Skip to content

la violenza delle donne non esiste

21 marzo 2012

Scrivo questo post mentre sto ascoltando i cento passi dei modena city ramblers

d’altronde ,si diceva che pure la mafia non esiste …

leggete questo post del blog un altro genere di comunicazione

http://comunicazionedigenere.wordpress.com/2012/03/21/il-corriere-del-giorno-e-la-lettera-misogina-di-un-lettore/

era da tanto che non gli dedicavo un post ,forse si sono anche un pochino offese ma,andiamo con ordine

Mi sono soffermata per l’appunto su questo spazio e ho pensato che fosse un’ottima idea quella di dar voce ai cittadini cedendo un piccolo spazio dove poter dire la propria.

Accanto a lettere di protesta su cattive amministrazioni comunali, eccessiva spazzatura e mancato igiene nelle strade mi sono scontrata con la lettera di un uomo, dal titolo “La violenza delle donne sugli uomini”.

certo ,grande idea ,ma solo per chi la pensa come loro se ,invece ,la voce è fuori dal coro ,da buona l’idea diventa  “cattiva”

questo mi ricorda un marocchino che ho conosciuto in montagna , il solito venditore ambulante ,simpaticissimo ,che eri tuo amico se compravi qualcosa ,non tanto amico se te ne andavi senza prendere niente …:)

ho letto la lettera , perfetto ,uomo deluso ,da un matrimonio sbagliato ,bile e rancore ecc ecc , ma ,la lettera che ,ovviamente è scritta male (come questo blog dal resto ,ma questo lo so da me ,purtroppo) ,che ,dai commenti si è preso del sfigato ,perdente ,simile a fantozzi …ma ha detto una cosa cosi fuori dal mondo ?

a chi dobbiamo credere a queste qui ,di un altro genere di comunicazione che tirano fuori numeri che ,la violenza è solo maschile o ad un sito come uomini beta che ,con un articolo ,come un brusco risveglio ,d’altronde riporta un servizio del TG3 dice chiaramente che uomini e donne ,in fatto di violenza sono presso chè equiparati ?

http://www.uominibeta.org/2011/09/26/violenza-di-genere-violenza-maschile/

ma ,poi andiamo pure al paradossale …

Pubblicare una lettera di questo calibro, non è libertà di stampa – anche perchè non era lo scritto di un giornalista e si nota all’istante- è appoggiarne i contenuti e soprattutto comunicarli a chi andrà ad acquistare e leggere il giornale.

che centra che non sia scritto da un giornalista in uno spazio dedicato ai lettori ?

Questo uomo ,sfigato, rancoroso ecc ecc ,ha detto una sua opinione , ai lettori dissentire o meno ,perchè ,se avessero scritto che gli uomini sono animali stupratori ,sarebbe stata cosa buona e giusta ?

dire che la violenza è anche femminile diventa un oltraggio ?

comunque si dice che non esiste ,come detto prima ,la mafia

non è esistito l’olocausto

figurarsi se una donna commette violenza …

Annunci
10 commenti leave one →
  1. giovanni permalink
    21 marzo 2012 18:15

    beh a onor del vero quello che viene contestato non è che anche le donne commettono violenze, ma che donne e uomini commettono violenze in egual misura…

    • 21 marzo 2012 18:29

      si vero Giovanni ,ma hai visto i numeri …
      Il 90 % delle violenze sessuali hanno riguardato le donne
      l’81% dei maltrattamenti in famiglia hanno riguardato le donne
      queste cifre ,lasciano ben pochi dubbi che ,praticamente la violenza è solo maschile ,invece ,secondo il sito di uomini beta le cifre sono differenti e guarda bene , non è una lotta chi ha fatto meno morti ,vince una bambolina … la violenza non ha sesso punto e basta

  2. giovanni permalink
    21 marzo 2012 20:59

    beh che il 90% sia fatto da donne nn mi stupisce… la cosa allucinante è che quasi sicuramente tra le “violenze sesuali” rientrano anche le toccatine di mezzo secondo, pure se fatte in modo scherzoso e spiritoso!

  3. Stef permalink
    21 marzo 2012 22:33

    1) Il tuo post non ha un senso logico.
    Paragonare la negazione della mafia alla negazione della violenza femminile sugli uomini fa piuttosto ridere: il primo è un fenomeno secolare gravissimo, il secondo non è un fenomeno, è un fatto episodico.
    2) Usare a sproposito il povero Impastato per prendertela con le femministe, che non fanno che difendere un genere storicamente oppresso da millenni lo trovo un insulto alla memoria di Peppino.
    3) Non ho mai letto le femministe negare la violenza femminile ma ho letto gli antifemministi negare la violenza maschile o tentare di dividersi la violenza a metà per pulirsi la coscienza, nonostante basti aprire in quotidiano qualsiasi, ma pure solo ascoltare cosa ti succede nel vicinato.
    4) Semmai direi che negare la violenza maschile sulle donne sia pure peggio che negare la mafia. Almeno la mafia è nata da 150 anni, un secolo, va’, ma la violenza maschile è nata migliaia di anni fa.
    5) Per me si farebbe una figura migliore a crescere come uomini, sottolineando che non stiamo mai dalla parte dei violenti. Quello che fate secondo me mette il genere maschile in cattiva luce molto più che la denuncia della violenza di genere fatta dalle femministe.
    6) Chi si crede democratico e poi non fa che negare il sacrosanto diritto delle donne a difendersi, non è democratico per niente.
    Ciò detto, spero che pubblicherai il mio commento.
    Mi dissocio da quello che hai scritto e pure dalla punteggiatura.
    Stef

  4. luigicorvaglia permalink
    22 marzo 2012 12:42

    Non è che debba essere io a difendere Mauro, ma il tuo commento è disseminato da varie inesattezze.
    A) Le donne non sono un genere storicamente oppresso da millenni. Non di meno e non di più di quanto possano esserlo stati o sono gli uomini. Questa è pura corbelleria femminista. Potresti spiegarmi in questi millenni d’oppressione cosa facevano gli uomini? Cappuccetto Rosso al confronto è un trattato di filosofia. Carissimo/a Stefano/nia la verità è che l’oppressione è sempre stata di classe. Da sempre. Tra chi ha e chi non ha. I soldi, il potere, il sapere e cosi via …. altro che ‘ste scemenze da persone con la panza piena.
    B) Le femministe ammettono il lato oscuro del loro sesso? Dove? Quando? Fino ad ora non è successo. Che la singola militante lo ammetta ci può stare, gli do credito. Ma purtroppo dobbiamo attenerci ai fatti. Ed i fatti dicono che sia il femminismo storico sia l’attuale post-femminismo istituzionale va in tutt’altra direzione.
    C) Guarda che se adesso ci stanno degli uomini, tra cui il sottoscritto, che scrivono mettendo l’accento sulla violenza al femminile, non lo fanno per negare il lato oscuro del maschile. Lo fanno semplicemente per destrutturare il raccontino femminista che, svolto in maniera più o meno eccelsa, in maniera diretta o indiretta, a seconda delle capacità mentali del/della declamante conclude sull’intrinseca violenza degli uomini. Ovviamente se io (femminista) questa favola la racconto milioni di volte ed a tutti i livelli, senza mai parlare della mia (di genere) violenza, in maniera implicita ma efficacissima faccio passare il messaggio, disseminato ovunque nei media e nelle istituzioni, che il genere violento per eccellenza è quello maschile. Non dicendo nulla su quello femminile, solo per assenza, ne asserisco la natura pacifica, quasi angelica. Sulle motivazioni non mi dilungo.
    D) Io mi ritengo democratico e di sinistra per di più, perché difendo (o almeno cerco di farlo nell’arco delle mie capacità) i deboli. Punto e basta. Non faccio distinzioni di sesso, età o nazionalità. Il femminismo pretendere di difendere le donne a prescindere. Perché tali. A prescindere anche dal censo. Ed è quindi un mio nemico naturale.

    • Lucy permalink
      17 luglio 2017 01:59

      In millenni gli uomini seguivano: Aristotele, i padri della Chiesa, le leggi di Manu e il rogo delle vedove (anche bambine) indù, Maometto e le sue schiave prese in guerra, i piedi di loto cinesi ecc.
      ah già, ma non è mai esistito il maschilismo e la misoginia, il segregare in casa le donne, i delitti d’onore, le mutilazioni genitali, lo sposarsi lo stupratore, il venir lapidate… Peccato che se apro un libro di Aristotele (e campany) ce ne trovo, di frasi contro le donne, credute e stigmatizzate come delle deficienti difettose e imperfette.

      Sì vede che le nazifemministe hanno proprio inquinato tutte le fonti 😀 facendoci credere che i greci (che hanno fondato la cultura europea) fossero misogini… vero signor Luigi? o forse è Lei che ignora il contesto culturale occidentale (e non), i grandi classici del pensiero?

  5. giovanni permalink
    22 marzo 2012 12:50

    Per quanto riguarda la punteggiatura, basterebbe mettere meno virgole e qualche punto fermo in più…

  6. luigicorvaglia permalink
    22 marzo 2012 14:48

    Semmai direi che negare la violenza maschile sulle donne sia pure peggio che negare la mafia. Almeno la mafia è nata da 150 anni, un secolo, va’, ma la violenza maschile è nata migliaia di anni fa. (Stef)
    La violenza non è ne maschile ne femminile. La violenza è femminile ed è maschile. Mi dispiace per te ma le frasi precedenti sono entrambe vere. La violenza è insita nella vita stessa e siamo solo noi umani che possiamo definirla come tale. Imparare a controllarla e circoscriverla è l’unica cosa che possiamo fare. E per farlo dobbiamo guardare la realtà, analizzarla per quello che è, senza bende ideologiche sugli occhi.
    Mi dispiace poi che abbiate, anche in negativo, questa tendenza a mettervi sempre al centro di tutto, ma (se vogliamo metterla giù in maniera manichea) gli uomini vi proteggono infinitamente di più di quanto vi facciano violenza.
    Vatti a leggere le statistiche, complete, oltre il proprio ombelico di sesso. Scoprirai che la cosiddetta violenza maschile è rivolta, con percentuali bulgare contro il proprio sesso. O forse quelle morti non contano?
    Comunque riguardo alla violenza ti consiglio di leggere
    http://www.uominibeta.org/2012/03/06/lombra-e-piero/
    Non è scritto da illustri pensatori, ma da persone normali. E quindi tanto più genuino e veritiero.

  7. 22 marzo 2012 15:59

    quando ho aperto questo blog ,non avevo poche titubanze in merito ,una su tutti ,la mia scarsa propensione alla scrittura ,non so ,sembra più forte di me ,sarà che ,come si dice dalle mie parti sono un pochino “musso” (andate a ricercare su google cosa vuol dire;) ) e non riesco a scrivere in maniera decente ,ma ho detto “Beh ,diamo spazio a chi è censurato ,tra qui il sottoscritto” ….
    ma veniamo ai punti che mi vengono contestati
    1 Paragonare la negazione della mafia alla negazione della violenza femminile sugli uomini fa piuttosto ridere: il primo è un fenomeno secolare gravissimo, il secondo non è un fenomeno, è un fatto episodico.
    risp,, può darsi ,ma sempre di negazione si tratta ,e francamente non credo che esistano violenze di serie A e di serie B ,non è che la violenza l’ha fatta una donna e non la mafia ,faccia meno male
    2-Usare a sproposito il povero Impastato per prendertela con le femministe, che non fanno che difendere un genere storicamente oppresso da millenni lo trovo un insulto alla memoria di Peppino.
    risp..come da copione ,per mettere in difficoltà chi scrive ,si usa il metodo dell’offesa del personaggio (suo malgrado) illustre ,”stai attento che offendi il tizio X,con le tue parole ” sarà per la mia propensione ad essere “musso” ,ma ,con tutta la mia buona volontà ,non riesco a trovare un offesa degna di questo nome ,ho messo il video dedicato a Peppino Impastato ,proprio per dare più forza alla oscenità che la mafia non esiste ,cosi come la violenza femminile ,dove l’offesa in tutto ciò?
    3- Non ho mai letto le femministe negare la violenza femminile ma ho letto gli antifemministi negare la violenza maschile o tentare di dividersi la violenza a metà per pulirsi la coscienza, nonostante basti aprire in quotidiano qualsiasi, ma pure solo ascoltare cosa ti succede nel vicinato
    risp..ti rispondo tale e uguale a Luigi ,dove? quando ? ,ma se parlano solo ed esclusivamente di quanto sono cattivi gli uomini ,almeno un pochino di coerenza , che ci siano uomini violenti è fuori discussione ,ma non che la violenza è intrisa nel genere maschile ,è questo pensiero nazista che io combatto ,altro che storie ,ma scusa ,ammettiamo che tu sia un uomo ,quindi anche da te ,il gene della violenza ,secondo le femministe ,potrebbe nascere ,a questo punto ,come ho ripetuto più volte ,l’unica soluzione sarebbe quella di far sparire il genere maschile ,o con una pulizia etnica o cambiando sesso ,4-Semmai direi che negare la violenza maschile sulle donne sia pure peggio che negare la mafia. Almeno la mafia è nata da 150 anni, un secolo, va’, ma la violenza maschile è nata migliaia di anni fa.
    risp… qui ,non si nega niente ed ho detto che non facciamo a gara a chi fa più male ,la violenza della mafia ,la violenza degli uomini e sugli uomini ,è sempre violenza ,qui ,mi sembra che ,come una è nata prima faccia più male ,scusami ,ma questa è una stupidaggine
    5- Per me si farebbe una figura migliore a crescere come uomini, sottolineando che non stiamo mai dalla parte dei violenti. Quello che fate secondo me mette il genere maschile in cattiva luce molto più che la denuncia della violenza di genere fatta dalle femministe.
    risp–non so in che siti vai te ,ma io frequento ,oltre a uomini beta ,anche uomini3000 e ragioni maschili (negli ultimi due solo come spettatore) ,ma non ho mai visto commenti di giubilo per ogni donna ammazzata ,sappiamo benissimo per chi ,si occupa di questione maschile ,queste notizie sono come bombe ad orologeria che opprimono i nostri piccoli passi di crescita , eppure i nostri sforzi è di far capire ce esistono uomini che non vanno a casa e picchiano (come sembra usuale in alcuni siti femministi ) esistono uomini diversi che ,non sono violenti ,ma allo stesso tempo dicono no ,ad un potere di “genere” ,come dice giustamente Luigi ,la lotta di classe ,quella che era nata la sinistra è sparita ,per far parte alla lotta di genere .quindi non mi si può dire che Belen ,con i suoi 40000 euro presi a Sanremo è vittima del sistema maschilista e io che sono operaio “colgo i frutti ” di questo sistema ,capisci che c’è qualcosa che non va?
    eppure in siti come il corpo delle donne ,assolvono la Belen di turno e massacrano l’uomo operaio,muratore e carpentiere , è questa la nuova sinistra che vogliamo ?
    6) Chi si crede democratico e poi non fa che negare il sacrosanto diritto delle donne a difendersi, non è democratico per niente
    risp.. .e il sacrosanto diritto degli uomini a difendersi ? la democrazia dovrebbe aiutare i due generi e non uno solo

    • Lucy permalink
      17 luglio 2017 02:03

      “non so in che siti vai te ,ma io frequento ,oltre a uomini beta ,anche uomini3000 e ragioni maschili”
      OVVIAMENTE. “io frequento le biblioteche, dove leggo libri sul femminismo prima di scrivere ciò che penso del femminismo”, no, questa non è una frase che vedremo mai scritta.
      Sicuro che scambia “il venir censurato” (?) con “l’essere omesso perché scrive cose del tutto prive di fonti”?

      Scusi signor Mauro, sto andando un po’ a muzzo, ma ancora non ho trovato un suo articolo corredato da fonti e citazioni precise, dei vari saggi e libri femministi, nelle loro diversità, visto che una femminista islamica è diversa da una femminista atea (Lei che ne dice? la saprebbe vedere la differenza tra l’una o l’altra, o sono tutte un minestrone indifferenziato?)

      va bè, la saluto, torno a sfruttare i minatori. “che mangino brioches!” 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: