uomo che fa un certo tipo di gesto… e se lo fa una donna?ci trarriamo anche lei? ma io se vedo una che tocca il sedere di uno non me la sento di trattarla da delinquente e rovinarle la vita, ma tu se sei coerente con tuo atteggimaneto estremiste punitito integralista e intollerante dovresti farlo!

        “Quindi ben venga il carcere se una è turbata dalla palpata al sedere e lo denuncia” ma ti rendi conto di quello che dici??? ben venga??? non si può arrivare a tanto!!!c’è un limte a tutto!!!!già denunciare è troppo, ma carcere poi, ma ci rendiamo conto???la vita di un uomo, la sua libertà, la sua dignità, non valgono niente??? a sentire quello che scrivi la risposta sembra essere sì!!!volere addirittura mandare in carcere uno x una toccata di un attimo è pure cattiveria e crudeltà!

        Voi NON SIETE LEGITTIMATI A TOCCARE IL CULO DI UNA DONNA PERCHè IL CORPO DELLE DONNE è SOLO NOSTRO
        allo stesso modo voi non siete legittimate a trattare da delinquente uno x una cosa simile, a accanirvi, a volergli rovinare la vita ecc!!!

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 16:58

        La magigor parte reagiscono con violenza o insistono e continuano a toccare come nulla fosse…Non lo sai che il regolamento italiano poi vieta la legittima difesa’ cioè io devo andare in galera solo perchè ho reagito ad una molestia e lui mi ha molestato e se ne sta libero?? NO MEGLIO CHE VADA IN GALERA LUI PIUTTOSTO CHE IO CHE PASSO DA CRIMINALE PER AVER REAGITO MENTRE LUI SE NE STA TRANQUILLO A MOLESTARE ALTRE IN GIRO quindi ben venga la legge perché non ci sarebbe altro modo per consentire alle vittime di difendersi. E poi che intendi con toccatina fugace, pacca eccetera?
        intendi la mano rovescia che colpisce il sedere di una donna come una specie di sculacciata? perché io intendo la molestia sessuale come palpeggiamento e le mani morte la più frequente….

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 16:59

        comunque la finiamo qua perché vedo che continui a non capire in ogni modo ben lieta di essere fisicamente distante da te!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 18:52

        non mi pare proprio che sia vietata la legittima difesa…l’eccesso semmai!!!
        certo se una riempe di botte uno che le ha toccato il fondoschiena si spera che quello che ha fatto sia contro la legge!certo, vista l”importanza enorme che ormai i giudici danno a una toccata di un attimo, credo che ci voglia non poco perchè reputino eccessiva una reazione…

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 19:01

        se gli dai uno schiaffo non credo proprio che vai in galera nè che lui ti denunci!!!!certo se lo massacri di botte la cosa cambia 1 pò…
        passi da criminale per aver reagito? guarda che se la reazione non è CRIMINALE nessuno ti reputa una criminale, non passi da criminale tranquilla!!!se hai tutta questa paura di passare da criminale e addiritura di finire in galera forse è perchè – ovviamente spero non sia così – tu stessa pensi che perderesti il controllo e saresti capace di chissà quale reazione violenta!!!spero non sia così chiaramente ma il sospetto è inevitabile che nasca…meglio che vada in galera lui???mah non ho parole… ma una cosa ragionevole e proporzionata, no???? manco avessi detto che vuoi che venga condannato a una multa notevole, galera, ma scherziamo???ti rendi conto di quello che dici???? qui si critica chi fa certe cose perchè mostra poca cnsiderazione e sensibilità verso gli altri, il punto di vista altrui, la sensibilità altrui, ma certo che arrivando a fare i discorsi che fai tu e arrivando a essere intolleranti e vendicativi come lo sei tu si mostra molta meno considerazione e sensibilità!!!parlare di galera mi pare veramente cattiveria!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 19:34

        lieta di essere fisicamente lontana?? questo lo trovo veramente offensivo…
        di che ti preoccupi, mica mi metterei a allungare le mani!!!tranquilla!!!!

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 11:46

      non ti se chiesto perché uno tocca il sedere? cosa si aspetta da una donna? un sorriso? un grazie? cosa?
      Lo fa per dare fastidio perché nessuna si eccita se uno sconosciuto le tocca il culo. La psicologia femminile è diversa da quella maschile e voi uomini dovete capirlo. Una donna ha un tipo di eccitazione di tipo visivo e l’eccitazione femminile arriva quando la donna prende iniziativa attiva nell’atto sessuale. Infatti la donna quando vuole fare sesso se lo sceglie lei l’uomo.
      Smettetela di vedere la realtà come un film porno perché non è così. Nemmeno la più vogliosa si ecciterebbe se uno sconosciuto la toccasse.
      Basta evitare di toccare una donna e così vi evitate le denunce…Sai che la molestia può essere una fase precedente ad uno stupro?
      Sai che molte denunciano perchè terrorizate e perchè ci passa poco che uno può anche violentarti (come è successo a me)..Quindi evitiamo di difendere i molestatori e iniziamo ad insegnare che non si tocca il corpo femminile senza il consenso della donna perchè non è roba vostra e il sesso si fa anche per soddisfare le donne!!
      Non penso che sarete contenti se vostra figlia tornasse a casa raccontandovi che vi ha molestato come minimo le consigliate di denunciare..ma siete ipocriti per voi tutte sono puttane tranne le vostre donne…!!!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:34

        magari non lo fa con l’intento di dare fastidio, ma solo x fare una bravata, x fare lo scemo…e nonn dirmi che “difendo i molestatori”, che non è così, semplicemente di fronte a certi estremismi si fa fatica a restare zitti… non difendo nemmeno i ladri, ma se uno che ruba due mele viene condannato a due anni di carcere, mi pare un tantino esagerata la cosa!!!così come se un rapinatore in fuga e x nulla pericoloso viene barbaramente ucciso con un’arma da fuoco!
        Sai che la molestia può essere una fase precedente ad uno stupro?
        beh magari in un caso su cento…

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 13:43

        Basta evitare di toccare una donna e così vi evitate le denunce
        beh ci manca solo essere denunciati per qualcosa che non si è fatto…
        ma cmq una toccatina (al sedere, nemmeno al seno) non può arrivare a giustificare una denuncia!!!allora parafrasando la tua frase, si può dire “basta evitare di toccare e si evita di essere picchiati malmenati presi a calci a coltellate a bastonate ecc”…beh grazie ci manca solo che una faccia certe cose senza che uno l’ha nemmeno toccata…ma se anche uno la tocca non si può certo giustificare o ammettere qualunque reazione!

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 14:51

        Di quakle bravata parli? possibile che manco ti curi di cosa può provare una donna molestata’ hai così rispetto del corpo femminile? tu pensi che il corpo delle donne sia un oggetto da toccare quando volete..eh no che non lo è perchè io se spacco la faccia a chi mi tocca poi ho ragione di farlo perchè se l’è cercata, se scatta la denuncia da parte di una signora molestata lo stesso se l’è cercata e non venirmi a dire che non è così perchè bastasse evitare certi atteggiamenti se non si vuole vedere la reazione della vittima…cosa credi che la vittima umiliata dovrebbe dire grazie o subire passivamente?

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 19:13

        ma cosa dici??? a parte che non ho detto che non mi curo di cosa possa provare una donna, ho solo detto che magari uno non lo fa con l’intento di dare fastidio, ma lo fa x fare una bravata… poi che dici scusa, spero proprio tu ti sia espressa male perchè sennò sarebbe gravissimo quello che dici…
        se tu spacchi la faccia a uno hai ragione di farlo????? ma che dici????? non hai scritto dai uno schiaffo, ma SPACCHI LA FACCIA???ti rendi conto??? ma sei impazzita???? per una toccata di un attimo??? che vuoi fare mandare all’ospedale uno??? rompergli il setto nasale??? procuragli un trauma cranico??? poi non si deve dire che siete estremiste integraliste ecc??? se pensi davvero queste cose gravissime allora ci credo che hai paura di essere denunciata passare da criminale e finire in galera per via della reazione!!!ma sei pazza??? poi non fai/fate altro che fare discorsi contro la violenza…e nello stesso tempo vieni a fare questi discorsi??? parli di SPACCARE LA FACCIA???? spero tu ti sia espressa male xkè sarebbe veramente gravissimo quello che hai scritto!!!poi vieni a dare lezioni di etica sul fatto che non si fanno certe cose…anche solo pensare di fare certe cose è VIOLENZA vera e propria, non una toccatina (e non difendo o giustifico le toccatine, solo dico come stanno le cose)
        se non si vuole vedere la reazione della vittima
        ma che c’entra, allora mica qualunque reazione è accettabile e tollerabile!!se una da un calcio e rompe un osso a uno, è da condannare pienamente non certo da difendere o addirittura giustificare!
        cosa credi che la vittima umiliata dovrebbe dire grazie o subire passivamente?
        ma ho mai detto una cosa simile???non faccio altro che dire che c’è modo e modo di reagire!!!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 19:32

        Lo fa per dare fastidio perché nessuna si eccita se uno sconosciuto le tocca il culo
        secondo te se una ci tocca il culo noi ci eccitiamo?

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 20:13

        tu pensi che il corpo delle donne sia un oggetto da toccare quando volete
        ma chi l’ha detta una cosa simile??non l’ho detta e non la penso minimamente!!!non è che perchè uno non approva gli estremismi allora vuol dire che pensa la cosa ingobile che tu gli hai attribuito…

    • giovanni permalink
      13 giugno 2012 20:11

      E non dirmi che questa frase è estremista perché dire che il corpo è mio è sacrosanto perché il mio corpo NON appartiene a nessuno e molti uomini
      la frase di per sè non è certo estremista, ma se si porta il concetto alle estreme conseguenze, senza limiti, si è estremisti!!!non volere che uno rubi i pomodori che uno ha nel proprio orto non è estremista, ma se uno vede un tizio che prende un pomodoro e reagisce malmenandolo il suo comportamento è estremista!

  22. raffaele permalink
    13 giugno 2012 11:55

    “Quindi ben venga il carcere se una è turbata dalla palpata al sedere e lo denuncia.”

    Turbata? allora mandiamo in carcere ogni persona dal cui comportamento un’ altra persona si sente “turbata”? Alla faccia dell’ oggettività del reato! Io ad esempio mi sento turbato quando una donna va con il sedere fuori in luogo pubblico giocando sui miei ormoni senza il mio consenso, allora seguendo il tuo ragionamento chiedo la galera per le donne che vanno in giro vestite come zoccole in luoghi pubblici? Questo criterio della soggettività del reato(“quando MI sento turbata”) vale solo per voi?.
    Essere in malafede che non sei altro, qui nessuno sta dicendo che palpare il culo di una persona sia giusto(anzi! è un gesto maleducato e incivile) ma da qui a dire che debba essere considerata una violenza e per di più condannarla finanche con il carcere è criminale e assurdo, e inoltre denota una vostra distorta percezione a riguardo della violenza(se essere solo toccati il sedere è una violenza, essere massacrati di botte cos’è??) che offende le vere vittime di violenza, uomini o donne che siano.. Non è che un comportamento errato debba essere necessariamente sanzionato con il carcere, questo a voi mentecatte femministe non entra proprio in quella testa piena di liquame, e zero neuroni, che vi ritrovate. Se punissimo ogni comportamento errato con la galera, nessuno si ritroverebbe più libero. Uno che rompe la faccia ad una persona in galera non ci va, mentre se fa una brevissima e fugace toccatina sul jeans di una donna va in galera. Bella “giustizia”, eh!Voi invocate solo galera, e meno male che vi proclamate di “sinistra” e “antiautoritarie”. Siete delle fasciste, ecco quello che siete.
    E il fatto che questa società e questi tribunali puniscono la palpatina sul culo e addirittura anche “lo sguardo insistente” nei confronti di una donna, il tutto mentre le donne che uccidono i loro figli e mariti si ritrovano libere, dimostra che questa è tutt’altro che una società “maschilista”.

    Mauro, davvero, ti consiglio di bannarla a questa vipera, mi offende, io che sono una vittima di violenza(violenza impunita perchè per legge solo la c,d “violenza sessuale” viene punita) non posso accettare i suoi infami discorsi.

    • giovanni permalink
      13 giugno 2012 13:29

      Se punissimo ogni comportamento errato con la galera, nessuno si ritroverebbe più libero

      concordo pienamente!!!ma il buon senso e il senso della misura ormai non ci sono più!!!!

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 14:56

      Caro Raffaele tu ragioni come il classico che pensa che il corpo NON appartenga alla donna. SE IL CORPO APPARTIENE ALLA DONNA E’ LIBERA DI USCIRE COME CAZZO VUOLE PERCHE’ NON STA FACENDO DEL MALE A NESSUNO.Tu sei il classico molestatore che si vorrebbe giustificare e che considera il suo comportamento più lecito di quello di una donna che è libera di fare quello che vuole e vestirsi come le pare. SE UNA DONNA NON E’ LIBERA DI VESTIRSI COME VUOLE POI PERCHE’ UNO STRONZO DOVREBBE ESSERE LIBERO DI MOLESTARE IMPUNEMENTE? allora vedi che consideri le donne come esseri inferiori che non hanno diritto di avere un corpo proprio e tu offendi le donne, offensi la nostra femminilità perchè vestirsi scollate non significa essere zoccole…Poli magari sei il primo che critichi il talebano che picchia la moglie all’occidentale…se poi vorresti mandare in galera chi indossa una minigonna.Sei solo un poveraccio frustrato sessualmente (perchè ujna persona che non è frustrata nn ha bisogno di molestare o giustificare ma condanna le molestie) hai poco rispetto delle donne e saicosa ti dico, che fanno bene a non dartela!

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 19:16

        ok che lui è stato offensivo e scortese verso di te prima, ma anche tu non scherzi… non hai un pò esagerato???
        poi non è certo un “molestatore”, ha scritto chiaro e tondo che non ha mai fatto certi gesti…

  23. raffaele permalink
    13 giugno 2012 12:04

    “Raffeale tu non sei donna e non sai cosa subisce una donna quando viene violentata o molestata.”

    Ah quindi l’essere Donna rende l’esclusiva del dolore di una violenza?? Il vostro corpo e la vostra dignità valgono di più rispetto al corpo e alla dignità di un uomo?Ma che dici, sessista! Ma chi ti credi di essere?? Tu invece non sei ME, quindi non sai cosa significa ritrovarsi pestati e linciati da omoni il doppio di me istigati dalle loro femmine, quindi taci.Una palpata sul culo o uno stupro più grave di un linciaggio e pestaggio?? Ma come ti permetti?? Caccia prove oggettive che dimostrano questa tua affermazione? Lo stupro è violenza psicologica? può essere, ma lo è anche ritrovarsi pestati e linciati. Soprattutto lo stupro è punito severamente, il pestaggio, le lesioni e le torture invece no!!! Questa è la differenza, e non da poco!!

    Una toccatina fugace al culo lede la dignità della donna? addirittura? Io sono statoi varie volte palpeggiato da omosessuali, certamente la cosa mi ha dato molto fastidio, ma non per questo l’ho messa dal punto di vista della “dignità dell’ uomo eterosessuale” nè tantomeno l’ ho percepita come violenza al punto di denunciare!. E meno male che eravate voi quelle che sopportano meglio il dolore. Cialtrone!

  24. raffaele permalink
    13 giugno 2012 12:13

    “Stuprare una donna è come ammazzare simbolicamente la sua soggettività e il tuo commento è un apologia del reato di stupro.”

    Ammazzare, linciare o prendere a botte un uomo è come ammazzare la sua soggettività e il tuo commento è un apologia del reato di omicidio, linciaggio e lesioni contro esseri umani di sesso maschile. Sei fregata, baby.

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 14:59

      Per quanto io sono contro la violenza fisica, le botte che le donne subiscono molte volte dai mariti, giudico lo stupro molto peggio di una violenza fisica perchè riduce la donna ad un oggetto con un corpo non suo..cosa pensi che lo stupro non meriti una pena pesante?Meriterebbero la castrazione fisica chi stupra perché incapace di usare il pene per dare amore, piacere e per scopi biologici.

  25. raffaele permalink
    13 giugno 2012 12:36

    “Una donna ha un tipo di eccitazione di tipo visivo ”

    Non so, ma questa è proprio la caratteristica dell’ eccitamento maschile, vedere una donna in atteggiamento provocatorio ed eccitarsi(quindi anche contro la propria volontà, quindi seguendo il vostro ragionamento, ciò si configura come “molestia”) fa parte propriod el tipo di eccitamento proprio della maschilità. Ecco perchè le donne amano andare vestite in modo succinto,perchè sanno che ne traggono guadagno in quanto essere oggette di desiderio fa porre gli uomini in uno stato di soggezione emotiva e psicologica nei confronti delle desiderate. Chiamasi Potere Sessuale, ed è grazie a questo che molte donne salgono posti nella società e nella politica senza merito alcuno ma solo grazie alla seduzione. Tu che ne sai della sessualità di noi uomini, cara ochetta?

    “Smettetela di vedere la realtà come un film porno perché non è così.”

    Veramente la pornografia e ogni immondezza sessuale(purchè sia al femminile, sia chiaro) la sostenete proprio voi femministe. Noi antifemministi siamo per l’etica sessuale.

    “Infatti la donna quando vuole fare sesso se lo sceglie lei l’uomo.”

    Ecco, voi avete il coltello dalla parte del manico nel corteggiamento in quanto decidete voi chi accettare e chi scartare. Quindi siete in uno stato di vantaggio nell’ ambito delle relazioni sentimentali e sessuali. L’ umiliazione di sentirsi rifiutati perchè esili e quindi non grossi e muscolosi(come piace voi femmine) ha un retrogusto nazista(“della serie, il più fortte va avanti, il più debole soccombe) E meno male che sareste voi le “oppresse”.

    “Basta evitare di toccare una donna e così vi evitate le denunce…”

    Mai palpato il culo di una persona, donna o uomo che sia, senza il suo consenso. Il fatto è che, cara testolina, tu fai coincidere ogni comportamento errato con il carcere. Ed è questo ciò che ti contesto.

    “Sai che molte denunciano perchè terrorizate e perchè ci passa poco che uno può anche violentarti (come è successo a me)..”

    La Teoria della Guerra Preventiva. Si punisce in base a non ciò che ha fatto ma in base a ciò che si presume o si paventa che possa fare. Il criminale di guerra Bush se legge il tuo commento ti applaude.

    “Quindi evitiamo di difendere i molestatori e iniziamo ad insegnare che non si tocca il corpo femminile senza il consenso della donna perchè non è roba vostra e il sesso si fa anche per soddisfare le donne!!”

    Quindi evitiamo di difendere uomini grossi e muscolosi(che tanto piacciono a voi femmine) che istigati dallo loro femmine massacrano di botte uomini piccoli fisicamente , smettiamola di difendere quelle donne che ammazzano i loro figlioletti o i loro mariti, smettiamola di difendere le donne che denunciano falsi stupri. Noi condanniamo i molestatori(quelli veri, non quelli da voi inventati), tu invece condanni le donne assassine e calunniatrici?

    p.s: dal momento che neghi che ci siano denunce e condanne per “sguardi insistenti”, leggi qui:

    http://www.90011.it/articolo.asp?idnotizia=3342

    comunque io la chiudo qui, perchè discutere con queste è tempo perso.

  26. raffaele permalink
    13 giugno 2012 13:22

    “Quindi non ti permetto di dire che lo stupro è meno di un omicidio ”

    Non permetti chi, cialtrona?? Ma chi ti credi di essere?Come ti permetti di dire che chi viene ammazzato, cioè privato della vita,subisce un danno minore rispetto ad un coito non consensuale? Non puoi permetterti di giudicare la gravità di una violenza in base al tuo personalissimo e soggettivissimo distorto sentire!!! Per giuducare la gravità di una violenza ci vogliono parametri oggettivi, in quanto c’è anche gente che si suicida per il dolore subito per un brutto voto scolastico o per la sconfitta della propria squadra del cuore.

    Un omicidio è oggettivamente più grave di un coito non consensuale, sia per danno fisico che psicologico(cioè per i cari della vittima). Il fatto che dallo stupro si può subire anche contraccolpi psicologici questo è fuori dubbio, ma questo vale anche per le altre violenze, e non solo per lo stupro. Io che ho subito violenza(il mio corpo fatto a polpette con centinaia di calcioni e cazzotti da parte di un Mostro Femminista che agiva dietro istigazione della sua Femmina, peggio di quanto millanti di aver subito tu) lo so di cosa parlo, soprattutto so cosa significa un omicidio, dal momento che ho avuto un padre ammazzato(omicidio colposo, ma rimasto impunito), perciò cara cialtrona chi non deve permettersi di fare paragoni sei proprio tu.

    “, se ci sono casi come questi pensi che non ci sia bisogno di una legge che tuteli da questi reati?”

    Allora cara ragazza diversamente intelligente, che leggi vuoi ancora più se per il reato di c.d “violoenza sessuale” sono state abolite tutte quelle garanzi4 processuali e carcerarie che valgono per tutti i tipi di reato(compreso omicidio e strage)?? Non vi basta che questa “politica maschilista” vi fa leggi deliberatamente anticostizionali che hanno abolito per quanto concerne questo reato l’onere della prova a carico della ‘accusa, legge gozzini e introdotto l’ obbligo del carcere preventivo?? Sai il decreto legge del febbraio 2009, chiamato Decreto AntiStupri su cui anche il CSM e la Corte Costituzionale diedero pare negativo? Cosa volete più?? l’ergastolo, la tortura la castrazione, la pena di morte? Ah, e meno male che voi sareste le “antiautoritarie”!

    Guarda un un pò qui:

    http://ilvolodidedalo.blogspot.it/2012/02/esempio-di-disinformazione-femminista.html

    http://ilvolodidedalo.blogspot.it/2010/01/processo-breve-e-reati-sessuali.html

    Fine della discussione, non leggerò le sue eventuali repliche perchè già nel leggere le porcherie che ha scritto questa tizia è come se avessi inghiottito una tonnellata di merda. Ora basta.
    saluti.

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 15:03

      Secondo te il dolore dei cari della vittima conta di più del colore della vittima? ma che bella concezione che hai della donna, un oggetto di mero possesso, in qualità solo di madre, moglie, figlia o sorella ma mai di persona. Sei solo una persona analfabeta mentale che hai poco rispetto per chi una VIOLENZA SESSUALE l’ha subita veramente. Ti da fastidio che ora le donne denunciano una violenza e non stanno più zitte. Ti piacerebbe che le donne tornassero a subirle in silenzio?

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 15:03

        dolore non colore

      • Mary permalink
        13 giugno 2012 15:03

        nn si sa mai che qualcuno leggendo poi mi da della razzista

      • giovanni permalink
        13 giugno 2012 19:21

        scusa se te lo dico ma nn credo sia contro le denunce di stupri, mi pare abbia solo detto che non condivide l’idea che gli stupri siano peggio degli omicidi

  27. raffaele permalink
    13 giugno 2012 13:23

    “Quindi non ti permetto di dire che lo stupro è meno di un omicidio ”
    Non permetti chi, cialtrona?? Ma chi ti credi di essere?Come ti permetti di dire che chi viene ammazzato, cioè privato della vita,subisce un danno minore rispetto ad un coito non consensuale? Non puoi permetterti di giudicare la gravità di una violenza in base al tuo personalissimo e soggettivissimo distorto sentire!!! Per giuducare la gravità di una violenza ci vogliono parametri oggettivi, in quanto c’è anche gente che si suicida per il dolore subito per un brutto voto scolastico o per la sconfitta della propria squadra del cuore.
    Un omicidio è oggettivamente più grave di un coito non consensuale, sia per danno fisico che psicologico(cioè per i cari della vittima). Il fatto che dallo stupro si può subire anche contraccolpi psicologici questo è fuori dubbio, ma questo vale anche per le altre violenze, e non solo per lo stupro. Io che ho subito violenza(il mio corpo fatto a polpette con centinaia di calcioni e cazzotti da parte di un Mostro Femminista che agiva dietro istigazione della sua Femmina, peggio di quanto millanti di aver subito tu) lo so di cosa parlo, soprattutto so cosa significa un omicidio, dal momento che ho avuto un padre ammazzato(omicidio colposo, ma rimasto impunito), perciò cara cialtrona chi non deve permettersi di fare paragoni sei proprio tu.
    “, se ci sono casi come questi pensi che non ci sia bisogno di una legge che tuteli da questi reati?”
    Allora cara ragazza diversamente intelligente, che leggi vuoi ancora più se per il reato di c.d “violoenza sessuale” sono state abolite tutte quelle garanzi4 processuali e carcerarie che valgono per tutti i tipi di reato(compreso omicidio e strage)?? Non vi basta che questa “politica maschilista” vi fa leggi deliberatamente anticostizionali che hanno abolito per quanto concerne questo reato l’onere della prova a carico della ‘accusa, legge gozzini e introdotto l’ obbligo del carcere preventivo?? Sai il decreto legge del febbraio 2009, chiamato Decreto AntiStupri su cui anche il CSM e la Corte Costituzionale diedero pare negativo? Cosa volete più?? l’ergastolo, la tortura la castrazione, la pena di morte? Ah, e meno male che voi sareste le “antiautoritarie”!
    Guarda un un pò qui:
    http://ilvolodidedalo.blogspot.it/2012/02/esempio-di-disinformazione-femminista.html
    http://ilvolodidedalo.blogspot.it/2010/01/processo-breve-e-reati-sessuali.html
    Fine della discussione, non leggerò le sue eventuali repliche perchè già nel leggere le porcherie che ha scritto questa tizia è come se avessi inghiottito una tonnellata di merda. Ora basta….
    saluti.

  28. 13 giugno 2012 14:50

    rispondo qui un pochino a tutti ..
    Quello che è successo a Raffaele ,è uno dei tanti scopi che mi ha spinto ,prima di partecipare al forum dei brutti e poi di occuparmi di questione maschile ..(come ho detto ,la storia di Raffaele somiglia moltissimo ad un altra storia che ho letto ) ,questi ragazzi picchiati e malmenati perchè “violano” la santità della donna ,chi per uno sguardo chi per altri motivi ,sono considerati degli sfigati e devono pagare ,solo i belli possono permettersi di tutto ,i brutti no ..siamo seri tra un bello e un brutto che compiono le stesse azioni ,il brutto avrà sempre la peggio ..ma veniamo alla violenza ..
    Sia lo stupro e sia i pugni e calci ,rientrano nello stesso piano ..sia sul piano psicologico che fisico ,si tratta sempre di violenza grave
    Il ragazzo che poi si è rivisto ad essere praticamente massacrato ,steso sul pavimento ,pieno di sangue ,non credo che valga di meno di uno stupro …
    Le condizioni psicologiche di questo ragazzo ,che poi ,la beffa ,si è preso una denuncia per molestia (poteva mancare ? ) non mi sembravo migliori di chi subisce uno stupro
    Qui do ragione a Raffaele ,il problema e che due violenze molto gravi ,come lo stupro e il pestaggio “aggressivo” perchè ,subito da un uomo ha sempre meno valore “in fondo è uno sfigato è che vuoi che sia ” non cambia poi molto ,”si ,ma era vestita da zoccola”
    Sembra veramente che il corpo femminile sia sacro ,quello maschile sicuramente meno
    Ma ,lo volete un consiglio ,scendete dal piedistallo e date meno valore al simbolo del “dono” che mettono molti uomini in una sorte di “disagio psicologico” e vedrete che molti stupri e molti femminicidi spariranno

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 15:06

      Stai forse giustificando il femminicidio? quindi è colpa delle donne se vengono stuprate e uccise? magari non è colpa degli uomini che considerano le donne degli oggetti?
      Le donne devono appunto stare su un piedistallo, farsi valere come persone e non come oggetti per far in modo che stupri e femminicidi diminuiscano, le donne devono far capire che valgono come gli uomini che sono sullo stesso piano…

  29. raffaele permalink
    13 giugno 2012 15:17

    Grazie, Mauro, per il tuo intervento che è un esempio di moderazione e di buon senso.La violenza va sempre condannata senza se e senza ma a prescindere dal sesso di chi lo subisce e di chi lo compie, e proprio per questo io che sono vittima di violenza non posso accettare, umanamente accettare, che certe persone solo perchè si sentono sul piedistallo in quanto donne si permettono di considerare il loro corpo e la loro dignità superiore a quella maschile al punto di considerare una pacca sul sedere più grave di un pestaggio, appellandosi alla loro particolare “psicologia” frutto di una distorta, becera cultura(il femminismo, appunto) oltre che di un loro stato psicologico pervertito e pervaso di onnipotenza di Genere. Ha pure la faccia da deretano di permettersi di dire che io stia facendo “apologia di stupro”, lei che ha ridicolizzato e sminuito la violenza che ho subito affermando che è meno grave di uno stupro e addirittura di una pacca sul sedere e che quindi devrei essere donna per sapere cos’è una violenza. Che infamia criminale!

    Proprio per questo, Mauro, non replicherò a sue eventuali repliche, abbandonando quindi la discussione, in quanto queste sono ideologicamente e psicologicamente imbevute di dottrina femminista-femdominista, e quindi sono macchine urlanti a senso unico che negano l’evidenza e ragionano solo dal loro punto di vista femminile. E io non voglio trasformare il tuo blog, che è un luogo moderato, in una arena di combattimento.

    • Mary permalink
      13 giugno 2012 15:48

      Chi ha detto che la pacca è più grave del pestaggio? sono cose che stai aggiungendo tu! dillo ad una donna che viene massacrata di botte dal marito se è peggio una pacca o le botte! Il corpo delle donne ha una dignità eppure voi uomini beta fate finta che non l’abbia. Con la pubblicità, la televisione che rappresenta le donne come oggetti (anche se in questo caso c’è la complicità delle stesse), con l’aumento di stupri e molestie di tipo sessuale verso le donne come se le donne non possedessero il loro corpo. Eh no caro, questa è una questione di controllo del nostro corpo, perchè una semplice pacca anche se nn paragonabile allo stupro e violenza fisica è sempre un atto di controllo del corpo femminile e il messaggio è “tu donna vali solo come corpo o peggio non è nemmeno tuo ma è mio e posso farne ciò che voglio”. Posso almeno io donna considerare il mio corpo una cosa sacra in un mondo dove non lo è considerato tale, ne ho tutta la legittimazione. Non ho sminuito un bel niente offenderei analogamente anche le donne che hanno subito lo stesso, ma ho detto che lo stupro è più grave dal punto di vista di una donna che lo subisce perchè oltre a subire una violenza fisica è anche una violenza psicologica alla sua sessualità “tu sei mia e non tua” e non ho detto che la violenza fisica è meno grave della pacca sul sedere, queste sono cose che hai aggiunto tu! io parlavo di STUPRO o la violenza che ho subito io che non è una pacchetta sul sedere ma ben peggio visto che mi ha stuprata anche se con le dita perchè lo stupro non avviene solo con il pene e la ragazza stuprata all’Aquila lo sa benissimo.
      Palravo del mio caso,dello stupro da me subito ma probabilmente tu lo consideri una pacca o una toccatina fugace ma il mio è stupro che ha lasciato dei segni (che per fortuna con la volontà mia e con sostegno psicologico ho superato) ma mi resta la rabbia ogni volta che sento di donne violentate e di stupratori impuniti e per anni ho avuto paura di uscire di casa pensando che potevo essere aggredita ogni momento, almeno se non sai cosa prova una donna stai zitto, poi comprendo quello che hai subito mi dispiace ma dire che lo stupro è meno grave mi indigna parecchio…

  30. 13 giugno 2012 17:50

    ricapitoliamo
    Raffaele ,vedi che la censura è un arma impropria ,questa mary ha sparato tante di quelle ideologie femministe che dimostra che non ci stiamo inventando niente ,purtroppo è tutto vero ,con la censura questa pensiero non sarebbe uscito perchè ha detto
    -Il corpo della donna è sacro
    -dobbiamo restare sul piedistallo
    E il corpo dell’uomo ? C’e da chiederselo se è sacro oppure no .oppure è un ammasso (brutto nel mio caso) di organi e ossa messe li a caso …uno scherzo della natura ,perchè davanti a tanta “sacralità ” dobbiamo solo che pregare e pentirsi di essere nati dalla parte sbagliata (in fondo siamo violenti e stupidi )
    Loro sono superiori e noi delle “merdine”..in fondo se no che nazifemminismo sarebbe :D.

  31. giovanni permalink
    13 giugno 2012 20:18

    mah, tutta questa sacralità nel nostro corpo non la vedo proprio… si è mai vista una donna che condanni, non dico in modo radicale e estremista, ma semplicemente che condanni, il fatto che sia una donna a fare una toccatina a un uomo? io non l’ho mai vista nè sentita…

  32. raffaele permalink
    13 giugno 2012 22:22

    ” poi comprendo quello che hai subito mi dispiace” (Mary)

    Queste tue parole(che apprezzo e per cui te ne do atto positivamente) mi spingono a darti un ulteriore(e ultimo) chiarimento. Vediamo.

    “Con la pubblicità, la televisione che rappresenta le donne come oggetti (anche se in questo caso c’è la complicità delle stesse), con l’aumento di stupri e molestie di tipo sessuale verso le donne come se le donne non possedessero il loro corpo”

    Questa è una vostra proiezione sulle intenzioni maschili, un processo alle intenzioni. Che ne sapete che un uomo che gradisce guardare una bella donna in tv la consideri un “oggetto”? A me non piace che in tv ci siano veline e donne mezze nude, ma non per questo significa che agli uomini che piacciono le veline considerano le donne degli “oggetti”. Voi che ne sapete? State per caso nella mente degli uomini? Non è che invece siete invidiose delle belle donne in tv? Dopo tutto in tv,non ci sono solo veline ma anche “velini” uomini, cioè uomini mezzi nudi e muscolosi che fanno impazzire il pubblico femminile e l’ 8 marzo milioni di donne vanno nei locali per assistere streap di nudi maschili a pagamento. Due pesi e due misure il vostro, cioè fate ciò che invece condannate se lo fanno gli uomini. Voi potete guardare uomini nudi in tv e nei locali, gli uomini invece non possono guardare donne in costume in tv perchè sennò significa che considerano le donne degli “oggetti”. Che squallida questa vostra doppia morale!

    http://antifeminist.altervista.org/analisimedia/mercificazione_corpo_donne.html

    “ma ho detto che lo stupro è più grave dal punto di vista di una donna che lo subisce perchè oltre a subire una violenza fisica è anche una violenza psicologica alla sua sessualità”

    Che lo stupro provochi contraccolpi psicologici questo non lo nego, ma questo vale anche per le altre violenze, e non di meno. Tu che ne sai, ipocrita che non sei altro, cosa si prova a livello psicologico e morale ritrovarsi, come me, con il mio corpo piccolo ed esile fatto a polpette da un omone il doppio di me sotto gli occhi della sua Femmina divertita che lo istigava? Tu parli tanto del “Corpo delle Donne” con uno spirito dal sapore mistico-religioso(ti ha fatto un bel lavaggio di cervello quella miserabile della Lorella Zanardo), arrivando a dire che una palpata sul sedere sia una forma di “controllo” del vostro corpo(ah sì?dimostrate con prove oggettive questa vostra teoria del cazzo, eh), io cosa dovrei dire a riguardo del mio corpo posseduto e fatto a pezzi da quella Bestia Criminale istigata dalla Femmina?

    “visto che mi ha stuprata anche se con le dita”

    questo non è stupro vero e proprio ma un abuso sessuale generico(per dirla breve, lo stupro è un caso particolare di violenza sessuale). Certamente è una violenza e va condannata senza se e senza ma(e io la condanno senza se e senza ma) da qui a dire che hai subito chissà quale crimine efferato ce ne vuole.

    “ma mi resta la rabbia ogni volta che sento di donne violentate e di stupratori impuniti”

    Mettiti l’animo in pace(te lo dico senza ironia alcuna), non esistono “stupratori impuniti”. La violenza sessuale è il reato più strapunito che ci sia, pensa che sono state addirittura violate garanzie costituzionali nella repressione di questo reato, immaginati se lasciano uno stupratore accertato tale(ultima sentenza di giudiuzioo) in libertà. Lascia stare le leggende metropolitane da bar o da FB. Segui questo blog, vedrai che troverai tutte le notizie in merito:

    http://ilvolodidedalo.blogspot.it/

    “ma dire che lo stupro è meno grave mi indigna parecchio…”

    Tesoro, sei tu che stai dicendo che lo stupro è più grave di un pestaggio, io semplicemente ti rispondo a tono e per le rime.

    Ora vediamo qualche altra tua affermazione nei commenti precedenti che mi era sfuggita:

    “SE IL CORPO APPARTIENE ALLA DONNA E’ LIBERA DI USCIRE COME CAZZO VUOLE PERCHE’ NON STA FACENDO DEL MALE A NESSUNO.”

    SE IL CORPO DEGLI UOMINI APPARTIENE ALL’ UOMO EGLI è LIBERO DI USCIRE COME CAZZO VUOLE SENZA CHE I SUOI ORMONI VENGANO ECCITATI E STIMOLATI SENZA IL SUO CONSENSO.

    “Tu sei il classico molestatore ”

    diffamazione, guarda che è un reato penale.

    .” SE UNA DONNA NON E’ LIBERA DI VESTIRSI COME VUOLE POI PERCHE’ UNO STRONZO DOVREBBE ESSERE LIBERO DI MOLESTARE IMPUNEMENTE?”

    Non ho detto che bisogna molestare impunemente. Cazzo, ma capisci quando uno scrive? E poi cazzo, se una donna è libera di vestirsi come pare e piace, perchè criticate tanto le tv che mostrano veline? Voi vi vestite meglio delle veline?Non mi sembra! Quindi la vostra è solo e soltanto invidia per le veline 😉

    “offendi la nostra femminilità ”

    Tu offendi la mia maschilità perchè consideri giusto che una donna stimoli e solleciti i miei ormoni sessuali SENZA il mio consenso.
    Il mio corpo è mio(e quindi anche i miei ormoni),e quindi lo gestisco io. 😀

    “perchè vestirsi scollate non significa essere zoccole…”

    Infatti, non ho detto che siete zoccole ma che vestite COME zoccole.Le vere zoccole sono Donne molto più dignitose e oneste di voi femministe, si vestono in una certa maniera per concedersi, non certo per il mero gusto di provocare come fate voi femministe e simili.

    “…se poi vorresti mandare in galera chi indossa una minigonna.”

    Ma no, non hai capito, fosse per me la galera scomparirebbe, io sono di sinistra e quindi sono contro il carcere e la repressione. Io ho detto che seguendo il vostro ragionamento, cioè concepire una molestia come un qualcosa di soggettivo in base al proprio soggettivo sentire personale, allora si dovrebbe mandare in galera anche una donna in minigonna in quanto anche loro “turbano” molti uomini.

    “Sei solo un poveraccio frustrato sessualmente (perchè ujna persona che non è frustrata nn ha bisogno di molestare o giustificare ma condanna le molestie) hai poco rispetto delle donne e saicosa ti dico, che fanno bene a non dartela!”

    Dal momento che offendi la mia dignità, sai che ti dico? che hanno fatto bene ad abusarti. Così siamo pari. O solo tu puoi offendere la condizione degli altri? Deridi e ti accanisci contro le persone frustrate ben sapendo(come tu stesso hai candidamente ammesso) che una persona soddisfatta sessualmente e sentimentalmente non molesterebbe nessuna donna, troppo facile per chi sta bene fare il bravo, non altrettanto per chi è solo e non ha avuto nulla dalla vita! Forti con i deboli, e deboli con i forti. Vigliacche!

    “Secondo te il dolore dei cari della vittima conta di più del colore della vittima?”

    Io sto parlando del dolore dei cari di una vittima di omicidio.E’ ovvio che il dolore di una persona stuprata è più grande di quello dei suoi cari.

    “Ti piacerebbe che le donne tornassero a subirle in silenzio?”

    Mannò, le violenze VERE vanno denunciate. Semmai vorrei che voi femministe e simili la finiste di romperci i maroni.

    “, giudico lo stupro molto peggio di una violenza fisica perchè riduce la donna ad un oggetto con un corpo non suo”

    giudico il pestaggio molto peggio di uno stupro perchè riduce l’uomo ad un oggetto(alla stregua di un pungiball) con un corpo non suo.

    “Meriterebbero la castrazione fisica chi stupra ”

    Ma quanto è tenera ‘sta ragazza 😀 Su Femminismo a Sud ci tengono tanto a farci sapere che loro sono contro le” misure repressive e autoritarie”, ora una di loro, Mary, oltre a invocare galere a destra e a manca, chiede anche le mutilazioni dei genitali maschili come misura repressiva nei confronti degli stupratorum. Mauro,ma la FikaSicula legge ciò che dice questa ragazza? Oppure le FaS predicano bene e razzolano male?

    Comunque, cara Mary, io non ce l’ho con te(per quante porcherie infami stai vomitando), io ce l’ho contro quelle arpie di Terragni e Zanardo che hanno indottrinato voi ragazze a coltivare queste idee così aberranti. Ti consiglio di disintossicarti da questo liquame ideologico in cui sei immersa.

    E con questo chiudo.

    Buona Fortuna.
    raffaele

  33. raffaele permalink
    14 giugno 2012 10:44

    p.s: mi ero dimenticato di alcune cose:

    ” perché incapace di usare il pene per dare amore, piacere e per scopi biologici.”

    No, veramente un uomo deve usare il pene INNANZITUTTO per il PROPRIO piacere, questa vostra visione UNILATERALE nel considerare e pretendere che la sessualità e i sentimenti di un uomo debbono essere incentrati e orientati principalmente sui vostri bisogni ed esigenze, la dice lunga su come considerate noi uomini, oggetti e bancomat al vostro servizio(che vi facciano impazzire a letto, che vi scarrozzino a a destra e sinistra, che vi mantengano, che vi difendano, che vi facciano ridere al sentire al centro dell’ attenzione, ), e poi saremmo noi quelli che considerano “oggetti” voi donne? Che ipocrita.

    “Stai forse giustificando il femminicidio?

    Non esiste nessun femminicidio, una donna viene uccisa per le stesse ragioni per cui viene ucciso un uomo, non esiste nessun movente di Genere(“uccisa in quanto donna”) dietro gli omicidi di donne. Per non parlare poi del fatto che l’80 delle vittime di omicidio è maschile. Prima non lo sapevi, ora lo sai. Esiste invece l’ omicidio che vede vittime sia uomini che donne. Leggiti quell’ articolo sul blog di Lameduck, una femminista molto nota nel web, e noterai che anche lei non condivide la definizione e il concetto di “femminicidio”

    “le donne devono appunto stare su un piedistallo, farsi valere come persone e non come oggetti per far in modo che stupri e femminicidi diminuiscano,”

    No, mary, invece dovete scendere dal piedistallo e comportarvi da pari a pari con noi uomini perchè siete pari anoi uomini non siete superiori. La stragrande maggioranza di omicidi di uomini contro donne avvengono in contesti in cui lei calpesta i sentimenti di lui e lio pianta in asso mollandolo,oppure se sposata, quando divorzia, glòi priva di casa, figli e soldi. In questi contesti scaturiscono questi omicidi, cara Mary. E pensare che ne sono pochi in rapporto ai milioni e milioni di padri separati maltrattati e rovinati dalle ex mogli. L’ omicidio va sempre condannato senza se e senza ma per prevenirili bisogna intervenire sulle cause. Noi sai che violenza chiama violenza? Invece voi accecate dall’ odio ideologico fate credere che questi omicidi avvengono perchè gli uomini vogliono esercitare il loro “potere” su di loro, una motivazione di comodo per la vostra becera ideologia che non fa altro che avallare e creare nuovi omicidi perchè solo così pote alzare il vostro vessillo sul “femminicidio” aggiornando le vostre macabre liste nei vostri blog. Della vita di quelle donne ammazzate non ve ne frega nulla, perchè se ve ne fregaste cerchereste di risolvere le cause.

  34. giovanni permalink
    14 giugno 2012 18:40

    http://it.tv.yahoo.com/blog/tv-star/costanza-caracciolo-per-fare-la-velina-non-ti-082807768.html?nc
    Ma Costanza ammette che sono stati quattro anni “da sogno” e rimanda al mittente le accuse e le polemiche sul ruolo puramente decorativo delle Veline: “È una polemica che non capisco. Striscia è così da 25 anni e poi siamo nel 2012, ancora ci scandalizziamo perché due ragazze ballano sulla scrivania di un tg satirico? Siamo due ventenni che hanno avuto la possibilità di ballare sul bancone più famoso d’Italia e sempre in modo consono, quindi sempre ben vestite, carine, fresche. Perché venire a fare la morale proprio a noi?”.

  35. giovanni permalink
    18 giugno 2012 07:13

    mary non risponde più…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: